Skip to content

Stare bene dentro e fuori: promuovere la prosocialità nella Scuola Primaria con il programma CEPIDEAS junior

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Discenza
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Giovanni Maria Vecchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Parlare di educazione alla prosocialità a scuola non è affatto facile, seppure sia molto probabile trovarla già insita nelle persone il vocabolo è ancora quasi inutilizzato. Effettivamente abbiamo evidenze da ricerche scientifiche piuttosto recenti: solo intorno agli anni sessanta e settanta negli Stati Uniti, un contesto quindi abbastanza lontano dal nostro, sono iniziate ricerche che avevano come obiettivo quello di dimostrare scientificamente quanto il benessere degli alunni influisse sul loro adattamento psico-sociale, sul rendimento scolastico e, ragionando con una visione più ampia, sulla creazione di una società collaborativa ed attiva.
La prosocialità non è quindi un concetto che da sempre la società e le istituzioni hanno cercato di promuovere.
Come vedremo per prosocialità si intende quell’insieme di atteggiamenti, comportamenti e pratiche volti a recare beneficio al prossimo, sono impliciti perciò il dare conforto e aiuto, il prendersi cura, il condividere e cooperare, tutto ciò che induce quindi un benessere psichico e fisico. La vera rivelazione sta nel fatto che quest’ultimo non è avvertito solo da chi lo riceve, ma anche da chi attua questo tipo di comportamenti.
Quale luogo quindi, se non quello della scuola, che prepara i cittadini del futuro, dobbiamo considerare terreno fertile per iniziare a parlare e a praticare la prosocialità? La scuola è per eccellenza il luogo in cui formare le competenze e le abilità richieste dalla vita sociale, nonché le conoscenze per poter interagire efficacemente con le altre persone.
Educare alla prosocialità vuol dire creare legami interpersonali che sottostanno a qualsiasi forma di interdipendenza positiva tra persone e gruppi. L’esercizio di una precoce cittadinanza attiva sollecita a promuovere un’educazione incentrata sui valori dell’uguaglianza e del rispetto reciproco, nonché delle abilità del saper stare insieme, del riconoscimento dell’altro.
Nel primo capitolo verrà sviscerato il concetto di prosocialità: gli aspetti teorici, l’evoluzione nelle varie fasi di sviluppo e la teoria sottostante cioè valori e tratti di personalità che, assieme alle convinzioni di autoefficacia, meglio spiegano l’insorgenza della messa in atto di azioni prosociali. Infine verranno esposte sempre facendo riferimento ad evidenze scientifiche più e meno recenti, come si riversa, o potrebbe riversarsi questo concetto all’interno dell’ambiente scolastico.
Nel secondo capitolo, facendo riferimento alle cinque componenti proposte dal modello CEPIDEAS, si andrà ad indagare ed approfondire un concetto strettamente correlato alla prosocialità, quello dell’empatia: le origini, gli sviluppi e l’implementazione all’interno del contesto scolastico. Verrà inoltre analizzato perché empatia e prosocialità sono aspetti imprescindibili.
Nel terzo capitolo verranno esposti diversi modelli analoghi al modello CEPIDEAS junior, modelli che si sono distinti per la promozione di comportamenti prosociali o, più in generale, per il comune obiettivo del perseguimento del benessere all’interno del contesto scolastico.
Il quarto ed ultimo capitolo si focalizza sulle metodologie, sulla progettazione e sull’analisi dei risultati rilevati durante l’attuazione del progetto di ricerca-azione “Educare alla prosocialità nella scuola primaria: il modello CEPIDEAS junior”, coordinata dal responsabile scientifico Professor Giovanni Maria Vecchio e svolto durante il tirocinio formativo organizzato dall’Università degli studi di Roma Tre.

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Discenza
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Giovanni Maria Vecchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Capitolo 1. La prosocialità 1.1 Aspetti teorici della prosocialità “La scintilla che fa scaturire la preoccupazione umana per gli altri, la colla che rende possibile la vita sociale” – Hoffmann Per spiegare cos’è la prosocialità, vista l’assenza di questo termine all’interno dei vocabolari malgrado l’utilizzo sempre più frequente nel nostro quotidiano, possiamo innanzitutto chiarire cosa non è: sarebbe errato considerare questo concetto come il contrario di antisociale, cioè qualcosa di pericoloso ed ostile alla società e allo stesso modo è troppo semplicistico considerarlo come sinonimo di altruismo, l’amore incondizionato per il prossimo; i propositi altruistici infatti non sempre riescono a tradursi in condotte prosociali efficaci. La volontà di modificare gli atteggiamenti dell’odierna società sempre più protesa alla discordia, all’individualismo e alla competizione potrebbe partire dal nocciolo del concetto stesso di prosocialità: fare del bene agli altri fa bene anche a sé stessi, contribuisce al benessere individuale e ad un sano funzionamento della società che si abita. Per prosocialità si intende l’insieme di atteggiamenti e comportamenti volontari, che si contraddistinguono per gli effetti benefici che producono negli altri senza la ricerca di una ricompensa immediata; appartiene alla sfera delle abitudini, delle pratiche e delle modalità abituali di interazione sociale ed implica comportamenti come il dare aiuto, conforto, condividere e prendersi cura. Le competenze prosociali però sono differenti dalla messa in atto di comportamenti prosociali, un individuo può essere in possesso di tutte le competenze necessarie all’aiuto e al conforto, ma non è ovvio che dia effettivamente un valore positivo a tali comportamenti prestando poi concretamente aiuto e conforto. Comprendere i meccanismi che governano questi comportamenti diventa priorità dal momento che il nostro intento è quello di promuovere forme di convivenza sostenute dalla collaborazione e dall’aiuto reciproco.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pedagogia
psicologia dello sviluppo
empatia
accoglienza
benessere
prosocialità
antisocialità
scienze della formazione primaria
cepideas
educazione e formazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi