Skip to content

L'avvento del terrorismo internazionale e la legislazione antiterrorismo: Stati Uniti e Regno Unito in chiave comparata

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Sanfilippo
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giulia Caravale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

Il terrore è un fattore di influenza che si è sempre presentato alle porte degli Stati, indipendentemente dal loro regime politico. Esso viene usato per conseguire determinati obiettivi esaltando una sorta di carattere teatrale della violenza, destinata a produrre una paura profonda e diffusa all’interno di una società in modo tale da condizionarne le istituzioni.
Il lavoro che segue nasce dall’attenzione nei confronti della pressione delle forze dissipatrici che il terrorismo esercita sul circuito democratico, che ha suscitato in me un vivo interesse verso la questione terroristica e le conseguenze che essa comporta per degli Stati di diritto. Il terrore usato come fine politico è un elemento che accomuna la storia di molti ordinamenti ed è noto che quello di più recente storia ha modificato rapidamente gli equilibri geopolitici mondiali all’indomani dell’11 settembre 2001, in un modo talmente intenso che vent’anni dopo ancora se ne risentono gli effetti.
È per questo motivo che il terrorismo è oggetto del presente lavoro che mira a costituire uno studio sviluppato su tre diverse direttici: una storica relativa all’avvento del terrorismo moderno ed ai primi tentativi di armonizzazione delle legislazioni nazionali per mezzo di trattati internazionali, una giuridica incentrata sugli strumenti normativi antiterrorismo degli Stati Uniti ed una comparativa volta a confrontare le contromisure del Regno Unito, un altro ordinamento giuridico di common law.
Dal primo tipo di analisi, l’argomento si sviluppa prendendo in considerazione innanzitutto la genesi del terrorismo per mezzo di una breve ricostruzione storica di quelle che sono state le cause e le motivazioni delle violenze e degli attentati a partire dal 1900. Successivamente si è messo in risalto il carattere globalizzato del fenomeno ricostruendo i contenuti e le innovazioni giuridiche principali delle Convenzioni internazionali adottate dalle Nazioni Unite in risposta al cambiamento somatico del terrorismo che rendeva necessario un intervento normativo, sia definitorio che organico, per alcune situazioni che non si erano mai prese in considerazione fino ad allora, come ad esempio il dirottamento aereo.
L’apporto della Comunità internazionale è stato importante perché ha cercato di rendere omogenea una normativa che a seconda dei contesti di riferimento poteva essere profondamente differente, criminalizzando aspetti che in altre realtà venivano tollerati. In questo modo è stato proficuo analizzare gli strumenti giuridici che dai trattati sono stati riproposti ed adattati nelle leggi nazionali dei due casi di studio, mostrando come il contributo delle Convenzioni internazionali e regionali sia stato essenziale per alcune tematiche, in particolare per il controverso aspetto della definizione stessa di terrorismo.
Cambiando approccio ed affrontando il tema dell’adattamento delle leggi degli Stati Uniti al terrorismo, sono state messe in luce le principali caratteristiche del fenomeno domestico e delle misure legali, prevalentemente di indagine e sorveglianza, disposte per fronteggiarne le violenze. Dopo gli attentati dell’11 settembre 2001, gli Stati Uniti iniziarono una guerra totale al terrore con l’invasione dell’Afghanistan che si è conclusa in modo quantomeno rocambolesco lo scorso agosto. Le leggi antiterrorismo approvate in tale contesto sono state a lungo oggetto di dibattito ed hanno posto in essere una serie di restrizioni particolarmente severe che hanno sollevato numerosi dubbi sulla compatibilità di tali previsioni con i diritti fondamentali costituzionalmente presidiati arrivando, in alcuni casi, a pronunce giurisprudenziali che hanno smentito le posizioni dell’Amministrazione.
In ultima istanza, si è considerata la legislazione antiterrorismo del Regno Unito in chiave comparata, sottolineando come il terrorismo sia stato affrontato in modo diverso, in primo luogo a causa del contesto Nord-irlandese che per decenni ha caratterizzato l’esperienza britannica. Una volta conclusa quell’emergenza, l’avvento di un terrorismo inedito e globale ha modificato radicalmente l’approccio del Governo, che ha optato per il consolidamento della legislazione e l’introduzione di misure proporzionalmente coerenti con la gravità del terrorismo in atto.

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Sanfilippo
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giulia Caravale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’avvento del terrorismo internazionale e la legislazione antiterrorismo: Stati Uniti e Regno Unito in chiave comparata I INTRODUZIONE Il terrore è un fattore di influenza che si è sempre presentato alle porte degli Stati, indipendentemente dal loro regime politico. Esso viene usato per conseguire determinati obiettivi esaltando una sorta di carattere teatrale della violenza, destinata a produrre una paura profonda e diffusa all’interno di una società in modo tale da condizionarne le istituzioni. Il lavoro che segue nasce dall’attenzione nei confronti della pressione delle forze dissipatrici che il terrorismo esercita sul circuito democratico, che ha suscitato in me un vivo interesse verso la questione terroristica e le conseguenze che essa comporta per degli Stati di diritto. Il terrore usato come fine politico è un elemento che accomuna la storia di molti ordinamenti ed è noto che quello di più recente storia ha modificato rapidamente gli equilibri geopolitici mondiali all’indomani dell’11 settembre 2001, in un modo talmente intenso che vent’anni dopo ancora se ne risentono gli effetti. È per questo motivo che il terrorismo è oggetto del presente lavoro che mira a costituire uno studio sviluppato su tre diverse direttici: una storica relativa all’avvento del terrorismo moderno ed ai primi tentativi di armonizzazione delle legislazioni nazionali per mezzo di trattati internazionali, una giuridica incentrata sugli strumenti normativi antiterrorismo degli Stati Uniti ed una comparativa volta a confrontare le contromisure del Regno Unito, un altro ordinamento giuridico di common law. Dal primo tipo di analisi, l’argomento si sviluppa prendendo in considerazione innanzitutto la genesi del terrorismo per mezzo di una breve ricostruzione storica di quelle che sono state le cause e le motivazioni delle violenze e degli attentati a partire dal 1900. Successivamente si è messo in risalto il carattere globalizzato del fenomeno ricostruendo i contenuti e le innovazioni giuridiche principali delle Convenzioni internazionali adottate dalle Nazioni Unite in risposta al cambiamento somatico del terrorismo che rendeva necessario un intervento normativo, sia definitorio che organico, per alcune situazioni che non si erano mai prese in considerazione fino ad allora, come ad esempio il dirottamento aereo. L’apporto della Comunità internazionale è stato importante perché ha cercato di rendere omogenea una normativa che a seconda dei contesti di riferimento poteva essere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi