Skip to content

La tecnologia RFID: il caso Decathlon

Informazioni tesi

  Autore: Donato Sabatino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: economia e management
  Relatore: Luca Giovanni maria Zanderighi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

Nel corso degli ultimi anni la tecnologia RFId è cresciuta in maniera esponenziale ed ha preso parte in tutto e per tutto nella vita delle società e delle persone, modificando il modo in cui le aziende operano sul mercato.
Questa tecnologia è considerata una “tecnologia consolidata” e viene utilizzata da organizzazioni quali produttori, distributori, rivenditori, operatori logistici, ospedali e biblioteche riscontrando numerosi benefici, in particolare le società stesse sono riuscite a ridurre e ridimensionare i costi di gestione mediante il tracciamento dei vari items lungo la supply chain, sono riuscite ad avere un inventario molto più preciso con un conseguente miglioramento dei dati sull’accuratezza delle scorte, sono riuscite a ridurre i tempi di ispezione e il costo del lavoro impiegato nelle operazioni di gestione delle scorte stesse.
Ovviamente, l’introduzione della tecnologia, oltre a numerosi benefici, riscontra anche degli aspetti negativi come la sicurezza e la privacy dei soggetti che la utilizzano, in quanto i vari software potrebbero essere oggetto di attacco da parte di hacker informatici, oppure i Tag RFId potrebbero deperirsi per diversi motivi.
Questo approfondimento sulla tecnologia RFId è suddiviso in due capitoli più una conclusione finale, la quale racchiude i vari benefici della tecnologia stessa e dell’analisi del caso pratico.
Il primo capitolo analizza a tutto tondo la tecnologia RFId con lo scopo di spiegare nel migliore dei modi che cos’è e come funziona, partendo dalle sue origini con un cenno storico della sua esistenza, fino al suo utilizzo in questi anni, ovvero come è stata implementata ed utilizzata dalle varie aziende. Successivamente si analizza la componente hardware dell’RFId, cioè le componenti che permettono il suo reale utilizzo, evidenziando le differenze tra i vari tipi di TAG e Reader con le principali limitazioni tecniche e pratiche della tecnologia, le quali riescono a trasformare tale progetto da un’idea astratta ad una concreta.
Il punto cardine di questo elaborato prevede l’analisi di un caso pratico: Decathlon, ovvero un’azienda a livello mondiale che ha deciso di introdurre il sistema RFId, abbandonando la “vecchia” tecnologia bar code con la “nuova”, anche se lo switch al 100% per certi aspetti risulta ancora difficile.
La scelta dell’azienda è stata dettata dal fatto che ho avuto la possibilità di effettuare uno stage all’interno di questo grande polo logistico, relazionandomi con diversi responsabili di diversi settori, apprendendo i benefici e le problematiche di questa tecnologia e, dopo aver maturato questa esperienza ho voluto approfondire e spiegare i motivi che hanno spinto Decathlon a decidere di adottare l’utilizzo di tale tecnologia per avere un minor costo con dei maggiori ritorni economici futuri.
Dopo un breve excursus inerenti gli aspetti generali dell’azienda, viene trattato come la tecnologia RFId è stata introdotta nei depositi logistici e nei punti vendita, in particolare al suo utilizzo nel deposito logistico di Basiano (MI), che è stato il primo polo ad esser stato aperto in Italia e adottare tale tecnologia.
Infine nelle conclusioni, si analizza il risultato di questo approfondimento sottolineando i metodi utilizzati dall’azienda per l’attuazione di tale tecnologia e i benefici che è riuscita a portare in termini economici e lavorativi.

Informazioni tesi

  Autore: Donato Sabatino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: economia e management
  Relatore: Luca Giovanni maria Zanderighi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
12 6. RFID VS BAR CODE Il bar code (il cd. Codice a barre) è stato ed è tuttora oggi una tecnologia d’identificazione automatica molto diffusa, infatti quasi tutti i prodotti di consumo e durevoli hanno etichette con codice a barre (in Europa il più diffuso è il codice EAN). Questo codice ha avuto una grande diffusione per il suo basso costo e la sua facilità d’uso ed ha permesso lo sviluppo e la diffusione di sistemi di marcatura a bar code direttamente sulle line di produzione e di spedizione, ma non solo, perché esso permette la realizzazione di un’etichetta con un’informazione scritta leggibile da una distanza predefinita. I vantaggi del bar code sono stati tutti incorporati e migliorati dai transponder dell’RFID come per esempio, la quantità d’informazioni contenute all’interno del bar code monodimensionale permette di gestire massimo 100 byte per etichetta invece i transponder dell’RFID possono gestire normalmente da 128 byte a 8 Kbyte. Il bar code fornisce un’informazione fissa, immodificabile e come detto in precedenza richiede la visibilità ottica dell’etichetta invece il transponder dell’RFID può modificare le informazioni di scrittura e non richiede la visibilità in quanto l’unico vincolo riguarda la distanza assoluta massima e può essere letto all’interno di altri contenitori. Il bar code, inoltre, è soggetto a deterioramento derivante dall’usura stessa dell’etichetta o dalle condizioni ambientali come polveri o luce solare e richiede una line of sight, ovvero un intervento umano il quale può presentare sempre errori. Al contrario il sistema RFID prevede una grossa immunità dalle condizioni ambientali, anche se potrebbero esserci dei TAG RFId difettosi che ne limitano l’uso e non prevede un intervento umano diretto. Per quanto riguarda il controllo qualità e gestione resi il bar code prevede dei limiti perché il tracciamento dei prodotti è possibile ma limitato, in quanto al massimo si può specificare il tipo di prodotto, con il transponder RFID, invece, questo controllo può essere molto accurato in quanto riesce ad identificare i singoli prodotti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi