Skip to content

La quinta voce, una tradizione castellanese

Informazioni tesi

  Autore: Maria Francesca Moro
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Ilario Meandri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

La quinta voce, una tradizione Castellanese è il titolo della mia tesi.
Tesi il cui argomento principale riguarda la Confraternita Oratorio di Santa Croce di Castelsardo; città del nord Sardegna nella quale le feste e le processioni scandiscono i tempi di quasi ogni abitante del paese.
In quest’ottica la Chiesa di Santa Maria assume un ruolo fondamentale. Sede della confraternita dal 1952, la chiesa è il luogo in cui i confratelli cantori dell’Oratorio Santa Croce si preparano per i rituali o le cerimonie alle quali sono chiamati a partecipare. I più importanti sono i rituali della settimana santa ed in modo particolare la giornata del Lunissanti che per i cantori è il centro stesso dell’anno.
Fin da subito i confratelli si resero conto che durante l’esecuzione di alcuni canti non si sentivano solo le quattro voci dei componenti del coro ma se ne percepiva una quinta. Si era dunque di fronte ad un importante fenomeno acustico; la quintina.
Si tratta infatti di un'illusione acustica in quanto nonostante i cantori che eseguono i canti siano quattro, l'orecchio percepisce ben cinque voci. Dopo aver studiato le teorie contrastanti di due etnomusicologi e verificato quale delle due fosse valida, ho approfondito la questione analizzando i diversi armonici con il software RX per capire il principio del fenomeno.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Francesca Moro
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Ilario Meandri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La Sardegna è un’isola ricca di tradizioni che gli abitanti tramandano da una generazione all'altra da tempi antichissimi. Oltre allo straordinario territorio, ad usi e costumi, riti e misteri che rendono unica questa regione, ciò che la contraddistingue maggiormente è la ricca tradizione musicale, sia orale che strumentale; una delle più antiche del mediterraneo. In diverse culture musicali il canto nasce dalla necessità di accompagnare occasioni cerimoniali o rituali: iniziazione delle ragazze, nascita di un bambino, la morte di un familiare etc. 1 Ogni cultura musicale organizza la voce, in forma monodica o polifonica e i relativi parametri timbrici, plasmando l’espressività vocale come mezzo di comunicazione e di espressione tra diversi individui. Nella storia della tradizione della musica Sarda, in un primo periodo, vi era una netta distinzione tra musica popolare e musica colta. La musica popolare sviluppatasi prima nelle zone rurali e poi diffusasi maggiormente grazie alle gare di canto nelle piazze durante le quali ciascuno intonava la propria canzone seguendo l’istinto, aveva come scopo principale quello di creare un clima gioviale e comunitario. Coloro che si occupavano di musica colta, i bottegai, si preoccupavano solamente di vendere quest’ultima a caro prezzo ma quando videro che la musica popolare progrediva e si sviluppava polifonicamente, cominciarono a raccoglierla copiandone solo le parti più significative perché spesso non erano in grado di studiarla e trascriverla nella sua completezza. 2 Non abbiamo documenti ufficiali che testimoniano la nascita della polifonia, sebbene rare fonti iconografiche o resoconti dei viaggiatori provano l’esistenza della musica fin dai tempi antichi. Un esempio è il bronzetto itifallico, reperto archeologico che risale al VII-VI secolo a.C. ritrovato ad Ittiri, paese limitrofo 1 Fornire un supporto teorico allo studio della musica in quanto comportamento umano generato all’interno di contesti sociali e comunitari specifici è l’obiettivo primario di ogni ricerca etnomusicologica. Si vedano sul punto le opere di Alan P. Merriam e John Blacking (ad esempio MERRIAM 1964 e BLACKING. 1973). 2 FARA,1998: 286.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tradizione
etnomusicologia
quintina
castelsardo
fenomeno acustico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi