Skip to content

Tutela e valorizzazione del Monte Orfano. La Convenzione tra Comuni

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Drera
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze geografiche
  Relatore: VALERIO BINI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Il Monte Orfano è un rilievo prealpino isolato situato nella parte sud-occidentale della Provincia di Brescia, all'interno della zona della Franciacorta e collocato fra i comuni di Coccaglio, Cologne, Erbusco e Rovato.
Il giorno 7 ottobre 2017, i quattro Comuni hanno stretto un patto trentennale per la sua tutela e valorizzazione, dando vita alla “Convenzione Comuni del Monte Orfano”, con l'intento di gestire il territorio del rilievo come un solo Ente, riunendo le risorse delle quattro comunità.
L'elaborato ha avuto l'obiettivo di illustrare e analizzare questa nuova realtà, conducendo un'indagine, espletata grazie alla realizzazione di dodici interviste ai protagonisti principali dell'accordo.
Dopo aver introdotto nel primo capitolo informazioni di carattere generale circa l'inquadramento geografico del Monte, inquadramento legislativo, caratteristiche geologiche, fauna, flora, monumenti e luoghi di interesse, utilizzi del Monte nel tempo, il secondo e terzo capitolo trattano nello specifico la recente realtà della Convenzione.
Dopo vari tentativi di accordo nel corso degli anni e il naufragio del Consorzio nato alla fine degli anni '80, verso la fine del 2017 nasce l'attuale Convenzione tra Comuni per il Monte Orfano. La nascita ha visto le premesse nella volontà, presente nel programma elettorale della lista civica Cambiamo Cologne, di istituire un PLIS. Il PLIS fu però messo in discussione per via di certe regole troppo stringenti e venne così adottato uno strumento di gestione più agile, la Convenzione.
La principale novità introdotta è stata la creazione di un capitolo di bilancio che prima non esisteva e che fornisce il budget funzionale allo svolgimento delle varie attività di tutela e valorizzazione.
La Convenzione è resa operativa dall'istituzione del Comitato Consultivo, composto da rappresentanti della Giunta, delle associazioni venatorie, dei proprietari di terreni, di associazioni del territorio portatrici di interessi e dall' Assemblea dei Comuni, composta dai quattro sindaci o loro delegati. Il comune capofila per i primi quattro anni è il Comune di Cologne, successivamente a rotazione spetterà agli altri comuni.
Rivestono un ruolo fondamentale i rapporti con le associazioni del territorio, presenti in prima fila per l'attuazione degli interventi concreti e la partnership con Fondazione Cogeme, centro di coordinamento per la realizzazione e organizzazione di progetti e iniziative.
L'anima del Comitato consultivo è molto eterogenea e presenta categorie che potrebbero trovarsi in contrasto tra loro. Vi sono cacciatori e ambientalisti, ciclisti e podisti. C'è un'idea di inclusività: si cerca il punto di incontro nelle decisioni per superare determinate problematiche legate al rilievo e avere come centro comune il bene del Monte, garantendo la fruibilità da parte di tutti, costituendo una ricchezza naturale e culturale.
Dalla sua nascita ad oggi la Convenzione ha dato il via ad una serie di attività finalizzate alla tutela e valorizzazione del Monte Orfano, di seguito riassunte:
-progetto didattico "Viviamo il Monte"
-nuova mappatura dei sentieri
-rapporto con l'UniBs e premio tesi di laurea
-eventi sportivi
-sito web, facebook e instagram
-contingenza del momento
-convegnistica, escursioni con guide naturalistiche
-iniziativa "Puliamo il Monte"
-affidamento dei sentieri alle associazioni del territorio
Tra le aspettative e i progetti futuri troviamo il proseguimento delle attività avviate e collaudate sopra illustrate, interventi significativi riguardo al problema della processionaria, che va ad inficiare e limitare la piena fruibilità del Monte. Sul lato operativo la prerogativa è di continuare a far dialogare le protezioni civili, l'antincendio per organizzare gli interventi in maniera coordinata. Vi è inoltre l'idea di provare a ragionare su come relazionarsi con il Pino Nero (non autoctono) ed avviare un progetto concreto.
Altre prospettive riguardano la messa in relazione dei diversi ambiti naturalistici presenti sul territorio franciacortino e cercare di creare quindi delle connessioni attraverso una serie di servizi.
La Convenzione ha dato nuova linfa a quella volontà di tutelare e valorizzare il Monte Orfano e ha sottolineato l'importanza della collaborazione tra le diverse realtà del territorio.
L'accordo potrebbe essere un modello da seguire per quelle realtà che, vedendosi per particolari motivi impossibilitate a rientrare negli strumenti regionali o statali, non vogliono rinunciare a creare un'istituzione che permetta la tutela o la valorizzazione di determinate aree naturali che ricadono nel territorio di loro competenza.
Alla luce degli elementi raccolti, chiudono l'elaborato considerazioni sui punti di forza e di debolezza della Convenzione.

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Drera
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze geografiche
  Relatore: VALERIO BINI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Al Monte Orfano Ai quattro Comuni Alla Franciacorta
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

valorizzazione
tutela
convenzione
franciacorta
monte orfano
coccaglio
erbusco
rovato
cologne

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi