Skip to content

Storia di un Brand: Indiegogo

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Macrì
  Tipo: Tesi di Master
Master in Brand Communication, il progetto, la costruzione e la gestione della marca.
Anno: 2017
Docente/Relatore: Mariana Ciancia
Istituito da: Politecnico di Milano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 24

Questo lavoro ha lo scopo di indagare l’ascesa e lo sviluppo del brand Indiegogo, uno dei principali leader nel settore del Crowdfunding.
In una breve introduzione parleremo di cosa sia il Crowdfunding, le sue origini sin dai tempi più antichi quando era meglio conosciuto come finanziamento collettivo ad oggi, trasformato in un vero e proprio mercato di investimento.
Il nuovissimo termine Crowdfunding infatti (crowd=folla e funding=finanziamento) fu coniato nell’agosto 2006 per la prima volta da Michael Sullivan ed utilizzato in occasione del lancio di fundvlog, un primo tentativo non riuscito di creare una piattaforma di raccolta di progetti ed eventi legati al mondo del videoblog, con all’interno una semplice funzione che prevedeva la possibilità di versare donazioni online per contribuire al loro sviluppo.
Questa nuova idea di finanziamento si rivelava essere molto più rapida, trasparente e social rispetto alle classiche vie per l’ottenimento di denaro da banche e istituti di credito, implicando un meccanismo di coinvolgimento e fiducia da parte della folla resa partecipe in progetti e investimenti in accordo con i loro interessi personali.
Con l’evoluzione del Web in 2.0 e la nascita delle comunità virtuali le persone inizieranno a condividere sempre di più con gli altri i loro interessi e le loro passioni, grazie anche all’affermazione dei primi social network come MySpace (2003), Facebook (2004), YouTube (2005), Twitter (2006) che saranno destinati ad una crescita importante ampliando così la possibilità di comunicare.
Indiegogo è una piattaforma di crowdfunding dalla filosofia principalmente aperta, basata sulla possibilità di garantire i fondi a chiunque abbia un’idea nuova. Questo è lo scopo che la piattaforma persegue negli anni mutando nell’approccio, nella strategia e persino nell’aspetto, ma mai nella missione che sta tanto a cuore ai suoi creatori: democratizzare la raccolta fondi rendendola alla portata di tutti.
Il processo di finanziamento è semplice e trasparente con un aspetto social in cui le persone che finanziano, i Bakers, diventano parte attiva del progetto sostenendo altre persone, cause che stanno loro a cuore o il semplice desiderio di prendere parte a qualcosa di più grande.
Dal punto di vista degli imprenditori invece ognuno è libero di pubblicare il proprio progetto e considerando il grande afflusso di persone attive sulla piattaforma, ciò consente ad aziende di testare i loro prodotti in anteprima, design, caratteristiche e prezzi vengono valutati da potenziali investitori prima di un eventuale lancio sul mercato, evitando nel peggiore dei casi la perdita di capitale e ottenendo talvolta feedback dai potenziali consumatori.
La nascita e lo sviluppo di Indiegogo hanno determinato un cambiamento nel modo di approccio e sviluppo non soltanto di idee ma anche nella nuova concezione di concretizzazione di esse attraverso l’investimento economico che proprio grazie alla piattaforma ha contribuito a creare una partnership tra creativo investitore e fruitore.

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Macrì
  Tipo: Tesi di Master
Master in Brand Communication, il progetto, la costruzione e la gestione della marca.
Anno: 2017
Docente/Relatore: Mariana Ciancia
Istituito da: Politecnico di Milano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 24

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL FINANZIAMENTO COLLETTIVO LA NASCITA DEL CROWDFUNDING La storia del microcredito affonda le sue radici in tempi assai distanti dai nostri ed è bene, prima di addentrarci nell’epoca moderna, fare un piccolo passo indietro e partire dal principio. Era il lontano 1700 quando Jonathan Swift (Dublino, 1667-1745) scrittore e poeta irlandese, ispirò il programma Irish Loan Fund che, coordinato dagli istituti collettivi di microcredito, consentiva alle famiglie a basso reddito e con scarse garanzie ma ugualmente meritevoli di credito, di poter beneficiare di prestiti a breve termine di piccole somme, dai 5 ai 10 pounds, rimborsabili in rate settimanali da 2 a 4 scellini senza interessi. Per evitare di perdere ciò che veniva investito i mutuatari dovevano presentare due vicini che facessero da garanzia ai fini del finanziamento, ai quali, in caso di mancato pagamento, sarebbero stati notificati i ritardi, con la possibilità di portare tutti e tre in tribunale. Questo sistema di prestiti si avviò con successo e entro la metà del 1800 furono avviati più di 300 programmi in tutta Irlanda con più del 20% di famiglie aderenti. Un altro esempio più recente fu quello della raccolta fondi istituito per finanziare il piedistallo e l’istallazione della statua della libertà di New York. Nel 1885, Joseph Pulitzer (Ungheria, 1847 – Charleston, 1911) giornalista ed editore del giornale The World venne in aiuto del Comitato americano per la Statua della Libertà il quale avendo raccolto solo 150.000 dei 300.000 dollari necessari al progetto si ritrovò senza fondi per il completamento dell’opera. Pulitzer pubblicò un articolo sul suo giornale ed in soli sei mesi riuscì a raccogliere 100.000 dollari grazie alle donazioni, per la maggior parte da 1 dollaro o meno, le quali garantirono il completamento dei lavori; per ringraziare i cittadini del contributo fu pubblicato il nome di ognuno sullo stesso giornale di Pulitzer e ciò contribuì anche ad aumentarne le vendite. Da questi esempi storici protratti nel tempo, si evince un primo tentativo di risposta ad una domanda collettiva così ampia che solo nell’epoca del Web potrà finalmente trovare un’offerta soddisfacente. Il nuovissimo termine Crowdfunding (crowd=folla e funding=finanziamento) coniato nell’agosto 2006 per la prima volta da Michael Sullivan fu utilizzato in occasione del lancio di fundvlog,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

raccolta fondi
crowdfunding
indiegogo
kickstarter
finanziamento collettivo
microfinanziamento
patreon
gofundme

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi