Skip to content

Sviluppo, sostenibilità finanziaria ed esperienza italiana del Reddito di Cittadinanza

Informazioni tesi

  Autore: Piepaolo Amadori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Martina  Menon
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

L'argomento trattato da questa tesi ha molteplici significati ed è per questo oggetto di confusione soprattutto in Italia, infatti ho voluto fare chiarezza prestando attenzione al concetto ed ai caratteri principali del reddito di cittadinanza, o reddito di base incondizionato, che viene molto facilmente confuso con il termine di reddito minimo garantito.
Il reddito minimo garantito è uno strumento che assicura a ciascun individuo una soglia minima di reddito, sotto della quale non deve scendere, non si attribuisce incondizionatamente a tutta la popolazione, ma è uno strumento solo per coloro che non riescono a raggiungere la soglia minima di povertà.
Il reddito di cittadinanza incondizionato (cosiddetto Universal Basic Income) invece, consiste in un reddito in denaro erogato dallo Stato, ad ogni singolo membro della società, indipendentemente da qualsiasi entrata e vincolo, ovvero non si hanno obblighi a cui si deve assolvere come contropartita. Questo schema consentirebbe di combattere assieme al raggiungimento della piena occupazione, che negli ultimi anni ne è diventato sempre più difficoltoso il raggiungimento, anche altre tipologie di problemi come ad esempio la povertà, la disoccupazione e la precarietà.
Nella trattazione del primo capitolo si analizza il reddito di cittadinanza dal punto di vista sia storico, riferendosi principalmente alle differenti figure che sono intervenute appoggiando e propagando tale idea, presentando in questo modo le fondamenta di tale reddito, che legislativo ricercando nella giurisprudenza fonti che trattano anche se indirettamente di tale reddito. Inoltre si è cercato di dare una definizione esaustiva del reddito di base universale soffermandosi, attraverso una breve descrizione, sulle sue principali peculiarità che lo contraddistinguono.
Nel secondo capitolo si illustrano alcune cause attuali che hanno portato allo sviluppo di tale schema, come ad esempio il mercato del lavoro attuale che è fortemente caratterizzato da disoccupazione e precarietà, il passaggio da un modello di accumulazione capitalistica ad un modello di accumulazione flessibile (es: lean production e Il Just in Time) e il possibile utilizzo del reddito minimo universale come strumento per contrastare la povertà.
Per quanto riguarda la sostenibilità ed il finanziamento del reddito di base incondizionato, se ne parlerà nel corso del terzo capitolo, dove si è cercato di chiarire il costo di una sua possibile introduzione, dando una definizione dell'importo erogato ed analizzando le principali possibili modalità di finanziamento che potrebbero consentire di attuare in modo concreto tale reddito.
Infine nel quarto ed ultimo capitolo, si è trattato dell'attuale esperienza Italiana che è appena iniziata cercando il più possibile di fornirne un quadro generale. Si è analizzato lo sviluppo politico e legislativo del reddito di cittadinanza in Italia partendo dal 2000, enunciando i vari strumenti che si sono susseguiti, fino ad arrivare al D.L. n.4 del 28.01.2019 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, sul quale ci si è soffermati maggiormente, analizzando solamente sugli aspetti principali e maggiormente operativi del decreto. Si è concluso il capitolo evidenziando i possibili effetti del reddito di cittadinanza mediante il modello di microsimulazione dell'Istat FaMiMod, la cui realizzazione parte da un campione di famiglie che risiedono in Italia.

Informazioni tesi

  Autore: Piepaolo Amadori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Martina  Menon
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’argomento trattato da questa tesi ha molteplici significati ed è per questo oggetto di confusione soprattutto in Italia, infatti ho voluto fare chiarezza prestando attenzione al concetto ed ai caratteri principali del reddito di cittadinanza, o reddito di base incondizionato, che viene molto facilmente confuso con il termine di reddito minimo garantito. Il reddito minimo garantito è uno strumento che assicura a ciascun individuo una soglia minima di reddito, sotto della quale non deve scendere, non si attribuisce incondizionatamente a tutta la popolazione, ma è uno strumento solo per coloro che non riescono a raggiungere la soglia minima di povertà. Il reddito di cittadinanza incondizionato (cosiddetto Universal Basic Income) invece, consiste in un reddito in denaro erogato dallo Stato, ad ogni singolo membro della società, indipendentemente da qualsiasi entrata e vincolo, ovvero non si hanno obblighi a cui si deve assolvere come contropartita. Questo schema consentirebbe di combattere assieme al raggiungimento della piena occupazione, che negli ultimi anni ne è diventato sempre più difficoltoso il raggiungimento, anche altre tipologie di problemi come ad esempio la povertà, la disoccupazione e la precarietà. Nella trattazione del primo capitolo si analizza il reddito di cittadinanza dal punto di vista sia storico, riferendosi principalmente alle differenti figure che sono intervenute appoggiando e propagando tale idea, presentando in questo modo le fondamenta di tale reddito, che legislativo ricercando nella giurisprudenza fonti che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

reddito di cittadinanza
reddito minimo garantito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi