Skip to content

Il magazzino nel bilancio d'esercizio

In un bilancio d'esercizio il magazzino serve per sospendere dei costi sostenuti in un esercizio per dei beni che ho comprato e non utilizzato, e rinviarli all'esercizio successivo. Tocca quindi due esercizi. Quindi non posso far gravare su un anno un costo che non ho utilizzato DR MAGAZZINO o RIMANENZE FINALI (SP) contabilizzo un'attività perchè posseggo dei beni
AV VARIAZIONE DELLE RIMANENZE (CE) andando a conto economico rettifica l'effetto del costo che ho contabilizzato nell'anno per comprare quei beni
Questa è una scrittura che si fa una volta all'anno.
L'anno successivo bisogna creare un mastrino chiamato MAGAZZINO (SP), dove vengono riaperti i saldi. A questo punto sul magazzino si azzera il conto e si mette il saldo nella voce di conto economico VARIAZIONE DELLE RIMANENZE con segno opposto.
MAGAZZINO (SP)
100        100
DR  VARIAZIONE DELLE RIMANENZE (CE)            100
AV MAGAZZINO                                    100
A conto economico il fenomeno magazzino ci va due volte: una volta all'inizio dell'anno, e una volta alla fine dell'anno quando va in avere la rimanenza finale dell'anno.
Magazzino e ratei e risconti sono le uniche due tipologie di voci che hanno questo andamento. Il magazzino tocca lo SP perchè è un attività e il CE perchè è una rettifica di costo.
COME SI CHIUDONO E SI RIAPRONO I CONTI A FINE ANNO : durante l'anno si utilizzano dei mastrini, alla fine dell'anno bisogna chiudere i conti, ossia bisogna azzerare il saldo dei mastrini e come contropartita si utilizza lo stato patrimoniale e il conto economico. Una volta finito il bilancio, la contabilità si riapre, quindi all'inizio dell'anno si deve fare l'operazione opposta, ma solo con i saldi di stato patrimoniale. Il conto economico non continua l'anno dopo, ma l'anno dopo ricomincia. Tutti i saldi di stato patrimoniale vanno riaperti perchè hanno una continuità nel tempo. Per riaprire i conti si prende lo stato patrimoniale e si fa una scrittura che mette con segno invertito in stato patrimoniale le voci, in modo che si azzerano e si ricreano dei mastrini, compreso l'utile, che si riapre però come riserva. Quindi tutti i saldi finali di stato patrimoniale dell'anno precedente, rappresentano i saldi iniziali dei mastrini dell'anno successivo.
RIAPERTURA DELLE SCRITTURE DELL'ANNO PRIMA : la contabilità delle controllate si apre e si chiude normalmente, mentre la capogruppo non chiude e non riapre i conti di consolidato. L'anno prossimo le controllate invieranno i loro bilanci che saranno una continuazione con quelli dell'anno prima. Qualsiasi scrittura che la capogruppo ha fatto l'anno scorso, nell'aggregato di quest'anno non c'è. Perchè l'aggregato è la somma dei bilanci inviati dalle controllate. Le scritture di consolidato sono sempre nella capogruppo, non vanno mai nei bilanci delle controllate. Quindi la capogruppo nel momento in cui crea un nuovo aggregato, deve includere anche quelle fatte l'anno prima.
L'utile di un anno se non viene distribuito, diventa riserva dell'anno dopo.
L'anno scorso il patrimonio aggregato era diverso da quello consolidato. Quando quest'anno ricomincio dall'aggregato, in questo c'è il patrimonio dell'anno scorso delle controllate, però la capogruppo ha bisogno ci sia il suo patrimonio dell'anno prima, quindi deve rifare le scritture dell'anno scorso, che se l'anno scorso hanno toccato l'utile, quest'anno devono toccare le riserve.
REGOLA GENERALE : tutte le scritture di bilancio consolidato che influenzano il risultato, vanno rifatte l'anno successivo sostituendo alla voce di conto economico riserve.
Per accorgermi se ho sbagliato o dimenticato qualche scrittura, quando ho finito tutto il consolidato e prendo il patrimonio netto, la sua movimentazione non funziona.Quindi conviene riaprire le scritture dell'anno prima, prima della fine dell'anno, per evitare di trovarsi di fronte al problema all'ultimo.
CONTINUA IPOTESI 2 - RIAPERTURA DELLE SCRITTURE
1. DR        PATRIMONIO NETTO            600
DR        CREDITO IVA                            100
AV        DEBITI                                700
Scrittura di riapertura.
All'unica riga di conto economico abbiamo sostituito la voce dell'acquisto con patrimonio netto. Riapro gli acquisti dell'anno scorso.
2. DR        MAGAZZINO                600
AV        PATRIMONIO NETTO                        600
Scrittura di riapertura.
Variazione delle rimanenze è una voce di conto economico, e per questo la sostituiamo con patrimonio netto.
Le altre due scritture non hanno modificato il risultato e per questo non devono essere riaperte.
» necessario fare queste scritture perchè nell'anno successivo, si parte dall'aggregato, e nel bilancio aggregato delle società c'è che nell'anno scorso il venditore aveva contabilizzato la vendita, mentre l'acquirente non aveva contabilizzato l'acquisto. La capogruppo nel bilancio consolidato deve contabilizzare l'acquisto dell'anno scorso e caricato il magazzino, deve rifare le stesse scritture dell'anno scorso, che hanno toccato il risultato, che quest'anno si trova nelle riserve.
Con la scrittura 2. stiamo caricando il magazzino finale dell'anno scorso. Siccome è una scrittura dell'anno scorso, questo magazzino è il magazzino iniziale. In questo caso bisogna sempre girare questa scrittura a conto economico.
DR        VARIAZIONE RIMANENZE (CE)        600
AV        MAGAZZINO (SP)                        600
In questo caso si azzera il magazzino e si gira a conto economico.
Queste scritture vanno fatte sempre!
Ora si pone il problema di valutare cosa è successo quest'anno. Quest'anno l'acquirente ha contabilizzato l'acquisto, e ha quindi fatto le scritture che la capogruppo ha fatto l'anno scorso. Nel conto economico dell'acquirente ci sono esattamente le scritture 1 e 2 che la capogruppo ha fatto nel consolidato l'anno scorso. Siccome l capogruppo parte dall'aggregato, ha un conto economico dell'acquirente con le sue scritture fatte quest'anno. E visto che in consolidato la capogruppo aveva già contabilizzato l'acquisto l'anno scorso, quest'anno queste scritture vanno tolte (scritture inverse di 1 e 2). In questo modo elimino la scrittura dell'acquisto.
DR        DEBITI                    700
AV        CREDITO IVA                        100
AV        ACQUISTI                        600
Il patrimonio netto si annulla a vicenda e quindi non succede niente.
Il credito iva e i debiti intercompany si annullano. Anche il magazzino è stato aperto in dare e riazzerato in avere.
Rimangono quindi
DR     VARIAZIONE RIMANENZE            600
AV     ACQUISTI DA CONSOCIATE                    600
Quest'ultima scrittura compatta sostituisce le precedenti 4 scritture.
di Valentina Minerva
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.