Skip to content

Imprenditori del 1800. Olivetti, Krupp, Essen


La matrice degli imprenditori è cattolica.
Il modello percorre lo stato sociale che arriverà nel fascismo degli anni 30.
C'era una forma di ricatto perché se il lavoratore perdeva il lavoro perdeva tutto.
C'era poi il verlagh sistem che era il credito con cui si poteva acquistare presso lo spaccio aziendale, regolando il conto a fine mese (ed a volte non bastava lo stipendio). La scuola e la chiesa “indottrinavano”.

Nei villaggi si riproducevano le gerarchi di fabbrica (anche nelle tipologie di case). Comunque negli anni 50 l'esperienza di Olivetti ad Ivrea è positiva.
Ai giorni d'oggi Natuzzi ha replicato l'esperienza dell'800 vicino Bari (anche se poi con la crisi è fallito).

[In germania sperimentato dai Krupp ad Essen da fine '800 fino agli anni 30. Ad Essen singoli quartieri, esercitando comunque un controllo.
Si dice che furono gettate le basi per i campi di concentramento.  
Comunque i Krupp sostenevano il fascismo.

Geografia dei villaggi: si concentrano al nord, specialmente in Veneto.

Il modello  consentiva di superare la frattura fra cultura contadina e proletaria.
Ideale Tecnocratico: (meccanico ingegneristico). Lo sviluppo industriale viene considerato solo in termini di tecnologia (tipo americano). Poi la scientifica della catena di montaggio. Si afferma a Milano. 1863 Politecnico. Gli ingegneri che escono dal Politecnico sono i  primi imprenditori. Per certi aspetti paternalistica perché pongono lo scontro sociale in un secondo piano, smorzandolo con una nuova cultura del lavoro. Il fine, l'obiettivo deve essere lo stesso sic per gli imprenditori che per i lavoratori.

Prestigio nazionale-economico La grande industria, acciaio, meccanica, ferrovie, armi. Nazionalismo, Imperialismo. Appoggi quindi statali, nell'ottica del nazionalismo, incentivi, commesse. Legami fra industria e politica (logiche clientelari).

Legami internazionali dovuti a queste ideologie? Sì per prestigio (es. in Germania) e sì per Tecnocratici (es. in G.Bretagna)

Il capitalismo italiano di fine '800 è arretrato? No ma sono diversi modi di seguire e sviluppare il capitalismo.
Tratto da STORIA ECONOMICA CONTEMPORANEA di Barbara Pavoni
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Geografia dell’economia mondiale

Appunti sul testo “Geografia dell’economia mondiale”, autore: Conti S. e altri, anno accademio 2010-2011, materia: territorio, impresa e sviluppo.