Skip to content

La base imponibile dell'IRPEF

Per comprendere natura, funzioni ed effetti dell’Imposta Personale sul Reddito delle Persone Fisiche si deve partire  dai criteri di determinazione della base imponibile per giungere  alle modalità di pagamento dell’imposta.
La base imponibile dell’IRPEF è costituita dal reddito complessivo afferente alle persone fisiche,al netto delle detrazioni e ad esclusione delle entrate per legge non assoggettate a questa imposta.
Il reddito complessivo è dato dalla somma dei redditi di ogni categoria determinati sulla base di specifici criteri.
La differenza fra il reddito complessivo e gli oneri deducibili e le deduzioni è definita reddito imponibile.
L’imposta lorda  risulta dall’applicazione della scala delle aliquote al reddito imponibile.
L’imposta netta si ottiene sottraendo dall’imposta lorda le detrazioni riconosciute in particolari circostanza oggettive e soggettive.

La struttura dell’IRPEF è definibile in termini di presupposto,soggetti passivi e base imponibile.
Presupposto dell’IRPEF è il possesso di redditi imponibili in denaro o in natura.L’imposta si applica sul reddito complessivo del contribuente,costituito:
- per i residenti da tutti i redditi posseduti al netto delle deduzioni
- per i non residenti da tutti i redditi prodotti nel territorio dello Stato
Il reddito complessivo si determina sommando i singoli redditi classificati nelle seguenti categorie:
1. redditi fondiari
2. redditi di capitale
3. redditi di lavoro dipendente
4. redditi di lavoro autonomo
5. redditi d’impresa(società di persone prive di personalità giuridica)
6. redditi diversi

Sulle modalità di determinazione del reddito complessivi ai fini IRPEF conviene fare alcune osservazioni:
- nel nostro ordinamento le persone giuridiche e le  persone fisiche sono obbligate ad effettuare una ritenuta sulle somme erogate nella misura stabilita dalla legge
- la ritenuta effettuata sui redditi di capitale dagli enti erogatori è in generale a titolo d’imposta o definitiva,nel senso che il reddito corrispondente non entra a  far parte della base imponibile dell’imposta personale.
- le ritenute sui redditi da lavoro sono a titolo di acconto del debito,d’imposta che alla fine del periodo graverà sul contribuente .Le ritenute a titolo d’acconto,di conseguenza,devono essere sommate ai redditi del contribuente ,rientrando quindi nella base imponibile IRPEF
- quando si percepiscono redditi prodotti all’estero ,le imposte ivi pagate a titolo definitivo,possono essere utilizzate entro certi limiti per l’assolvimento del debito IRPEF.Si parla di crediti d’imposta che costituiscono una parte del reddito complessivo del contribuente e quindi come tali sono assoggettati ad imposta.
L’IRPEF si applica al reddito complessivo che risulta dalla somma degli importi percepiti dal contribuente,di tutte le ritenute subite a  titolo di acconto e dei crediti d’imposta eventualmente riconosciuti.
Su un piano più generale, il nostro sistema tributario fonda la tassazione su un’imposta personale.
In alternativa,il sistema avrebbe potuto essere costituito su un insieme di imposte reali,ognuna delle quali autonomamente applicata a singole tipologie di reddito.
I sistemi tributari di tutti i paesi avanzati sono caratterizzati dalla presenza di un’imposta personale sul reddito che dovrebbe consentire:
- la realizzazione di criteri di progressività
- l’introduzione di forme di esenzione per i redditi al di sotto di un certo livello minimo
- la considerazione della posizione familiare del contribuente
di Mariarita Antonella Romeo
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.