Skip to content

Arbitrage Pricing Theory (APT) [1976, Stephen Ross]

Il CAPM è un modello univariato poichè ipotizza che il fattore di rischio per cui gli azionisti si attendono di essere remunerate sia soltanto uno (rischio sistematico con riferimento a un indice di mercato). L’ATP è un’estensione multivariata del CAPM (regressione multivariata). Esso riconosce infatti una gamma più ampia di fattori di rischio che possono gravare sul rendimento atteso dagli azionisti, uno dei quali è proprio il rischio di mercato del CAPM.
Il CAPM e l’APT non si escludono a vicenda, né è possibile stabilire una gerarchia di validità e di importanza tra i 2 modelli. Tuttavia l’ATP dovrebbe caratterizzarsi per un maggiore contenuto informativo e più ampia capacità predittiva.
A differenza del CAPM l’APT non specifica a priori quali sono i fattori di rischio che concorrono a definire il costo del capitale azionario. La maggior parte delle applicazioni dell’APT è stata effettuata considerando fattori di natura macro-economica quali:
Confidence risk, misurato dal differenziale tra il rendimento delle obbligazioni rischiose e non rischiose (a lunga scadenza). Può essere considerato una proxy delle aspettative degli investitori sull’andamento economico
Rischio di tasso di interesse, dato dalla differenza tra rendimento dei titoli a lunga e breve scadenza
Business cycle risk, misurato dalle variazioni di stima delle variabili marco-economiche aggregate ( PNL o PIL)
Rischio di inflazione, misurato dalle variazioni nelle previsioni di inflazione.
Inoltre i modelli applicativi dell’APT includono normalmente anche il rischio sistematico del CAPM e alcuni fattori industry specific. La stima econometria dell’APT con fattori di rischio multipli è effettuata secondo la relazione:
E (ri)=rF + (bi1k1) + (bi2k2) + …+ (binkn)
dove:
E(ri) = tasso di rendimento atteso dagli azionisti
rF = tasso di rendimento privo di rischio
k1…kn = premio per il rischio associato al fattore k-esimo
bi1…b1n = sensitività del titolo i a ciascuno dei fattori di rischio k.


di Alessia Chiovaro

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.