Skip to content

Lotte sociali e ascesa del fascismo in Italia. PPI e PSI


Società: lotte sociali e ascesa del fascismo
Qual'è la situazione dell'Italia finita la guerra?
Disagio economico: grandi gruppi industriali in difficoltà senza commesse belliche, da riconvertire. L'Italia deve vendere il debito pubblico per coprire le emissioni di carta moneta (gold standard). Compenetrazione nella finanza. Contrasto verso i lavoratori.
E' lo Stato che deve intervenire ma ha i problemi appena detti.

Il Governo Italiano aveva anche promesso una riforma agraria (2° promessa).
C'è malcontento. Operai licenziati con le riconversioni. La classe operaia è grande e con coscienza di classe. Prime occupazioni delle fabbriche. Quando i contadini tornano dalla guerra occupano le terre. Primi consigli di fabbrica (tipo i soviet a Mosca e S.Pietroburgo). Timore di una rivoluzione marxista. Lo Stato italiano mostra debolezza e incapacità, non dà vita a governi stabili e con maggioranza parlamentare. Come mai?
Perché nel frattempo in Italia erano nati i partiti di massa: prima il PPI (poi DC), il PSI (poi PSI e PCI). Nelle elezioni questi partiti ottengono un ampio consenso. Nel 1914 c'è il suffragio maschile. Non c'è più sinistra e destra storiche. Ci sono ceti politici di proprietari e aristocratici. Ma nessuno riesce ad avere la maggioranza assoluta.
Chi se ne avvantaggia?
Una figura forte politicamente che dice che rappresenta stabilità e sicurezza: Mussolini, che non proveniva dai proprietari terrieri o aristocratici o finanzieri, ma dal PSI rivoluzionario. Nasce il movimento fascista con scontenti, reduci non inseriti, violenti, che contestano le lotte sindacali anch'esse violente. I prefetti non intervengono e lo Stato resta a guardare. Un clima che rafforza il movimento fascista perché l'unico che si contrappone al fronte di una rivoluzione comunista

È la guerra che completa lo sviluppo industriale dell'Italia. Si è visto come la guerra favorisce lo sviluppo del settore metalmeccanico e chimico oltre a quello aeronautico, settori che nel precedente decollo industriale avevano un po' sofferto. Si erano invece sviluppati i settori tessili mentre ad esempio il chimico che era un settore trainante in Germania era stato appositamente tenuto un po' indietro.
Tratto da STORIA ECONOMICA CONTEMPORANEA di Barbara Pavoni
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Geografia dell’economia mondiale

Appunti sul testo “Geografia dell’economia mondiale”, autore: Conti S. e altri, anno accademio 2010-2011, materia: territorio, impresa e sviluppo.