Skip to content

Metodi di calcolo per le rimanenze di magazzino

Il principio generale è fissato dal PC n. 13, il quale afferma che la valutazione delle rimanenze presupporrebbe l’individuazione e l’attribuzione alle singole unità fisiche dei costi specificamente sostenuti per le unità medesime. Tale individuazione e attribuzione, tuttavia, non è di solito praticabile a causa dell’entità delle rimanenze e della loro velocità di rotazione.
Quest’applicazione infatti è possibile solo quando il magazzino ha una bassa rotazione, ovvero quando i beni sono infungibili. Quindi in presenza di beni fungibili si applica la valutazione al costo specifico.
Se invece i beni sono fungibili, e quindi hanno un’alta rotazione, c’è difficoltà a tracciare il costo specifico. In questi casi occorre formulare delle ipotesi interpretative in merito alla movimentazione del magazzino, al fine di presumere a quali costi di acquisto siano riconducibili i beni in giacenza.
Il PC n.13 prevede tre ipotesi:
- FIFO
- LIFO
- COSTO MEDIO PONDERATO
E’ possibile usare metodi diversi tra materie e prodotti ma è sconsigliato.
FIFO – FIRST IN, FIRST OUT
Le prime quantità entrate a magazzino, sono le prime ad uscire. Per cui le quantità in giacenza al termine del periodo corrispondono agli acquisti più recenti. (E’ un’ipotesi molto verosimile per i prodotti deperibili).
LIFO – LAST IN, FIRST OUT
Le quantità più recentemente entrate a magazzino, sono le prime ad uscire. Quindi rimangono al 31,12 a magazzino i beni di più lontano acquisto o produzione.
Varianti nelle modalità di calcolo:
- Lifo di periodo, ipotizza il flusso come calcolato al 31.12.
- Lifo continuo, riaggiorna i prelievi ad ogni movimento di magazzino.
- Lifo a scatti, è una modalità intermedia.
COSTO MEDIO PONDERATO
Le quantità acquistate non sono più individualmente identificabili e fanno parte di un insieme i cui beni sono ugualmente disponibili. Il flusso in magazzino non è più tutto lifo o fifo, ma è una media ponderata tra le dinamiche. Si basa sul concetto di valutare i beni usando un valore medio ponderato (costo di acquisto o produzione) dei diversi valori/costi puntuali.
Varianti nelle modalità di calcolo
- Costo medio ponderato di periodo
- Costo medio ponderato di acquisto
- Costo medio ponderato per movimento
Usare un metodo di calcolo piuttosto che un altro induce delle conseguenze sul valore d’iscrizione delle rimanenze in bilancio. I diversi valori di iscrizione delle rimanenze, legati ai diversi metodi di calcolo, dipendono dalle dinamiche di prezzi dei fattori produttivi.
Ad esempio in caso di materie prime:

Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

International Accounting -corso progredito

Appunti di International Accounting che approfondiscono quelli relativi al corso base. Più nel dettaglio viene presa in considerazione la descrizione puntuale con numerosi esempi dei capisaldi della materia, in particolare IAS e IFSR.