Skip to content

Analisi dei rischi e dei controlli per la consulenza aziendale

TEST DI CONFORMITÀ : sono tecniche di verifica usate per verificare la conformità (compliance) dei comportamenti alla normativa, ai regolamenti e alle procedure in vigore. E’ il grado di aderenza dei comportamenti alle procedure, le norme e i regolamenti. Es. i crediti superiori ai 30000 vanno bloccati, quanti non ne vengono bloccati?
TEST DI SOSTANZA : in genere va a vedere se un rischio si è già verificato. Oppure sono delle verifiche fatte in modi vari, che verificano l’esistenza di un controllo e se è già successo il danno. Se il danno non è successo bisogna fare ulteriori verifiche.
Bisogna stare attenti all’intervista, chiedere non basta, bisogna verificare. Il test di sostanza viene fatto su:
- Ricostruzione dei dati
- Verifica di eventi passati connessi ai rischi rilevati (è già successo …)
- Verifica dell’esistenza di un rischio, fornendo evidenza
- Verifica dell’esistenza di anomalie derivanti da una mancanza di controllo
IL CAMPIONAMENTO : prevede la scelta di un numero di elementi più piccolo della realtà (universo) per analizzare un fenomeno. La scelta del campione deve essere casuale, ogni elemento deve avere la stessa probabilità di essere estratto. Bisogna distinguere:
CAMPIONE EMPIRICO : la numerosità viene definita soggettivamente, non può essere proiettato sulla realtà. Il campione empirico va bene quando si parla di eventi dannosi, dove basta sapere che sia già successo, in questa caso si parla di esempio. Non fornisce indicazioni sull’entità complessiva del fenomeno. Non permette di rappresentare la realtà.
Il campione empirico si usa quando si deve trovare evidenza di una o più difformità, serve quando una sola anomalia è la dimostrazione di un rischio e di un problema del sistema di controllo già individuati. “E’ infatti già successo che…”
CAMPIONE STATISTICO : segue dei modelli matematici che ne definiscono la numerosità. È stato superato dai softwer, che viene definita ANALISI DELL’UNIVERSO DEI DATI, a meno che gli elementi sono troppi, sicché devo fare un campione. Permette di proiettare i risultati sull’universo dei dati, è rappresentativo della realtà.
Trovare che una cosa che non va bene con un campione empirico è meno grave che con un campione statistico.
ESEMPIO : per capire la consulenza bisogna prima analizzare il processo, che tipo di consulenze possono essere fatte.
La FRODE può avere un’entità notevole o piccola. Però se la frode si fa correre c’è la possibilità che chi l’ha fatta la ripete, anche più grossa, e inoltre se non è punita se ne approfittano anche gli altri. La frode incrina il rapporto di fiducia e fa degenerare l’ambiente di controllo.
Tratto da TECNICA PROFESSIONALE - CORSO PROGREDITO di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.