Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disturbi attentivi nei pazienti con Gravi Cerebrolesioni Acquisite:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Scarica questo appunto Consultabile gratuitamente in formato PDF

Vengono descritte le principali tipologie di GCA (anossiche, emorragiche, neoplasie e traumi cranici), viene delineato l’iter riabilitativo dei pazienti che incorrono in tale sintomatologia e ne vengono descritti i principali disturbi cognitivi, soffermandosi in particolare sui disturbi dell’attenzione. Ci si sofferma poi sui disturbi attentivi più tipici dei pazienti con Trauma cranico analizzandone le cause a livello cerebrale, in particolare descrivendo le anomalie riscontrate in questi pazienti a livello della connettività tra i principali network che sostengono le funzioni attentive e il Default Mode Network. Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica/Scienze del corpo e della mente - A.A. 2016-2017

« Torna alla lista di tutti gli appunti disponibili

 

Indice dei contenuti:

  1. Le gravi cerebrolesioni acquisite
  2. Attacco ischemico e anossia
  3. Emorragie cerebrali
  4. Il trauma cranio-encefalico
  5. Neoplasie cerebrali
  6. Esiti neuropsicologici conseguenti a GCA
  7. La fase Post-Acuta e le Sindromi Frontali
  8. La fase degli esiti
  9. Deficit attentivi nelle GCA
  10. Deficit attentivi nel trauma cranico
  11. La Speed Processing Hypothesis
  12. La Working Memory Hypothesis
  13. Il Danno Assonale Diffuso e i deficit attentivi nel trauma cranico
  14. Il Default Mode Network e il suo ruolo nei disturbi attentivi dei pazienti con TCE
  15. Che cos’è il Default Mode Network
  16. Connessioni tra il DMN e le reti del controllo attenzionale
  17. Il DMN nei pazienti con trauma cranico

 

Dettagli dei contenuti:

Per approfondire questo argomento:

Altri appunti correlati: