Skip to content

Elenco appunti corso Giurisprudenza

Diritto Privato

Gli appunti presi durante le lezioni hanno ad oggetto svariati argomenti inerenti il diritto privato: in primis il contratto e tutto ciò che lo riguarda, come ad esempio gli elementi essenziali ed accidentali; l'influenza del tempo sulle norme e sul contratto; le fonti delle norme giuridiche; i vari tipi di responsabilità dei soggetti (responsabilità contrattuale ed extracontrattuale); i diritti reali, prescrizione e decadenza.

Autore: Adriana Capodicasa
Facoltà: Economia
Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
Esame: Diritto Privato
Docente: Filippo Vallosio

E-Government nel sistema Regioni/Enti locali

L’e-Government è la ridefinizione dei processi concernente i servizi che l’Amministrazione è obbligata a prestare alla comunità, e della loro disponibilità di fruizione sulla rete. L’impatto dell’e-Government sull’economia della P.A. è ancora modesto, nonostante la “sburocratizzazione” in molti settori. In Italia oltre il 90% dei comuni che hanno un sito web offre servizi di carattere informativo, ma solo il 7% permette di effettuare prenotazioni o pagamenti e meno del 5% il rilascio di certificati in linea.

Autore: Laura Polizzi
Facoltà: Giurisprudenza
Università: Università Telematica TEL.M.A.
Esame: Modelli e Strategie di e-government
Docente: Paolo Zocchi

Redazione di una checklist di priorità per la redazione di un buon testo giuridico normativo o amministrativo

La predominanza di una cultura giuridica ha influenzato il modo di fare informazione e comunicazione delle istituzioni, con ripercussioni sia a livello di contenuti che di linguaggi adoperati. I riflessi dell'uso di un linguaggio molto tecnico e poco accessibile hanno interessato due diversi tipi di destinatari: i cittadini e lo stesso personale interno alle amministrazioni con conseguenze disastrose sulla percezione dell'immagine dell'apparato amministrativo. Il “burocratese” (linguaggio delle istituzioni), utilizzato come forma di esercizio di potere, nasceva dalla volontà di queste ultime, in un passato non troppo remoto, di tenere lontano qualsiasi soggetto non direttamente coinvolto nei processi decisionali dall'azione amministrativa. Oggi le amministrazioni hanno iniziato ad aprirsi e ad avvertire la necessità di comunicare con i propri interlocutori comprendendo il bisogno di comunicare contenuti che fossero differenti dal semplice trasferimento di informazioni di carattere burocratico e giuridico.

Autore: Laura Polizzi
Facoltà: Giurisprudenza
Università: Università Telematica TEL.M.A.
Esame: Le tecniche di normazione per le P.A.
Docente: Donato Limone - Christian Nardella

La valutazione della dirigenza: il sistema di valutazione della dirigenza del Ministero dell’Economia e delle Finanze

L’elaborato si prefigge lo scopo di definire il sistema di valutazione delle prestazioni dirigenziali in vigore dal 1° gennaio 2011 al 31 dicembre 2011 per i dirigenti di prima e seconda fascia del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) (http://www.mef.gov.it) e di fare un accenno sulle novità derivanti dal d.lgs. n. 150/2009 su questo argomento. I criteri di valutazione sono comunicati ai dirigenti prima dell’inizio dei relativo periodo di riferimento e i risultati della valutazione che ha periodicità annuale sono riportati nel fascicolo personale dei dirigenti interessati. Nell’ultimo capitolo sono riportate alcune riflessioni conclusive e personali in quanto la scrivente è un funzionario del MEF da febbraio del 1987.

Autore: Laura Polizzi
Facoltà: Giurisprudenza
Università: Università Telematica TEL.M.A.
Esame: Organizzazione delle Risorse Umane
Docente: Federica Borelli - Gianluca Lucchetti

Le prove, il procedimento probatorio e il processo

Gli appunti cominciano con il fornire la definizione di "thema probandum", quale campo di indagine in ordine al quale ruota il processo penale. Si passa poi ad una classificazione dei mezzi di prova: tipici ed atipici. I primi rigidamente disciplinati dal codice, i secondi rimessi alla discrezionalità del giudice. Si argomenta poi in ordine al diritto alla prova ed al principio del contraddittorio come modalità di acquisizione della prova nel dibattimento: il fascicolo del dibattimento.

Autore: Gianfranco Fettolini
Facoltà: Giurisprudenza
Università: Università degli Studi di Brescia
Esame: Diritto Processuale Penale
Docente: Alessandro Bernasconi

Gli atti del procedimento dal punto di vista formale

Gli appunti descrivono i termini del processo penale, le modalità di computo, la prescrizione e la decadenza. Vi sono casi in cui, nonostante il termine sia spirato, la parte può fare istanza per essere rimessa nel termine, adducendo la sussistenza di particolari circostanze, normalmente indipendenti dalla volontà della medesima. Si passa poi a descrivere il vizio della nullità: assoluta, relativamente assoluta e relativa. Da ultimo, vengono descritti i vizi "minori" della inesistenza e dell'annullabilità.

Autore: Gianfranco Fettolini
Facoltà: Giurisprudenza
Università: Università degli Studi di Brescia
Esame: Diritto Processuale Penale
Docente: Alessandro Bernasconi

Gli atti del procedimento dal punto di vista soggettivo

Gli appunti descrivono in particolare le caratteristiche di sentenza e decreto. Si occupano poi di descrivere le modalità con cui gli atti del giudice vengono portati a conoscenza delle parti: ovverosia per il tramite delle notificazioni.

Autore: Gianfranco Fettolini
Facoltà: Giurisprudenza
Università: Università degli Studi di Brescia
Esame: Diritto Processuale Penale
Docente: Alessandro Bernasconi