Skip to content

Piani e campi


Piano soggetto presente ma inquadrato parzialmente, porzione di schema corporeo, parzialmente presente

Campo inquadrato totalmente, completamente presente

Dettaglio parte del corpo o oggetto al quale si da una momentanea importanza ed è l’inquadratura più stretta, una sottolineatura
Primissimo piano stretta esclusivamente lo sguardo dell’attore rapporto emotivo con lo spettatore meno utilizzato
Primo piano più largo intero volto presente o al livello delle spalle molto diffusa permette di cogliere sfumature del personaggio
Mezza figura arriva all’altezza della cintura include anche le mani utilizzata nei telegiornali

Piano americano fino alle ginocchia risponde a una funzione specifica legata alla rappresentazione del cinema western. Perché il pistolero aveva il cinturone e le pistole che dovevano vedersi cioè si deve vedere ad esempio il momento dell’estrazione della pistola usata da tutto il cinema

Il totale comprende l’intero schema corporeo ed è sempre in campo. Totale in campo medio lungo e lunghissimo.
Medio fa occupare tutto il corpo all’interno dell’inquadratura cioè non abbiamo molta aria sopra e sotto ma solo di lato
Lungo prevede che il corpo occupi la meta dell’inquadratura, lunghissimo un quarto o un ottavo. Quando il volto del personaggio non è leggibile se non si vede se sorride è lunghissimo se riesco a cogliere le sfumature è lungo.

I piani e i campi riguardano anche la fotografia e il fumetto.
Media audiovisivi video cinema e televisione
Riprovisivi fotografia e fumetto
Differenza audiovisiva ha il sonoro e il tempo
Riprovisivo è istantanea e non prevede movimenti
Tratto da CRITICA DEL CINEMA di Nunzia Marullo
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.