Skip to content

Bazin tra immagine e realtà



Impossibile una distinzione tra estetica cinematografica del periodo muto e del periodo sonoro. Certi valori del muto, infatti, permangono nel passaggio dalle due dimensioni di rappresentazione cinematografica. Prendendo in analisi il periodo storico che va dal 1920 al 1940 Bazin distingue due tipologie di registi: registi che credono all’immagine e registi che credono alla realtà.
Per immagine Bazin intende tutto ciò che alla cosa rappresentata può aggiungere la sua rappresentazione sullo schermo, come la plasticità (cinema tedesco, scenografia, trucco, illuminazione, angolazione, recitazione) e il montaggio (cinema russo).  Si tratta di creare un senso che le immagini da sole non hanno, facendo del cinema  un’arte. Il montaggio può essere: invisibile, alternato (Griffith), accelerato ("La roue di Gance"), delle attrazioni (Ejzestein).
Tratto da LA NASCITA DEL CINEMA di Marco Vincenzo Valerio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro