Skip to content

"Intolerance" di Griffith. Religione e montaggio parallelo



Una delle opere più spettacolari mai realizzate, per la maestosità delle scenografie e il numero di comparse impiegate. "Intolerance" è composto da quattro storie molto diverse tra loro, separate nello spazio e nel tempo. Qui la forza narrativa sta nell’uso del montaggio parallelo: le storie sono montate in alternanza tra di loro in modo tale da creare non un legame narrativo (le quattro storie si svolgono in ambienti e in tempi assai diversi tra loro), ma concettuale. L’idea di base è che l’intolleranza è al principio di tutti i mali dell’uomo. Grazie al montaggio parallelo e un’immagine ricorrente (una madre che dondola una culla) che mette in relazione le quattro storie (la caduta di Babilonia, la passione di Cristo, il massacro della notte di San Bartolomeo, un conflitto tra un industriale e i suoi operai che provoca la condanna a morte di un innocente) si sottolineano le analogie tra passato e presente e il carattere immutabile dell’intolleranza, fino all’allegoria finale che invoca la fine di ogni violenza.
Tratto da LA NASCITA DEL CINEMA di Marco Vincenzo Valerio
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro