Skip to content

Pregi e limiti delle analisi del portafoglio


Pregi:
- Temperare le prospettive a breve termine, insistendo sull'equilibrio da mantenere tra attività e redditività immediata e attività che preparano il futuro
- Stimolare l'impresa a ragionare contemporaneamente in termini di attrattività del mercato e di capacità concorrenziale
- Fissare le priorità di distribuzione delle risorse umane e finanziarie e stabilire differenti strategie di sviluppo per le diverse attività
- Fissare obiettivi che rafforzino le motivazioni e facilitino il controllo
Limiti
- Problemi di misura: il rischio di soggettività nelle stime alla base delle dimensioni utilizzate (es. scelte indicatori, ponderazione, giudizi attribuiti) è forte
- Carenza di informazioni precise: quando le variabili sono molte può essere difficile reperire i dati e d'informazioni precise ed attendibili
- Le indicazioni sono generiche, mai troppo precise

Tentativi di superare l'impostazione delle matrici di portafoglio
- Approccio che mette in relazione il ciclo di vita del settore (lancio/sviluppo/consolidamento/maturità/declino) con la posizione competitiva delle BU
- Approccio resource based: al centro dell'attenzione sono poste le risorse e le capacità di una BU (Pelrose, Hamel, Prahaland): ha successo l'impresa che riesce a trasferire le risorse di cui dispone tra le BU ed a renderle interdipendenti.
Tratto da MARKETING E IMPRESA di Federica Scavino
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro