Skip to content

Presenza di stranieri a Napoli capitale


A Napoli  c’erano anche dei gruppi di stranieri. Capaccio menziona Ebrei, quasi 36 famiglie. Poi c’erano Catalani (Rua Catalana), ma anche Francesi, Inglesi, Ragusei e pure Tedeschi. Con Carlo V abbiamo i Fiamminghi e i greci. Ma c’erano anche Italiani: Fiorentini, Longobardi e un po’ di veneziani e soprattutto Genovesi. E nelle loro chiese ci sono opere d’arte molto importanti (Caravaggio).
I genovesi erano molto invidiati a causa della loro fortuna: hanno ricchezze, feudi e una nuova chiesa.
La presenza straniera testimonia il senso dell’apertura internazionale della città e del suo carattere di metropoli europea.
Tratto da NAPOLI CAPITALE di Stefano Oliviero
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Il pensiero politico dall'Umanesimo all'Illuminismo

Appunti utili per l'esame - Storia delle categorie politiche - Storia del pensiero politico, completa ed accurata, da Macchiavelli a Beccaria.