Skip to content

Il primi passi di Hitler e di Franco


Salito  al potere, Hitler decise di ritirare la delegazione tedesca dalla conferenza internazionale di Ginevra dove le grandi potenze cercavano di raggiungere un accordo sulla limitazione degli armamenti, seguì pochi giorni dopo il ritiro della Germania dalla società delle Nazioni. Queste decisioni allarmarono tutta l’Europa. Nel ’34 gruppi nazisti uccisero il cancelliere Dullfuss al fine di preparare l’unificazione tra Austria e Germania. Mussolini reagì schierando 4 divisioni al confine italo-austriaco ed Hitler che non era ancora pronto per una guerra fu costretto a fare marcia indietro sconfessando gli autori del complotto. Nel ’35 viene reintrodotta in Germania la coscrizione obbligatoria vietata dal trattato di Versailles. Italia,Francia e Gran Bretagna si riunirono a Stresa per condannare il riarmo tedesco, fu questa l’ultima manifestazione di solidarietà tra le potenze vincitrici. I successi di Hitler spinsero l’URSS ad entrare nella società delle nazioni nel ’34 e nel ’35 a stipulare un alleanza militare con la Francia.

Tra il ’36 ed il ’39 la Spagna fu sconvolta da una sanguinosa guerra civile, quando infatti nel ’36 le sinistre unite in una coalizione di fronte popolare si affermarono nelle elezioni politiche, la tensione esplose in tutto il paese, le masse proletarie vissero la vittoria come l’inizio di una rivoluzione sociale; la vecchia classe dominante invece si espresse nella violenza squadristica affidata ai gruppi fascisti della Falange. Iniziata nel luglio del ’36, e guidata da Francisco Franco, la ribellione portò inizialmente al controllo di gran parte della Spagna Occidentale, Franco venne aiutato dal comportamento delle potenze europee: Italia e Germania aiutarono massicciamente i franchismi, l’unico stato che portò un aiuto efficace alla repubblica fu l’URSS che fornì il governo spagnolo di materiale bellico e favorì la formazione di brigate internazionali (volontari in gran parte comunisti ed antifascisti di tutte le tendenze e di tutti i paesi). Mentre i nazionalisti mettevano in piedi uno stato dai chiari connotati autoritari i repubblicani si scontravano tra loro. Il contrasto assunse toni drammatici nel ’37 quando a Barcellona gli anarchici si scontrarono con i comunisti e l’esercito repubblicano, la sorte della guerra fu segnata nel ’38 quando i franchisti riuscirono a spezzare in 2 il territorio controllato dai repubblicani, nel ’39 infine venne sferrata l’offensiva finale che si concluse con la caduta di Madrid.
Tratto da PICCOLO BIGNAMI DI STORIA CONTEMPORANEA di Marco Cappuccini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro