Skip to content

Disturbo bipolare non specificato


Si fa diagnosi di disturbo bipolare di tipo II non specificato →  se alcuni criteri quali per esempio quello temporale non è soddisfatto, cioè l’episodio si discosta leggermente (alla base c’è sempre una variazione del comportamento).

Questa categoria si applica alle presentazioni in cui i sintomi caratteristici di un disturbo bipolare e correlati che causano disagio clinicamente significativo o menomazione nel funzionamento sociale, lavorativo o di altre aree importanti del funzionamento predominante, ma non soddisfano i criteri per uno qualsiasi dei disturbi bipolare e disturbi legati alla classe diagnostica. Il bipolare non specificato e relativa categoria di disturbi è utilizzata in situazioni in cui il medico sceglie di non specificare la ragione che i criteri non sono soddisfatti per un disturbo bipolare e relativi specifica, e comprende presentazioni in cui vi sono informazioni sufficienti per fare una diagnosi più specifica (ad esempio, nelle impostazioni di pronto soccorso).

Questi disturbi soprattutto per quanto riguarda l’ipomaniacale, non crea disagio anzi viene associato a creatività che non si riscontra invece nel maniacale. Si è trovato l’ elemento creativo nei bipolare tipo II e nei pazienti sani dei pazienti di tipo II.

Altro elemento interessante è quello di diagnosi differenziale, distinguere un depressivo maggiore puro da un bipolare II è difficile perché bisogna ricercare almeno un episodio maniacale.

Per gli altri disturbi bipolari sapere bene le caratteristiche per la diagnosi differenziale:

• Disturbi d’ansia: la diagnosi differenziale è difficile perché i bipolari sono in comorbilità con i disturbi d’ansia. Ci possono anche essere elementi da specificare, infatti la novità è quella di non considerare più
episodi misti, ma la patologia mista dev’essere messa tra i criteri che vanno a spiegare quel tipo di disturbo (la mescolanza tra sintomi è da inserire nelle specifiche). Bisogna individuare caratteristiche ansiose, o di ciclizzazione rapida. Nelle specifiche vanno anche inserite caratteristiche melanconiche, caratteristiche atipiche →  se si nota che gli episodi depressivi all’interno del disturbo bipolare presentano caratteristiche atipiche rispetto i sintomi dell’episodio depressivo (iperfagia, ipersonnia ecc). Altro elemento innovativo è quello di inserire nelle specifiche caratteristica psicotica congruente o no all’umore, cioè con catatonia (rigidità motoria) o no, che può essere caratteristica di episodio depressivo. Praticamente i sottotipi del DSM-IV ora nel V vengono inseriti come specifiche (sia nel Bipolare I che nel II, infatti le caratteristiche degli episodi depressivi possono essere adattati all’uno o all’altro).
Questi disturbi soprattutto per quanto riguarda l’ipomaniacale, non crea disagio anzi viene associato a creatività che non si riscontra invece nel maniacale. Si è trovato l’elemento creativo nei bipolare tipo II e nei pazienti sani dei pazienti di tipo II.

• Disturbo depressivo maggiore: Disturbo depressivo maggiore può anche essere accompagnato da ipomania o sintomi maniacali (vale a dire, un minor numero di sintomi o per una durata più breve di quanto richiesto per mania o ipomania). Quando l'individuo presenta in un episodio di depressione maggiore, si deve valutare la storia per quanto riguarda passati episodi di mania o ipomania. I sintomi di irritabilità possono essere associati sia con disturbo depressivo maggiore o disturbo bipolare, aggiungendo alla complessità diagnostica.
Altri disturbi bipolari. La diagnosi di disturbo bipolare si differenzia dal disturbo bipolare II per determinare se vi siano stati passati episodi di mania. Altri disturbi bipolari, specificati e non, devono essere differenziati da bipolare di tipo I e II disturbi da considerare se sia gli episodi maniacali o ipomaniacali che coinvolgono sintomi o gli episodi di sintomi depressivi non riescono a soddisfare i criteri per tali condizioni.

Il disturbo bipolare causato da altra condizione medica può essere distinta da bipolare e disturbi II identificando, basate sulle migliori evidenze cliniche, una correlazione causale medico condizione.

• Disturbo d'ansia generalizzato, disturbo di panico, disturbo da stress post-traumatico o altri disturbi d'ansia.
Questi disturbi devono essere considerati nella diagnosi differenziale sia come malattia primaria o, in alcuni casi, in comorbilità. È necessaria una accurata storia di sintomi per differenziare disturbo d'ansia generalizzato dal disturbo bipolare, pensieri ansiosi possono essere scambiati per fuga di pensieri, e gli sforzi per ridurre al minimo sentimenti ansiosi possono essere presi come un comportamento impulsivo.
Allo stesso modo, i sintomi del disturbo post-traumatico da stress devono essere differenziati da disturbo bipolare. E 'utile per valutare l’ episodica natura dei sintomi descritti, nonché considerato sintomo d’innesco, nel fare questa diagnosi differenziale.

• Sostanza/farmaco - indotta da disturbo bipolare.
Disturbi da uso di sostanze possono manifestarsi con sintomi maniacali che devono essere distinti da disturbo bipolare I; la risposta a stabilizzatori dell'umore nel corso di una episodio maniacale indotto da sostanze non è sufficiente per diagnosticare il disturbo bipolare. Ci possono essere notevoli sovrapposizione in considerazione della tendenza degli individui con disturbo bipolare tipo I all’abuso di sostanze durante un episodio. Una diagnosi primaria di disturbo bipolare deve essere basata sui sintomi che rimangono una volta le sostanze non vengono più utilizzate.

• Disturbo di attenzione. Questo disturbo può essere mal diagnosticato come disturbo bipolare, soprattutto negli adolescenti e nei bambini. Molti sintomi si sovrappongono con i sintomi di mania, come il discorso rapido, pensieri che si rincorrono, distraibilità, e meno bisogno di sonno. Il "doppio conteggio" dei sintomi sia verso ADHD e disturbo bipolare può essere evitata se il medico chiarisce se il sintomo (s) rappresenta un episodio distinto.

• I disturbi di personalità.
Disturbi della personalità come il disturbo borderline di personalità possono avere una sostanziale sovrapposizione sintomatica con disturbi bipolari, poiché la labilità dell'umore e impulsività sono comuni in entrambe le condizioni. Sintomi devono rappresentare un episodio distinto, e il notevole incremento rispetto al funzionamento basale è necessario per la diagnosi di disturbo bipolare. Una diagnosi di un disturbo di personalità non deve essere effettuata durante un episodio di umore misto.

• Disturbi con irritabilità prominente.
In individui con irritabilità grave, in particolare i bambini e gli adolescenti, la cura deve essere presa per applicare la diagnosi di disturbo bipolare solo a coloro che hanno avuto un chiaro episodio di mania o ipomania, cioè un periodo di tempo diverso, della durata richiesta, durante che l'irritabilità era chiaramente diverso dal basale dell'individuo ed è stata accompagnata dalla comparsa dei sintomi Criterio B. Quando l'irritabilità del bambino è persistente e particolarmente grave, la diagnosi di disturbo da di regolazione dirompente dell’umore  sarebbe più appropriato. Infatti, quando un bambino viene valutato per mania, è essenziale che i sintomi rappresentano un netto cambiamento di comportamento tipico del bambino.

Tratto da PSICOPATOLOGIA DIFFERENZIALE di Veronica Rossi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.