Skip to content

La sintassi dei promessi sposi - A. Manzoni

La sintassi dei promessi sposi - A. Manzoni


L'incipit dei Promessi Sposi è maestoso, in primo luogo per la sintassi, che qui sembra dar ragione a chi, come Gramsci, giudica per questo aspetto il romanzo definendolo “difficile”. Nel primo periodo il verbo principale (vien... a ristringersi) arriva a ben due righe abbondanti dal soggetto iniziale, e tutto il primo paragrafo si può considerare come un unico periodo, stretto in quanto tale dalla rispondenza chiastica a seni e a golfi / in nuovi golfi e in nuovi seni. Nel secondo paragrafo il soggetto non è chi trova a lunga distanza il corrispondente verbo non lo discerna, e l'intero periodo che lo avvolge contiene tre subordinate implicite (formata, appoggiata, detto) e dopo i due punti, messi a rallentare il periodo, troviamo di fila una consecutiva, una implicita infinitivale, una concessiva, una comparativa, una relativa per chiudersi con una frase complessa arricchita da un inciso.
La sinuosità e abbondanza qui e in seguito della sintassi, che molto probabilmente è anche una mimesi della ricca sinuosità del paesaggio ritratto, è poi continuamente pausata da una punteggiatura estremamente analitica che, mentre sembra alleggerirla, in realtà trasforma frasi e sintagmi in incisi, in rientranze: mimesi nella mimesi.
Ma bisogna pur comprendere che tanta complessità, che nulla ha a che vedere con l'eloquenza, è anzitutto al servizio di una strenua volontà analitica, per dir meglio, di distinzione. Per cui le figure del brano, e un po' sempre di Manzoni, sono le coppie verbali o sintagmatiche di simili, di diversi, di opposti, differenti quanto si può dalle dittologie letterarie, spesso ridondanti, e governate invece dalla logica; si vorrebbe parlare piuttosto di biforcazioni, consone al generale intrico sintattico: a seni e a golfi...; prender corso e figura di fiume...un promontorio a destra...ecc; di nome più oscuro e di forma più comune...lento e continuo; in poggi...in erte e in ispianate...ecc;
Tale sintassi che sceglie nell'apparenza di non scegliere è però anche in funzione del punto di vista, che per la maggior parte delle descrizioni è un punto di vista dall'alto, non si saprebbe se più per scrupolo di oggettività o se perché così guarda l'occhio di Dio. La visione è quella del cartografo o del geologo, non del passeggero o del viandante caro ai romantici, così come aveva già detto De Sanctis.
Il punto di vista iniziale si rovescia solo al par. 5 (alzando lo sguardo, non iscoprite, seconda plurale inclusiva, e quindi allo sguardo e poi contemplate, passeggiate e la serie di vi) ma sempre con preminenza dell'oggetto sul soggetto. Non è un caso che in questi paraggi affiori un'animazione o antropomorfizzazione del paesaggio, che comporta anzitutto un linguaggio metaforico fin lì evitato se non per ironia (accarezzavan... le spalle): correvano (le strade) 5, spunta o sparisce fino allo splendido lucido serpeggiamento. Qui pure si reperiscono due casi di anticipo letterario dell'aggettivo, anche in coppia, rispetto al sostantivo: vasto a variato specchio e il citato lucido serpeggiamento.

Tratto da STORIA DELLA LINGUA ITALIANA di Gherardo Fabretti
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

La società aperta nel difficile cammino della modernità

Appunti sul libro di Rocco Pezzimenti "La società aperta nel difficile cammino della modernità". Viene analizzata l'evoluzione della società aperta nella filosofia di Hume, Gucciardini, Burke, Croce...