Skip to content

Patomeccanica del Back Pain


Il contributo della postura nella generazione degli sforzi tissutali è il moto ispiratore della Postural Back School Metodo C.A.MO.

Studiando la biomeccanica delle varie componenti del rachide, è possibile determinare come delle eccessive pressioni della colonna vertebrale, vanno a creare anche delle alterazioni al livello tissutale, infatti le così dette posture antalgiche hanno una notevole valenza sui tessuti del rachide e la postura incongrua è rischio soggettivo ed oggettivo di BP.

L’unità del rachide che tende a limitare i carichi, che garantisce la stabilità e la mobilità, è il disco intervertebrale, che come già precedentemente descritto per quella che è la sua conformazione ha il principale compito di poter ridurre i carichi che si scaricano sulle varie vertebre.
Ma ogni qual volta che però si ha anche una minima variazione angolare dei corpi vertebrali, allora i tessuti articolari vanno sotto sforzo ed il disco si appiattisce.

Diciamo che le patologie al livello del rachide su questo punto di vista si hanno maggiormente nei soggetti anziani, perché sono affetti da degenerazione discale, e quindi appiattendosi aumentano le tensioni sulle articolazioni e sui legamenti della colonna vertebrale.
Ma con ciò non si può escludere ovviamente che dei carichi eccessivi non possano comportare anche delle conseguenze sui soggetti in età evolutiva, perché ogni qual volta che si assume una postura non fisiologica tutti i costituenti della colonna vanno sotto sforzo mal distribuendo il carico.
Affinchè si possa evitare ciò è bene salvaguardare la salute del disco intervertebrale, e quindi bisogna intervenire tempestivamente nel caso dell’assunzione di posture scorrette prima ancora che vengano fissate al livello del sistema nervoso centrale.
Il soggetto in età evolutiva affetto da disturbi dello schema posturale, per evitare conseguenze in età adulta è bene che venga sottoposto ad un protocollo personalizzato che segua il metodo C.A.MO. risultato idoneo per tale intervento.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.