Skip to content

Lo studio neuroscientifico dei processi decisionali

Ernst e Paulus (2005) definiscono il decision-making come un processo che permette di stabilire una preferenza, selezionare ed eseguire un'azione e valutarne gli effetti.
Per prendere decisioni quindi, si deve poter distinguere tra stimoli differenti, attribuire un valore a tali stimoli, formare preferenze, eseguire un’azione in risposta a stimoli selezionati, valutare gli esiti che l’azione ha avuto su stimoli selezionati.
Soffermandoci sugli aspetti biologici della decisione, bisogna considerare l'influenza delle caratteristiche dei contesti e i differenti livelli di analisi.
di Priscilla Cavalieri
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.