Skip to content

Il periodo buoio della vita di Britney Spears



 


Le notizie riguardanti la Spears facevano vendere molte copie ai giornali ed attiravano audience in tv, pertanto quelli che sino a quel momento si erano dimostrati essere mezzi con cui Britney si faceva pubblicità, divennero mezzi di persecuzione che, nonostante tutto, le continuavano a fare pubblicità.
I mass media sono stati presenti anche quando l’artista ha iniziato a dare evidenti segni di squilibrio mentale: sono state accuratamente documentate, infatti, tutte le fasi che ritraggono la Spears nel momento in cui decide di rasarsi a zero i capelli (la folta chiamo bionda che ha contribuito, almeno inizialmente, a definirla come una Barbie in carne ed ossa) e c’era addirittura un elicottero sulla sua villa quando Britney si è barricata in casa perché non voleva consegnare i figli all’ormai ex marito Kevin Federline (il quale aveva ottenuto la custodia parziale e dopo questo evento ne ottiene la custodia totale per oltre sette mesi) e subito dopo l’intervento della polizia ha avuto un cedimento ed è stata ricoverata praticamente in diretta (vedi figure 1 e 2).
La costante attenzione dei media non è diminuita nemmeno quando la Spears ha tentato svariate volte di farsi ricoverare in cliniche specializzate al fine di poter tornare in forma e riavere la custodia legale dei suoi figli.
Quelli che erano stati i suoi amici nella scalata al successo diventano definitivamente nemici della sua vita privata.
Riacquistata, parzialmente la salute, è particolarmente interessante il ruolo contraddittorio che assumono i media quando Britney si esibisce ai Video Music Awards del 2007: tornata sulle scene con un quinto album in studio dal titolo molto esplicativo di quella che era stata la sua situazione sino ad ora, Blackout, i media criticano Britney per la sua esibizione ma soprattutto per la sua forma fisica non più estremamente magra; si pensi un momento a quante sono le argomentazioni presenti su tutti i mezzi di comunicazione a favore della lotta all’anoressia. Gli stessi mezzi di comunicazione, il giorno dopo l’esibizione di Britney ai VMA’07, hanno massacrato una ragazza presentatasi sul palco con solo qualche chilo di troppo.
Riguardo questo accadimento i media hanno fatto polemica anche su loro stessi: infatti, molti siti internet si sono mossi a difesa della Spears e contro chi la criticava duramente, mettendo in luce l’effetto negativo che queste critiche potevano avere soprattutto su quelle ragazze che fanno della dieta il loro pane quotidiano…
“Impacciata”, “grassa”, addirittura “un’orsa che danza” sono stati solo alcuni degli appellativi affibbiati alla Spears dopo l’esibizione in questione.
Eppure, dopo le difese di qualche sito internet, sono arrivate anche le ironie: sono state numerosissime le imitazioni della cantante sul palco dei VMA’07 che spopolano su siti come Youtube (vedi figura 4).

di Marco Cappuccini
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.