Skip to content

La relatività della nozione di flessibilità nella disciplina del lavoro e nelle fonti previdenziali

Nei territori della previdenza sociale la "flessibilità" è suscettibile di evocare un arco ancor più vasto di accezioni, che possono implicare riferimenti all'ovvio (l'adeguamento ai mutamenti dello specifico referente), ma anche ad eventi "estranei" alla specifica materia, come può avvenire nel caso di utilizzo, per così dire, "anomalo" delle tecniche e degli strumenti previdenziale, quale di fatto si ha quando questi vengono piegati a fini di politica economica, di politica demografica, ecc…
Il carattere flessibile della materia è un connotato risalente è scontato.
Lo dimostra la stessa fortuna che l'impiego dello strumento delle assicurazioni sociali ha mantenuto nel tempo: uno strumento tecnico che ha segnato la nascita della previdenza sociale, ma ne ha anche costantemente accompagnato lo sviluppo, nonostante i vari, e anche radicali, mutamenti intervenuti nel contesto sociale, economico, politico.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.