Skip to content

La situazione enunciativa nella comunicazione

Nella comunicazione orale i partecipanti all’atto comunicativo sono compresenti, nell’hic et nunc della situazione enunciativa. Essi sono immersi nel mondo circostante. L’enunciazione costruisce due figure, io e tu, e le colloca l’una di fronte all’altra, compartecipi e alternativamente protagoniste.

In rapporto alla situazione di discorso si definiscono sia gli indicatori di persona tramite i pronomi personali io e tu sia altre forme deittiche. Questi organizzano le relazioni spaziali e temporali intorno al soggetto posto come punto di riferimento e ancorano il discorso al contesto situazionale in cui si realizza l’istanza discorsiva.

Nella comunicazione scritta non si ha più il caso di un parlante che si designa come soggetto, almeno nel senso, secondo Ricoeur, di un’autodesignazione diretta ed immediata di colui che parla nell’istanza del discorso. Non si ha una compresenza dei partecipanti in uno spazio specifico ed in un momento specifico. Il lettore è assente dall’atto di scrittura e non può rispondere divenendo a sua volta soggetto enunciatore. Parimenti lo scrittore non risponde al lettore.

La prossimità del soggetto enunciatore con il suo discorso propria della comunicazione orale, è sostituita nella comunicazione scritta da una complessa relazione che si instaura fra l’autore e il testo. Va inoltre rilevato come nella comunicazione scritta il soggetto enunciatore possa avvalersi di maggiore libertà nella costruzione del mondo tramite un processo di decontestualizzazione.

L’analisi della situazione canonica ci porta a definire il parlato nella situazione canonica in riferimento a quattro fattori: la presenza del soggetto enunciatore (io), la presenza del coenunciatore (tu), in uno spazio specifico (hic), in un momento (nunc). Si avranno quindi come caratterizzanti del parlato i tratti io+tu+hic+nunc+ e dello scritto io+ tu+ hic- nunc-.

di Domenico Valenza
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.