Skip to content

Le questioni costituzionali Inglesi del '700

Pur risolte le principali questioni costituzionali questa rivoluzione del 1688 – 89 fu una rivoluzione conservatriche, mirata più ad un riequilibramento dei poteri tra re e Parlamento dopo gli eccessi rivoluzionari degli Stuart. Fu una rivoluzione di conservatori. Proprio l'assenza di mutamenti radicali determinò il continuare della lotta tra Corona e Parlamento, anche se entro canali più rigidi che impedirono lo scoppio di nuove guerre.
Tories e Whigs dagli anni Ottanta non erano più gli stessi. I Tories avevano dovuto cedere su una questione di principio che consideravano fondamentale, quella della monarchia ereditaria, di diritto divino, a cui avevano rinunciato per dare al paese un attimo di stabilità.
I Whigs, per quanto in una posizione più confortevole, avevano rinunciato alla loro teoria di un contratto tra sovrano e popolo, ottenendo però tre garanzie costituzionali contro i rischi di un ritorno di un governo autoritario e non parlamentare: la rivoluzione finanziaria, il Coronation Oathn (che obbligava i sovrani a governare secondo gli statuti ordinati dal Parlamento) e il Bill of Rights (che prevedeva elezioni libere, libertà di parola nelle Camere e fuori, ordine di convocare un nuovo Parlamento entro tre anni dallo scioglimento e limite di durata a tre anni per ogni legislatura, impossibilità per la Corona di dispensare e sospendere leggi; vietava punizioni crudeli e il sequestro di beni prima di una condanna stabilita; impediva la possibilità per la Corona di mantenere un esercito stanziale in tempo di pace).
Il Parlamento diede anche una presa più salda per le finanze e con la Civil List si sanciva che il Parlamento dava alla Corona solo quanto ritenuto necessario per coprire le spese correti dell'amministrazione e della corte; i ministri delle finanze incapaci venivano licenziati e la Corona non poteva concedere il perdono a chi fosse stato dichiarato colpevole di tradimento.
Tribunali come il Commissioner for Ecclesiastical Causes furono giudicati perniciosi e illegali e con il Treason Act del 1696, modernissimo, fu stabilito il diritto inalienabile di una persona accusata di alto tradimento ad un processo equo. La magistratura fu giudicata indipendentre con l'Act of Settlement, che stabiliva quindici giudici in carica quamdiu se bene gesserint.

di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.