Corporeità e Apprendimento

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Anna Di Palma Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2361 click dal 29/01/2013.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Anna Di Palma

Anteprima della tesi: Corporeità e Apprendimento, Pagina 3
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Struttura Diviso in Tre parti e Nove capitoli, il lavoro si presenta così strutturato: Nella prima parte, viene preso in esame il Corpo, la Corporeità, il loro rapporto con la mente e l‟apprendimento attraverso le differenti concezioni e teorie fino a quella delle Neuroscienze. La seconda parte, invece, riguarda il rapporto del corpo con i Media e con le Nuove tecnologie e la relazione empatica con essi. Nella terza e ultima parte, infine, si teorizzano, in campo didattico, approcci che mirino a valorizzare a stimolare la conoscenza attraverso il corpo. Nel Primo capitolo, la riflessione verte su ciò che si intende per Corporeità che, quale sede di espressività e comunicazione con l‟altro, di esteriorità (emozioni-sentimenti), ma anche di processi cerebrali (funzioni cognitive), si palesa come un „unico essere‟ esplicitando come, corpo e persona non possano essere prese separatamente in quanto, connettendosi, si fondono in un‟unica visione olistica. Corporeità, quindi, come corpo che si „è‟, corpo vissuto, sentito e pensato. Si fa riferimento a Lakoff in particolare, in quanto appare chiaro che l‟embodiment, come pratica per cui „incarniamo‟ qualcosa quando ne facciamo esperienza , ben si sposa con il concetto di „corpo vissuto‟, quel corpo che, nella sua unità, ci introduce al mondo, anzi il mondo stesso e i suoi oggetti „nascono‟ quando il corpo li vede, li sente, li tocca e a sua volta, esso stesso, sentendosi visto, sentito e toccato, „è‟, nel contempo esplorante ed esplorato. Nel Secondo capitolo vengono scorse le diverse concezioni che si sono evolute riguardo l‟idea del corpo nel corso dei secoli e ci si sofferma su quelle che guardano al corpo nella sua „multiformità‟ e „dialetticità e al concetto di „mediatezza‟ che esso porta con sé, che si concretizza attraverso la comunicazione, considerata nella sua relazione con l‟altro, mettendo in evidenza il suo passaggio da corpo-oggetto, a corpo che „agisce‟ esplorando il mondo, costruendo conoscenza. Il Terzo capitolo evidenzia le diverse concezioni riguardanti il rapporto corpo-mente, partendo dalla ricerca sul significato stesso di mente e dal dualismo cartesiano alla ricerca di un possibile punto di incontro. L‟apprendimento, quale attitudine peculiare della natura umana e le teorie ad esso afferenti, viene introdotto nel Quarto capitolo, mentre nel Quinto, dopo aver delineato i caratteri delle neuroscienze e il perché stanno assumendo grande rilevanza negli ultimi