Skip to content

Progettazione di un robot parallelo di pura traslazione a tre gradi di libertà di tipo 3-PRPR

Informazioni tesi

  Autore: Elena Poluzzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Meccanica
  Relatore: Vincenzo Parenti Castelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Da anni i manipolatori paralleli hanno suscitato notevole interesse da parte di aziende e ricercatori, grazie a proprietà quali elevata rigidezza, eccellenti prestazioni dinamiche ed alto valore del rapporto tra carico manipolabile e peso complessivo del robot.

E’ quindi evidente come risultino particolarmente indicati in applicazioni che richiedano alte prestazioni dinamiche (in termini di velocità e accelerazione raggiungibili dall’elemento terminale), oppure un alto standard di precisione, data la possibilità di progettare meccanismi particolarmente rigidi.

All’interno di questa famiglia di manipolatori, hanno attirato recentemente l’attenzione dei ricercatori i manipolatori paralleli la cui piattaforma possiede meno di sei gradi di libertà ed in particolare quelli di pura traslazione: ci si riferisce a questa tipologia con l’acronimo TPM (translational parallel mechanism).

Obiettivo del presente lavoro è la progettazione del prototipo di un manipolatore parallelo di pura traslazione, costituito da tre gambe di tipo PRPR: allo stato attuale, pur essendo state individuate e classificate diverse tipologie di manipolatori TPM, non sono stati costruiti esemplari riconducibili a questa particolare tipologia . Alla base della progettazione vi sono gli studi di ricerca portati a termine nell’ambito della Facoltà di Ingegneria Meccanica dell’Università degli Studi di Bologna, che hanno fornito le analisi cinematica e dinamica ed un primo progetto costruttivo, fondamentali per la realizzazione della presente Tesi di Laurea.

Nel tentativo di ottimizzare il rapporto tra volume dello spazio di lavoro e volume di ingombro del manipolatore, è stato necessario rimettere in discussione la disposizione spaziale dei membri che lo costituiscono, ottenendo alcune soluzioni degne di nota. Nell’ambito dell’analisi della singola gamba, sono state considerate e illustrate alcune possibili ipotesi costruttive, in relazione alle soluzioni tecnologiche attualmente disponibili.

Una volta illustrata la metodologia progettuale ed individuate le specifiche di progetto, si entra nel merito del dimensionamento del manipolatore, basato sull’ analisi statica: in una prima fase sono stati eseguiti alcuni semplici calcoli manuali, con il solo scopo di ottenere un dimensionamento di massima, essenziale per la realizzazione del un modello tridimensionale necessario per la successiva analisi agli Elementi Finiti.

Viene in seguito trattato il progetto costruttivo del manipolatore, a partire dai dati forniti dall’ Analisi Cinetostatica, necessaria al dimensionamento dei componenti commerciali per la realizzazione delle coppie cinematiche. Questo ha consentito la realizzazione del disegno d’insieme del robot; eventuali modifiche apportate al modello (dovute ad esempio alla non aderenza tra dimensioni di ingombro ipotizzate e reali dei componenti commerciali), sono state opportunamente prese in considerazione, valutandone gli effetti sulle caratteristiche di resistenza statica e sulle prestazioni dinamiche. Una volta determinati gli effettivi ingombri degli elementi costituenti il manipolatore, nonché i materiali che li costituiscono, è stato possibile ottenere la potenza richiesta agli attuatori, ultima fase di una metodologia progettuale inevitabilmente iterativa.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Da anni i manipolatori paralleli hanno suscitato notevole interesse da parte di aziende e ricercatori, grazie a proprietà quali elevata rigidezza, eccellenti prestazioni dinamiche ed alto valore del rapporto tra carico manipolabile e peso complessivo del robot (CAPITOLO I). E’ quindi evidente come risultino particolarmente indicati in applicazioni che richiedano alte prestazioni dinamiche (in termini di velocità e accelerazione raggiungibili dall’elemento terminale), oppure un alto standard di precisione, data la possibilità di progettare meccanismi particolarmente rigidi. All’interno di questa famiglia di manipolatori, hanno attirato recentemente l’attenzione dei ricercatori i manipolatori paralleli la cui piattaforma possiede meno di sei gradi di libertà ed in particolare quelli di pura traslazione: ci si riferisce a questa tipologia con l’acronimo TPM (translational parallel mechanism). Obiettivo del presente lavoro è la progettazione del prototipo di un manipolatore parallelo di pura traslazione, costituito da tre gambe di tipo PRPR: allo stato attuale, pur essendo state individuate e classificate diverse tipologie di manipolatori TPM, non sono stati costruiti esemplari riconducibili a questa particolare tipologia . Alla base della progettazione vi sono gli studi di ricerca portati a termine nell’ambito della Facoltà di Ingegneria Meccanica dell’Università degli Studi di Bologna, che hanno fornito le analisi cinematica e dinamica ed un primo progetto costruttivo, fondamentali per la realizzazione della presente Tesi di Laurea. Nel tentativo di ottimizzare il rapporto tra volume dello spazio di lavoro e volume di ingombro del manipolatore, è stato necessario rimettere in discussione la disposizione spaziale dei membri che lo costituiscono, ottenendo alcune soluzioni degne di nota (CAPITOLO II). Nell’ambito dell’analisi della singola gamba, sono state considerate e illustrate alcune possibili ipotesi costruttive, in relazione alle soluzioni tecnologiche attualmente disponibili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi cinematica
analisi dinamica
analisi fem
manipolatore
parallelo
progettazione
prpr
robot
robotica
tpm

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi