Skip to content

Il disagio insegnante nella scuola italiana contemporanea. Un'analisi critico-pedagogica dei vissuti professionali e formativi del docente

Informazioni tesi

  Autore: Laura Tussi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Programmazione e gestione dei servizi educativi e formativi
  Relatore: Jole Orsenigo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Usiamo la categoria di rimosso, che evoca un concetto di matrice freudiana, in senso analogico. Essa non presuppone una specie di anfratto nascosto come luogo di generazione e significazione psicologica, e non indica neppure quelle censure e quei silenzi che hanno sempre gravato sull'educazione. Si tratta piuttosto - rifacendosi all'idea di analisi sintomale in ambito epistemologico -di considerare i discorsi sulla scuola come testi che rinviano a implicazioni diverse dal semplice scorrimento di essi. Un rinvio segnalato da cesure concettuali, composti metaforici, scarti, mancanze, dettagli, contraddizioni e sovradeterminazioni interne assunti come sintomi linguistici di cui esplicitare significati possibili. Più in generale, interessa assumere le articolazioni e i contenuti di discorsi diversi come sintomi di un testo anonimo meno evidente, che permetta di ricondurli ad alcune dimensioni residuali e ad alcuni nuclei irrisolti. Tali discorsi comportano il rinvio all'esperienza scolastica e all'esperienza sociale come materialità segnate da sintomi appiattiti su una fenomenologia di tipo narrativo o descrittivo: i comportamenti dei ragazzi, i vissuti degli insegnanti, i risultati scolastici, le disfunzioni istituzionali, i rapporti con le famiglie, i condizionamenti esterni, gli assunti ideali. Si apre così il campo di una decostruzione e una ricostruzione pedagogica che possano essere esercitate su qualunque testo linguistico e culturale, su qualsiasi contesto sociale.
Tra questi aggregati di sintomi vanno considerate sia le rappresentazioni più caricaturali della vita scolastica, sia gli umori più viscerali su di essa. Un approccio sintomale potrebbe valorizzare gli uni e le altre per andare al di là di quei processi di semplificazione, familiarizzazione e naturalizzazione che inducono ad accettare la scissione tra cognitivo e affettivo. Tale scissione è la conseguenza di una rimozione non solo delle dinamiche affettive nei processi didattici, ma anche della Struttura materiale dell'accadere educativo. Ne deriva una molteplicità di sintomi inscritti variamente sia nell'esperienza scolastica sia nei discorsi su essa.
Abbiamo visto come questi ultimi si configurino nell'ambito di grandi formazioni discorsive , le cui condizioni di possibilità consistono in pratiche interne a un certo tipo di pubblico: gli insegnanti che devono partecipare ai concorsi, gli studenti universitari in scienze dell'educazione, gli psicologi in cerca di spazi professionali, i politici e gli amministratori bisognosi di dati sociali, gli educatori che si scontrano con i problemi scolastici, i genitori che non sanno cosa fare con i figli, gli esponenti delle diverse materie in lizza tra loro. La disciplina della punizione
Dal supplizio alla prigione: la riflessione di Foucault sulle “istituzioni totali” ha qui inizio con la genealogia dell’istituzione punitiva, il cui modello disciplinare si riproduce nelle altre principali istituzioni quali l’esercito, la scuola, l’ospedale, la fabbrica. In Sorvegliare e punire Foucault sostiene che è necessario considerare la punizione e la prigione come complesse funzioni sociali, e non semplicemente come un insieme di meccanismi repressivi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Usiamo la categoria di rimosso, che evoca un concetto di matrice freudiana, in senso analogico. Essa non presuppone una specie di anfratto nascosto come luogo di generazione e significazione psicologica, e non indica neppure quelle censure e quei silenzi che hanno sempre gravato sull'educazione. Si tratta piuttosto - rifacendosi all'idea di analisi sintomale in ambito epistemologico -di considerare i discorsi sulla scuola come testi che rinviano a implicazioni diverse dal semplice scorrimento di essi. Un rinvio segnalato da cesure concettuali, composti metaforici, scarti, man- canze, dettagli, contraddizioni e sovradeterminazioni interne assunti come sintomi linguistici di cui esplicitare significati possibili. Più in generale, interessa assumere le articolazioni e i contenuti di discorsi diversi come sintomi di un testo anonimo meno evidente, che permetta di ricondurli ad alcune dimensioni residuali e ad alcuni nuclei irrisolti. Tali discorsi comportano il rinvio all'esperienza scolastica e all'esperienza sociale come materialità 1 segnate da sintomi appiattiti su una fenomenologia di tipo narrativo o descrittivo: i comportamenti dei ragazzi, i vissuti degli insegnanti, i risultati scolastici, le disfunzioni istituzionali, i rapporti con le famiglie, i condizionamenti esterni, gli assunti ideali. Si apre così il campo di una decostruzione e una ricostruzione pedagogica che possano essere esercitate su qualunque testo linguistico e culturale, su qualsiasi contesto sociale. Tra questi aggregati di sintomi vanno considerate sia le rappresentazioni più caricaturali della vita scolastica, sia gli umori più viscerali su di essa. Un approccio sintomale potrebbe valorizzare gli uni e le altre per andare al di là di quei processi di semplificazione, familiarizzazione e naturalizzazione che inducono ad accettare la scissione tra cognitivo e affettivo. Tale scissione è la conseguenza di una rimozione non solo delle dinamiche affettive nei processi didattici, ma anche della Struttura materiale dell'accadere educativo. Ne deriva una molteplicità di sintomi inscritti variamente sia nell'esperienza scolastica sia nei discorsi su essa. Abbiamo visto come questi ultimi si configurino nell'ambito di grandi formazioni discorsive 2 , le cui condizioni di possibilità consistono in pratiche interne a un certo tipo di pubblico: gli insegnanti che devono partecipare ai concorsi, gli studenti universitari in scienze dell'educazione, gli psicologi in cerca di spazi professionali, i politici e gli amministratori bisognosi di dati sociali, gli educatori che si scontrano con i problemi scolastici, i genitori che non sanno cosa fare con i figli, gli esponenti delle diverse materie in lizza tra loro. La disciplina della punizione Dal supplizio alla prigione: la riflessione di Foucault sulle “istituzioni totali” ha qui inizio con la genealogia dell’istituzione punitiva, il cui modello disciplinare si riproduce nelle altre principali istituzioni quali l’esercito, la scuola, l’ospedale, la fabbrica. In Sorvegliare e punire Foucault sostiene che è necessario considerare la punizione e la prigione come complesse funzioni sociali, e non semplicemente come un insieme di meccanismi repressivi. 1 Barone P., Pedagogia della marginalità e della devianza, Guerini e Associati, Bologna 2001 2 Foucault M., Sorvegliare e punire, Einaudi, Torino 1976

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi