Skip to content

I conglomerati finanziari: un'analisi evolutiva e comparativa

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Mione
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Paola Leone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

L'elaborato si pone l'obiettivo di analizzare l'evoluzione del fenomeno dei conglomerati finanziari e di realizzare un confronto tra l'attuale situazione italiana e inglese.
La struttura dell'elaborato può essere idealmente suddivisa in tre parti: una prima parte, in cui vengono analizzati gli elementi caratteristici del Sistema finanziario e, in particolar modo, i diversi approcci della regolamentazione, le Autorità di vigilanza, gli strumenti di cui le stesse si avvalgono nell’esercizio delle loro funzioni e i diversi sistemi di vigilanza adottati dai paesi aderenti al SEBC. Questa analisi “introduttiva” ci consente di approfondire l’attuale organizzazione del sistema di vigilanza italiano (per il quale analizziamo l'organizzazione e i poteri della Banca d'Italia, dell'Isvap, della Covip e dell'AGCM) e inglese (per il quale ci soffermiamo ad analizzare l'organizzazione, i rapporti e i poteri della FSA e dell'HM Treasury). Nella seconda parte, incentrata sul fenomeno della conglomerazione finanziaria, vengono analizzati, in un primo momento, tutti quei fattori che hanno dato vita al processo di convergenza tra i diversi "players", rendendo meno netta la separazione tra i tradizionali comparti del Sistema finanziario ed estendendo le aree di sovrapposizione operativa tra gli stessi mentre, in un secondo momento, lo studio di alcune esperienze comunitarie ed extracomunitarie ci consentirà di valutare lo stato attuale del fenomeno della bancassicurazione. Successivamente, la nostra attenzione sarà completamente catturata dai conglomerati finanziari, dagli interventi con cui il legislatore comunitario ha cercato di delineare una disciplina prudenziale supplementare in grado: di colmare le lacune esistenti nelle varie normative di settore, di assicurare la stabilità del mercato finanziario europeo e di fronteggiare tutte le problematiche inerenti i conglomerati finanziari (Direttiva 2002/87/CE), per poi considerare le diverse modalità di recepimento adottate dal legislatore italiano prima (Decreto Legislativo 142/2005 e Accordo di Coordinamento tra Banca d’Italia, ISVAP e Consob) e da quello inglese poi (Consultation Paper 204 e Policy Statement 04/20).
Nella parte finale verrà analizzato l’attuale livello di sviluppo del fenomeno in Europa e, successivamente, verrà realizzato un confronto tra i conglomerati di nazionalità italiana e quelli di nazionalità inglese sulla base di due indicatori: il totale delle attività (total assets) e il ROE (return on equity), in modo tale da poter effettuare alcune considerazioni sulla diversa incidenza del fenomeno della conglomerazione finanziaria nei rispettivi paesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Negli ultimi anni il Sistema finanziario mondiale è stato caratterizzato da ampie trasformazioni che hanno riguardato l’organizzazione dei mercati, la gamma dei prodotti offerti agli investitori, nonché la struttura e le caratteristiche degli intermediari finanziari che vi operano. In un siffatto contesto di profondi mutamenti è da segnalarsi la costituzione di complessi gruppi diversificati, le cui attività coprono, al tempo stesso, i servizi offerti dalle banche, dalle società di investimento e dalle compagnie di assicurazione. Ci riferiamo, più precisamente, ai cosiddetti conglomerati finanziari, gruppi di dimensioni elevate, caratterizzati da strutture societarie complesse, qualificate dalla eterogeneità delle componenti, dalla loro integrazione operativa, produttiva e organizzativa e costituititi da una pluralità di imprese che svolgono un’attività diversificata, offrono un’ampia gamma di servizi finanziari (in particolare, almeno due tra i servizi bancari, quelli assicurativi e quelli offerti dalle imprese di investimento) e sono localizzati in differenti aree geografiche. L’emergere di queste organizzazioni, da un lato, ha accresciuto la necessità di un’azione più coordinata tra le diverse Autorità di vigilanza, dall’altro, ha evidenziato la necessità di adottare norme e strumenti “ad hoc” per garantire la stabilità del Sistema finanziario, per limitare potenziali conflitti di interesse ed eventuali “asimmetrie” presenti nelle regole a tutela degli investitori. Dunque, considerata la crescente importanza del fenomeno della conglomerazione finanziaria in questi ultimi anni, il presente lavoro si propone come principale obiettivo quello di realizzare un’analisi evolutiva e comparativa del suddetto fenomeno attraverso un confronto tra l’attuale situazione italiana e quella inglese. A tal proposito, la struttura della nostra analisi può essere idealmente suddivisa in tre parti: una prima parte, in cui ci siamo soffermati ad analizzare gli elementi caratteristici del Sistema finanziario e, in particolar modo, i diversi approcci della regolamentazione, le Autorità di vigilanza, gli strumenti di cui le stesse si avvalgono nell’esercizio delle loro funzioni e i diversi sistemi di vigilanza adottati dai paesi aderenti al SEBC. 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agcm
assicurazioni
assurebanking
autorità amministrative indipendenti
banca d'italia
bancassicurazione
bancassurance
banche
conglomerati finanziari
consultation paper
covip
direttiva 2002/87/ce
direttiva comunitaria
financial conglomerates
financial services authority
fsa
hm treasury
isvap
policy statement
roe
roi
sistema finanziario
total assets
vigilanza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi