Skip to content

Il ruolo del fisioterapista coordinatore in funzione di Case Manager: la presa in carico globale del paziente attraverso un sistema informativo/informatico per il governo della rete del territorio.

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Cesare Tempestilli
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master 1 livello “ Management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie “
Anno: 2008
Docente/Relatore: Donato Limone
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

La presente tesi vuole stimolare l’attivazione del fisioterapista coordinatore in funzione di case manager operante all’interno del distretto. Si è preso in considerazione l’andamento demografico, le riforme in atto nella Regione Lazio all’interno di un più largo progetto di ammodernamento del Servizio sanitario re-gionale che vede la presa in carico globale del paziente complesso attraverso un sistema di triage che è il Punto Unico di Accesso. Considerando che il PUA non è solo un luogo fisico ma è una modalità operativa, verrà dimostrata l’utilità del fisioterapista coordinatore distrettuale attraverso i paradigmi del "case manager" in funzione di facilitatore operante in un protocollo riabilitativo riferito a soggetti anziani a rischio di caduta in cui verranno esaltate le skill caratterizzanti il case manager e di coordinazione per raggiungere l’eccellenza dimostrata attraverso precisi outcome come: un questionario di job satisfaction e di customer satisfaction (e non solo) durante la realizzazione del percorso riabilitativo sopra descritto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione. Il piano di rientro della Regione Lazio 1 sta imponendo una profonda riorganizzazione e potenziamento del SSR con il fine dell’equilibrio economico- finanziario 2 , impegnando l’amministrazione regionale a porre in essere tutta una serie di provvedimenti atti a: ridurre i bisogni 3 , orientare la domanda 4 , razionalizzare e ottimizzare l’utilizzo delle risorse cosi come previsto dal Patto per la Salute 5 e dalla Legge finanziaria per il 2008 6 . L’accordo tra il Ministro della Salute, il Ministro dell’economia e finanza e la Regione Lazio, nel predisporre provvedimenti mirati a contenere la dinamica dei costi e perseguire l’equilibrio economico 7 , è un atto dovuto 8 che sta producendo una serie di misure e 1 Si veda riferimento Bibliografia – Normativa n. 43. Si legge al capo terzo della deliberazione: “Gli interventi individuati dal Piano allegato al presente Accordo sono vincolanti, ai sensi dell’art.1, comma 796, lettera b), della legge 27 dicembre 2006, n.296, per la Regione Lazio e le determinazioni in esso previste comportano effetti di variazione dei provvedimenti normativi ed amministrativi già adottati dalla medesima Regione Lazio in materia di programmazione sanitaria”. 2 Si veda riferimento Bibliografia – Normativa n. 53. Questa proposta, composta di due articoli novella: “… La riduzione delle aziende sanitarie locali di Roma e Provincia da 8 a 3” con il fine “… Di favorire un’attuazione coordinata e razionale, rispondente a criteri di sussidiarietà, efficacia, efficienza ed economicità, degli interventi e delle prestazioni rese dal servizio sanitario regionale …”. Possiamo facilmente dichiarare che il riassetto economico – finanziario regionale determinerà perfino una ristrutturazione nella capillare organizzazione di offerta di servizi sanitari. 3 Attuando un potenziamento delle attività di prevenzione primaria, secondaria e terziaria. 4 Ne è punto cardine l’istituzione del PUA (si vedano i capitoli successivi), potenziamento della medicina di continuità e territoriale, potenziamento delle attività assistenziali alternative al ricovero ospedaliero (ADI, ospedale di comunità, ecc.), politica del farmaco. 5 Si veda riferimento Bibliografia – Rapporti vari … n. 38, in particolare: “Promozione della qualità del SSN, continuità assistenziale dall’ospedale al domicilio del cittadino, razionalizzazione dei percorsi di diagnosi e cura, ecc”. 6 Si veda riferimento Bibliografia – Normativa n. 50. Art 374: “Per gli anni 2008 e 2009, l’importo di 60,5 milioni di euro previsto dall’articolo 1, comma 806, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, da assegnare alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano, con decreto del Ministro della salute, previa intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, per l’integrazione e il cofinanziamento dei progetti regionali attuativi del Piano sanitario nazionale e` prioritariamente finalizzato: a) alla sperimentazione del modello assistenziale «case della salute»; b) alle malattie rare; c) all’implementazione della rete delle unità` spinali unipolari e delle strutture per pazienti gravi cerebrolesi; d) all’attuazione del Patto per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro; e) alla promozione di attività di integrazione tra dipartimenti di salute mentale e ospedali psichiatrici giudiziari; f) all’attuazione del documento programmatico «Guadagnare salute – rendere facili le scelte salutari», di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 4 maggio 2007, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 22 maggio 2007”. 7 L’equilibrio economico è determinato dalla formula K Eq = R T /S T =1 ove R T sono le risorse complessive ed S T la spesa complessiva. L’unico strumento, per non ricorrere all’aumento dell’imposizione fiscale, è il “contenimento razionale” della spesa (vedi riferimento Bibliografia – Libri n. 3.). 8 Si veda riferimento Bibliografia – Normativa n. 30: “La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. … sono enti autonomi con propri statuti …” sancisce la piena autonomia e parità tra organi costituenti la Repubblica Italiana aprendo le porte al cosiddetto “federalismo” con responsabilizzazione di “cassa” e podestà normativa (se non riservata allo Stato). Diretta conseguenza è l’art 1 comma 180, articolo con cui è stato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anziani
case manager
coordinatore
customer satisfaction
d g r 40/2008
distretto medico
empowerment del paziente
fisioterapista
fisioterapisti coordinatori
fratture di femore degli anziani
gestione integrata
integrazione socio sanitaria
job satisfaction
osteoporosi
piano di rientro regione lazio
proiezioni demografiche
protocolli riabilitativi
protocollo riabilitativo
punto unico di accesso
qualità
razionalizzazione
rete medica
rischio cadute
sanità elettronica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi