Skip to content

Gli Exchange Traded Funds: caratteristiche e sviluppo nel mercato italiano

Informazioni tesi

  Autore: Marco Bernasconi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Laurea Specialistica in Management per l'impresa
  Relatore: Paola Fandella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Gli Exchange Traded Funds (ETF), rappresentano probabilmente uno degli strumenti finanziari più innovativi che siano apparsi sul mercato nel corso degli ultimi quindici anni.
Scopo del lavoro, è quello di offrire una visione completa di questo strumento, analizzando quelle che sono le sue origini, le sue caratteristiche e modalità d’impiego ed il suo arrivo nel mercato italiano.
Nel primo capitolo, vengono presentati quelli che sono i fondamenti teorici della gestione passiva, tipologia d’investimento alla base delgli ETF. A suo sostegno, vengono illustrate in particolar modo le teorie sulla efficienza dei mercati finanziarie sviluppate dall’economista statunitense Eugene Fama.
All’interno del capitolo, vengono anche presentate le anomalie e gli studi che mettono in dubbio questa tipologia di gestione e che vanno invece a sostegno di un approccio più “attivo” all’investimento; sarà di conseguenza possibile eseguire un confronto diretto tra le due tipologie di gestione (attiva e passiva) seguite nei mercati finanziari. Chiudono il capitolo alcuni studi svolti negli ultimi decenni ed una serie di evidenze empiriche a favore della gestione passiva.
Il secondo ed il terzo capitolo, illustrano la storia degli Exchange Traded Funds e ne descrivono le principali caratteristiche. Nel capitolo secondo infatti, viene dapprima fornita una iniziale descrizione dello strumento, per poi procedere in seguito con la descrizione delle sue origini ed evoluzioni; dall’introduzione dei fondi indici, si ripercorreranno infatti tutte le tappe principali della sua storia, sino al loro arrivo in Italia nel 2002. Il terzo capitolo invece, si apre con una descrizione delle tipologie di strutture che si possono trovare alla base di un ETF: Unit Investment Trust, Management Investment Company, Grantor Trust. Segue una descrizione del funzionamento degli ETF: si illustrerà infatti il processo di creazione ed estinzione delle quote grazie al meccanismo della “creation/redemption in kind” e si eseguirà un confronto tra questo ed il meccanismo alla base dei fondi comuni d’investimento. Chiude il capitolo una descrizione delle caratteristiche e dei principali vantaggi e svantaggi dello strumento.
La parte centrale del lavoro, è invece dedicata alle diverse tipologie di Exhange Traded Funds presenti sul mercato ed alle modalità con cui è possibile investire tramite queste tipologie di strumenti.
Il quarto capitolo, illustra infatti le principale tipologie di Exchange Traded Funds: ETF azionari ed obbligazionari, Exchange Traded Commodities (ETC), ETF strutturati ed ETF attivi.
Il quinto capitolo, passa invece in rassegna le differenti strategie d’investimento che è possibile adottare con questi strumenti: investimenti volti al medio/lungo termine, investimenti a rotazione settoriale o geografica, strategie core-satellite, piani di accumulo, investimenti a capitale garantito, a coperture del capitale o di trading giornaliero.
Il sesto capitolo infine, illustra il processo di asset allocation e di costruzione di portafogli ottimali grazie all’utilizzo di ETF.
Il penultimo capitolo è dedicato all’introduzione in Italia di questi ultimi. Nella prima parte si illustra il loro arrivo e sviluppo in Italia, descrivendo le strutture di mercato che sono state nel tempo predisposte alla loro negoziazione, il Mercato Telematico dei Fondi e l’ETFPlus. Seguono poi una breve fotografia degli ETF attualmente presenti sul mercato italiano ed un’analisi del regime di tassazione a cui sono sottoposti nel nostro paese. A tele proposito, si effettuerà una distinzione del livello fiscale in base ai differenti regimi di risparmio ed alla armonizzazione o meno di questi strumenti.
Chiude il lavoro uno studio sull’efficacia di alcuni ETF presenti nel mercato italiano.
Il capitolo otto infatti, illustra inizialmente quello che è l’indicatore principale per analizzare l’efficienza di un ETF, il tracking error. Grazie a questo, è possibile eseguire un raffronto tra la performance ottenuta dall’ETF e quella del benchamark preso come rifermento. Seguono una descrizione dei fattori che incidono maggiormente su questo rapporto ed i vantaggi degli ETF nel limitarne i valori. Nella seconda parte di questo capitolo, verranno effettuate analisi di performance e di tracking error di alcuni ETF in rapporto al loro indice di riferimento.
In primo luogo, verrà effettuato un confronto tra la performance ottenuta dal Lyxor ETF S&P/MIB emesso da Lyxor Asset Management, e quelle ottenute dal suo benchmark di riferimento, l’indice italiano S&P/MIB.
Successivamente, verrà analizzato anche l’ETF Db-X-Trackers S&P/MibIndex, anch’esso replicante l’indice italiano. Oltre ad uno studio della sua performance nei confronti del benchamark, si procederà ad un suo diretto confronto con l’ETF proposto da Lyxor.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
   1    Capitolo 2 GLI EXCHANGE TRADED FUNDS: NASCITA ED EVOLUZIONE 2.1 Descrizione dello strumento Gli Exchange Traded Funds (ETF), letteralmente “fondi quotati sul mercato”, sono una particolare categoria di fondi d’investimento le cui quote sono negoziate in borsa in tempo reale come vere e proprie azioni. Caratterizzandosi come una via di mezzo tra un’azione ed un fondo, gli ETF permettono di sfruttare i punti di forza di entrambi gli strumenti. Come una qualsiasi azione, questi garantiscono elevata trasparenza e flessibilità in quanto possono essere negoziati in ogni momento della seduta di borsa ed è quindi possibile conoscerne il valore in ogni istante. Tutto questo non è possibile con un tradizionale fondo d’investimento, il valore delle cui quote viene fissato una sola volta al giorno. Come un fondo comune dall’altra parte, consentono con un’unica transazione di ottenere un portafoglio molto ben diversificato, riducendo di conseguenza i rischi per l’investitore. Una delle caratteristica fondamentale di questo strumento, è poi costituita dall’indicizzazione. Scopo degli ETF, non è infatti quello di ottenere un rendimento superiore a quello di un indice di riferimento, ma quello di replicarne passivamente la composizione ed il rendimento. Riassumendo, un ETF è un particolare fondo d’investimento quotato in borsa come un’azione e replicante un indice di riferimento; data la sua configurazione, associa alla diversificazione fornita da un fondo la trasparenza e la flessibilità tipiche di un’azione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi