Skip to content

Federalismo Fiscale e Costituzione italiana: l'Italia a un bivio

Informazioni tesi

  Autore: Francesco D'occhio
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Maria Romana Allegri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

Il presente lavoro cerca di dare un quadro per quanto più possibile ampio, data la vastità del tema, della normativa in materia di federalismo fiscale che nel tempo è stata predisposta dal nostro legislatore.
Innanzitutto verrà spiegato il significato del concetto di federalismo fiscale sottolineando che questa espressione è oggetto di forti ambiguità, in quanto, mentre negli Stati Uniti le istituzioni si dicono federali quando sono alle dipendenze del Governo centrale, in Italia tale espressione è stata assunta a simbolo del localismo della tassazione.
Verranno poi analizzate le riforme che nel corso degli anni novanta sono state approntate, grazie alle quali il tema è venuto maggiormente alla luce.
La scelta del legislatore degli anni '90 ha posto in primo piano alcuni elementi di fondamentale importanza, in quanto essi si riflettono sull’espressione concreta di valori, princìpi e diritti costituzionali: da un lato, l’affermazione del principio di autonomia decisionale in capo al soggetto di Governo regionale e, dall’altro, la contemperazione del principio di solidarietà, dalla cui effettiva realizzazione dipende, per esempio, un principio fondamentale della persona, qual è la tutela del diritto fondamentale alla salute da parte dello Stato.
Una tendenza quindi a territorializzare le risorse finanziarie, con la conseguente riduzione delle risorse statali disponibili a realizzare in modo effettivo il principio di solidarietà. Poiché il garante della solidarietà territoriale rimane lo Stato e la via più caratteristica per concretizzarla è quella della spesa pubblica nelle Regioni che, per il loro minore livello di sviluppo e la loro minore capacità di generare reddito, ne hanno maggiore necessità. Una spesa pubblica che, in prospettiva, tende a ridursi alle entrate tributarie proprie di ciascuna Regione, che, in ultima analisi, potrebbe impedire allo Stato, garante della solidarietà, di disporre dei fondi necessari per concretizzarla.
La seconda parte del lavoro avrà come oggetto il federalismo fiscale prima della riforma dell'art. 119 Cost., ed in particolare, verranno analizzate più compiutamente le riforme degli anni novanta, la legge delega n. 133 del 1999, il d. lgs. n. 56/2000, recante “Disposizioni in tema di federalismo fiscale”, e per concludere, le motivazioni essenziali dello stesso federalismo fiscale.
Nella terza ed ultima parte, verrà analizzata la più recente normativa alla luce della riforma dell'art. 119 della Costituzione.
In particolare verrà presentata una disamina delle varie proposte sul tema in esame, sviluppatesi all'interno, non solo del mondo politico-istituzionale (come la proposta del Governo Prodi o quella della Regione Lombardia), ma anche all'interno di alcune delle più importanti istituzioni di formazione e consulenza (come la proposta Svimez ed Astrid).
In conclusione, oggetto del presente lavoro sarà il disegno di legge delega Calderoli, dal nome del Ministro proponente.
Autonomia e responsabilità saranno, nell'ottica del disegno di legge Calderoli, virtuosamente congiunte, valorizzando la possibilità di razionalizzazione della spesa e il controllo democratico degli elettori locali. Come segnalato da attenta dottrina, c'è molto bisogno di ciò, altrimenti il federalismo come quello voluto dalla riforma costituzionale del 2001, che ha decentrato forti competenze legislative, se permane uno schema di finanza derivata, rischia di lasciare il Paese a metà del guado, nella peggiore delle situazioni possibili dove lo Stato non si ridimensiona e Regioni ed enti locali non si responsabilizzano. A questa situazione di stallo, quindi, il federalismo fiscale sembra essere l'antidoto adatto.
Una seconda parte del disegno di legge delega Calderoli riguarda l'assetto della finanza delle Province e dei Comuni, ed in particolare il ruolo di coordinamento svolto dallo Stato e dalle Regioni, alle quali, secondo la Costituzione, è affidata in materia una competenza legislativa concorrente. La scelta operata è quella di configurare un assetto della finanza comunale dove viene attribuito un ruolo determinante alle Regioni nel delineare schemi concreti di coordinamento della finanza dei Comuni, nel rispetto, per quanto riguarda la perequazione, dei criteri generali fissati nel disegno di legge delega, che costruiscono quindi una opportuna garanzia per gli enti locali.

L’obiettivo finale di questo lavoro sarà quello di analizzare la costituzionalità stessa dell’introduzione del federalismo fiscale in Italia, esaminando le violazioni che verrebbero effettuate ad una Costituzione prettamente solidaristica quale è la nostra, a vantaggio delle regioni maggiormente sviluppate, le quali disporrebbero in maniera esclusiva di numerose risorse da poter gestire.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro è dedicato ad uno dei temi di più stretta attualità, vale a dire la riforma che ha come oggetto il federalismo fiscale. Come verrà evidenziato, nella legislazione e nella cultura politica italiana non è mai mancata la consapevolezza della necessità di accompagnare l'evoluzione della forma dello Stato e dell'architettura del sistema amministrativo verso il modello federale con una parallela e coerente riforma della finanza regionale e locale, ispirata ai princìpi del c.d. federalismo fiscale: responsabilità finanziaria degli enti territoriali, autonomia nella provvista di risorse, sufficienza delle risorse rispetto ai compiti attribuiti, autonomia e responsabilità di spesa, perequazione e solidarietà. Da quando Sturzo rivendicava il federalismo fiscale per le Regioni del sud sono trascorsi quasi sessanta anni, ma quelle intenzioni, se proprio non sono rimaste solo tali, bisogna attendere ancora per vederle attuate compiutamente in tutte le loro potenzialità, viste anche le forti contestazioni degli ultimi anni. Il presente lavoro, pertanto, darà un quadro, per quanto possibile ampio, data la 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi