Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La neuropatia diabetica dolorosa: aspetti clinici e nuove acquisizioni fisiopatologiche

Il diabete mellito è causa di varie gravi complicanze croniche di cui una delle più gravi e più misconosciute è rappresentata dalla neuropatia, somatica e/o autonomica.
Circa un terzo di tutti i pazienti diabetici ne sono affetti. Una forma particolare di neuropatia somatica è quella caratterizzata da sintomi dolorosi difficili da descrivere e da trattare. La neuropatia diabetica dolorosa (NDD) fa aumentare la morbidità nei pazienti diabetici.
In questa tesi si descrivono vari esperimenti tesi a comprendere meglio i meccanismi fisiopatologici sottostanti la NDD in un'ottica di possibili sviluppi terapeutici futuri.
In particolare si analizza la disfunzione endoteliale e la capacità di vasocostrizione periferica.
A livello del piede dei pazienti con NDD viene riscontrata la compromissione di vasodilatazione dipendente dall'endotelio associata a segni di compromissione della vasocostrizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 DIABETE MELLITO E NEUROPATIA Cenni storici Dopo le pionieristiche osservazioni di sindromi nevralgiche di John Rollo (1797) 1 , Marchal de Calvi (1864) 2 fu il primo a descrivere la neuropatia diabetica (ND) come entità autonoma e a riconoscerne la relazione con il diabete mellito (DM). In seguito, altri noti clinici come Charcot 3 , e Pryce 4 diedero un apporto importante nella comprensione del quadro clinico e della storia naturale di questa sindrome . In epoca più recente, tentativi di sviluppare un trattamento specifico per la ND hanno spinto a una miglior comprensione della sua patogenesi attraverso studi sperimentali su animali, resi artificialmente diabetici e quindi sacrificati al fine di esaminarne le fibre nervose periferiche. Epidemiologia La ND, una delle complicanze più comuni del DM, rappresenta la forma più comune di neuropatia nel mondo occidentale 5 . Da studi clinici e di popolazione 6,7,8,9 emerge che la ND distale interessa circa il 30% di tutta la popolazione diabetica. Ciò significa che in Italia sono riconosciuti affetti più di mezzo milione di individui. I fattori associati più importanti sono l’età, la durata di malattia e lo scarso controllo glico-metabolico 10 . Meno chiaramente associati sono: l’ipercolesterolemia, l’ipertensione arteriosa, la microalbuminuria e l’elevato indice di massa corporea (BMI). La neuropatia diabetica si presenta come una costellazione di forme distinte, a manifestazione clinica variabile. Una classificazione che può essere utile per la gestione del paziente è riportata nella Tabella 1 11 . Una classificazione alternativa, basata sulla storia naturale delle varie sindromi neuropatiche, è riportata nella Tabella 2 12 . È stato anche suggerito di classificare la ND in base alla sua simmetricità o asimmetricità (Tabella 3). Questo metodo è stato proposto inizialmente da Bruyn e Garland 13 e successivamente modificato da Thomas 14 e quindi, ulteriormente, da Low e Suarez 15 .

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Cristian Quattrini Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2812 click dal 17/12/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.