Skip to content

La neuropatia diabetica dolorosa: aspetti clinici e nuove acquisizioni fisiopatologiche

Informazioni tesi

  Autore: Cristian Quattrini
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Ricambio
Anno: 2001
Docente/Relatore: Fausto Santeusanio
Istituito da: Università degli Studi di Perugia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

Il diabete mellito è causa di varie gravi complicanze croniche di cui una delle più gravi e più misconosciute è rappresentata dalla neuropatia, somatica e/o autonomica.
Circa un terzo di tutti i pazienti diabetici ne sono affetti. Una forma particolare di neuropatia somatica è quella caratterizzata da sintomi dolorosi difficili da descrivere e da trattare. La neuropatia diabetica dolorosa (NDD) fa aumentare la morbidità nei pazienti diabetici.
In questa tesi si descrivono vari esperimenti tesi a comprendere meglio i meccanismi fisiopatologici sottostanti la NDD in un'ottica di possibili sviluppi terapeutici futuri.
In particolare si analizza la disfunzione endoteliale e la capacità di vasocostrizione periferica.
A livello del piede dei pazienti con NDD viene riscontrata la compromissione di vasodilatazione dipendente dall'endotelio associata a segni di compromissione della vasocostrizione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 DIABETE MELLITO E NEUROPATIA Cenni storici Dopo le pionieristiche osservazioni di sindromi nevralgiche di John Rollo (1797) 1 , Marchal de Calvi (1864) 2 fu il primo a descrivere la neuropatia diabetica (ND) come entità autonoma e a riconoscerne la relazione con il diabete mellito (DM). In seguito, altri noti clinici come Charcot 3 , e Pryce 4 diedero un apporto importante nella comprensione del quadro clinico e della storia naturale di questa sindrome . In epoca più recente, tentativi di sviluppare un trattamento specifico per la ND hanno spinto a una miglior comprensione della sua patogenesi attraverso studi sperimentali su animali, resi artificialmente diabetici e quindi sacrificati al fine di esaminarne le fibre nervose periferiche. Epidemiologia La ND, una delle complicanze più comuni del DM, rappresenta la forma più comune di neuropatia nel mondo occidentale 5 . Da studi clinici e di popolazione 6,7,8,9 emerge che la ND distale interessa circa il 30% di tutta la popolazione diabetica. Ciò significa che in Italia sono riconosciuti affetti più di mezzo milione di individui. I fattori associati più importanti sono l’età, la durata di malattia e lo scarso controllo glico-metabolico 10 . Meno chiaramente associati sono: l’ipercolesterolemia, l’ipertensione arteriosa, la microalbuminuria e l’elevato indice di massa corporea (BMI). La neuropatia diabetica si presenta come una costellazione di forme distinte, a manifestazione clinica variabile. Una classificazione che può essere utile per la gestione del paziente è riportata nella Tabella 1 11 . Una classificazione alternativa, basata sulla storia naturale delle varie sindromi neuropatiche, è riportata nella Tabella 2 12 . È stato anche suggerito di classificare la ND in base alla sua simmetricità o asimmetricità (Tabella 3). Questo metodo è stato proposto inizialmente da Bruyn e Garland 13 e successivamente modificato da Thomas 14 e quindi, ulteriormente, da Low e Suarez 15 .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acetilcolina
diabete mellito
dolore neuropatico
laser doppler
neuropatia
neuropatia autonomica
neuropatia diabetica
neuropatia diabetica dolorosa
neuropatia somatica
sodio nitroprussiato
vasocostrizione
vasodilatazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi