Skip to content

Intercultura e gioco

Informazioni tesi

  Autore: Nicole Formichetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Pedagogia
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Giovanni Cristofaro
Coautore: Moronti Ombretta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

L’altro che è già entrato nelle nostre comunità, l’altro che chiede di entrare, l’altro che vive nei paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina è una persona, è uno come noi che cerca di costruire un suo progetto di vita e contribuisce al cammino di tutta l’umanità. L’incontro con l’altro è relazione, rapporto, conoscenza reciproca, ed è soprattutto possibilità di riconoscersi contemporaneamente tutti simili e tutti diversi: simili in quanto espressione dell’unica matrice ontologica e diversi in quanto risposte originali, libere e plurali, frutto sia dell’impostazione che ci deriva dalla cultura di provenienza sia dalla soggettività propria di ogni individuo. I diversi bisogni degli alunni stranieri e delle loro famiglie hanno messo in moto un processo di ripensamento dell’intera attività scolastica, adattabile il più possibile alle nuove esigenze della società multiculturale. La scuola, una delle istituzioni fondanti della società, non può, naturalmente, restare indifferente a tali fenomeni. La presenza di bambini e ragazzi stranieri nelle scuole e nei servizi educativi assume di anno in anno dimensioni sempre più consistenti; si tratta di una presenza ormai di tipo strutturale, organica, permanente e diffusa i tutti i livelli di istruzione. La pluralità di lingue, culture, tradizioni e fedi diverse è oggi una preziosa opportunità per contrastare i pervasivi processi di una globalizzazione omologante e i rischi della affermazione di un “ pensiero unico ”. La positività dell'incontro, tuttavia, si trasforma molto spesso in ostilità, incomprensione e pesanti conflitti, dovuti a pregiudizi, discriminazioni e stereotipi che tendono a richiudere le “culture altre” in interpretazioni etnocentriche , sulla base della quali la diversità viene stigmatizzata come inferiorità. L'immagine dell'emigrazione proposta dai media non aiuta a comprendere il fenomeno, a individuarne dimensioni, problemi e soluzioni, e inserirlo correttamente nel contesto dei rapporti economici internazionali. L'immigrato diventa sui mass media l'emblema della diversità e della negatività. Come può la scuola trasmettere, all'interno dei percorsi interculturali un'immagine diversa da quella proposta dai media? E’ proprio a questo che vorrebbe essere utile il mio lavoro, non già per fornire teorica precettistica da manuale, ma per consigliare strategie reali da applicare nella prassi della scuola, della classe, dei singoli alunni. Per questo motivo la ricerca teorica è corredata dalla fase progettuale, la quale si articola in lavori ed attività semplici, le quali sono “ponte” tra diverse culture, appunto come i giochi che fanno divertire i bambini in ogni parte del mondo. Il gioco esprime le connotazioni autentiche delle diverse culture e non va considerato come momento di evasione o di improduttività ma è attività umana che contribuisce all’educazione dell’uomo. Giocare è entrare nelle regole di una società, è capire i significati delle azioni, è sperimentare il gusto dello stare insieme, è scoprire la varietà dei luoghi e delle funzioni sociali, è saper utilizzare in modo creativo tutti i materiali, anche i più semplici.
Oltre a raccomandarsi come insostituibile occasione di socializzazione tra i pari, il gioco in virtù del suo linguaggio universale e del suo carattere coinvolgente, favorisce l’incontro, sul piano della reciproca simpatia, tra bambini di età, sesso, classe e culture diverse. A tal proposito può essere utile servirsi di metodologie interattive: giochi di ruolo e di simulazione, giochi cooperativi. Coinvolgendo numerosi ambiti della persone, possiamo definire il gioco come una struttura dove le varie componenti psicologiche, biologiche, sociali, di contesto….

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’altro che è già entrato nelle nostre comunità, l’altro che chiede di entrare, l’altro che vive nei paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina è una persona, è uno come noi che cerca di costruire un suo progetto di vita e contribuisce al cammino di tutta l’umanità. L’incontro con l’altro è relazione, rapporto, conoscenza reciproca, ed è soprattutto possibilità di riconoscersi contemporaneamente tutti simili e tutti diversi: simili in quanto espressione dell’unica matrice ontologica e diversi in quanto risposte originali, libere e plurali, frutto sia dell’impostazione che ci deriva dalla cultura di provenienza sia dalla soggettività propria di ogni individuo. I diversi bisogni degli alunni stranieri e delle loro famiglie hanno messo in moto un processo di ripensamento dell’intera attività scolastica, adattabile il più possibile alle nuove esigenze della società multiculturale. La scuola, una delle istituzioni fondanti della società, non può, naturalmente, restare indifferente a tali fenomeni. La presenza di bambini e ragazzi stranieri nelle scuole e nei servizi educativi assume di anno in anno dimensioni sempre più consistenti; si tratta di una presenza ormai di tipo strutturale, organica, permanente e diffusa i tutti i livelli di istruzione. La pluralità di lingue, culture, tradizioni e fedi diverse è oggi una preziosa opportunità per contrastare i pervasivi processi di una globalizzazione omologante e i rischi della affermazione di un “ pensiero unico ”. La positività dell'incontro, tuttavia, si trasforma molto spesso in ostilità, incomprensione e pesanti conflitti, dovuti a pregiudizi, discriminazioni e stereotipi che tendono a richiudere le “culture altre” in interpretazioni etnocentriche , sulla base della quali la diversità viene stigmatizzata come inferiorità. L'immagine dell'emigrazione proposta dai media non aiuta a comprendere il fenomeno, a individuarne dimensioni, problemi e soluzioni, e inserirlo correttamente nel contesto dei rapporti economici internazionali. L'immigrato diventa sui mass media l'emblema della diversità e della negatività. Come può la scuola 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi