Skip to content

La Responsabilità Sociale nel settore bancario. Il caso Banca Etica.

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppina Loi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Franco Guzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

“La banca buona che non ha paura della crisi”.

Si intitolava così l’articolo che raccontava i primi 10 anni di vita di questa Banca Etica. Una banca piccola, 200 volte meno ricca di Banca Popolare di Milano, finanza pulita contro finanza d’assalto, investimenti in progetti che danno ampio spazio a biotecnologie, e rifiutano investimenti tossici e ad alto rischio. Nell’articolo la sede di Padova viene descritta come un capolavoro di bioarchitettura, con uno spazio dedicato ai bambini, e al posto degli impiegati incravattati, dietro gli sportelli ci sono dei ragazzi in jeans che in pausa pranzo si mangiano una mela. Poi, bandiere della pace appese alle pareti … la domanda sorse spontanea: esiste davvero una banca così?
Fu quell’articolo a spingermi verso lo studio della finanza etica e in particolare di Banca Etica. La finanza mondiale sta attraversando un periodo difficilissimo, una crisi partita dagli Stati Uniti, crisi ben più grave di quella del ’29, e diffusasi in tutto il globo in pochissimo tempo.
Sembra quasi che per “esistere” sia necessario acquistare, e così hanno fatto molti americani, pur non potendosi permettere certi lussi, a partire dalla casa. Il cittadino però non restituisce il denaro prestato, e le banche iniziano a trovarsi scoperte. Le imprese americane, per prime, acquistano molte materie prime all’estero, e molte di queste materie non vengono vendute o utilizzate, portando quindi a delle perdite. Aumenta la sfiducia tra le banche, fattore che porterà ad un aumento dei tassi interbancari e quindi a rendere più costoso il debito per i consumatori.
La crisi però non legata solo ad un fattore puramente economico. Si tratta anche di una crisi di fiducia, legalità, valori, etica degli affari, responsabilità, mancanze rese ancora più evidenti dal fatto che ormai, il mondo finanziario assomiglia sempre di più a una giungla dove tutto è permesso. Ciò che colpisce, e che fa riflettere, non è tanto la quantità di denaro andata in fumo nell’ultimo anno, ma il motivo. Cittadini che non pagano il loro debito con le banche? No. O meglio, non solo. La vera causa è la scorrettezza dell’élite manageriale, che sapeva cosa stava succedendo, ma ognuno ha pensato al proprio tornaconto. Proprio coloro che avrebbero dovuto valutare l’affidabilità dei titoli, e che hanno un’immensa influenza sul mercato, hanno avuto un ruolo fondamentale nella sottovalutazione del rischio dei titoli tossici, valutati come titoli affidabili. Ancora una volta la massimizzazione del profitto viene prima di qualunque responsabilità etica e sociale.
Di fronte a questo scenario diventa quindi sempre più forte la necessità di una revisione di senso. La responsabilità sociale, l’etica, possono porre un freno a questi meccanismi dando il giusto peso ed importanza a quelle decisioni economiche che pensano al bene dell’intera popolazione mondiale, e non solo al profitto di quei pochi eletti.
Queste nuove forme di economia pongono al centro dei loro progetti il tentativo di coniugare l’attività economica con la sostenibilità sociale e relazionale, oltre che ambientale. Si tratta di esperienze di finanza etica, microcredito, commercio equo e solidale, co-housing, passando per la responsabilità sociale d’impresa fino al consumo responsabile da parte di ognuno di noi.
Ed è proprio questo il contesto nel quale si colloca l’attività di Banca Etica, che ha come principale scopo quello di finanziare e sostenere attività economiche ponendo al primo posto le esigenze ambientali e sociali che costituiscono il contesto nel quale si collocano le stesse attività. La responsabilità etica e sociale, unita alla finanza etica, costituiscono l’essenza della banca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “La banca buona che non ha paura della crisi”. Si intitolava così l‟articolo che raccontava i primi 10 anni di vita di questa Banca Etica. Una banca piccola, 200 volte meno ricca di Banca Popolare di Milano, finanza pulita contro finanza d‟assalto, investimenti in progetti che danno ampio spazio a biotecnologie, e rifiutano investimenti tossici e ad alto rischio. Nell‟articolo la sede di Padova viene descritta come un capolavoro di bioarchitettura, con uno spazio dedicato ai bambini, e al posto degli impiegati incravattati, dietro gli sportelli ci sono dei ragazzi in jeans che in pausa pranzo si mangiano una mela. Poi, bandiere della pace appese alle pareti … la domanda sorse spontanea: esiste davvero una banca così? Fu quell‟articolo a spingermi verso lo studio della finanza etica e in particolare di Banca Etica. La finanza mondiale sta attraversando un periodo difficilissimo, una crisi partita dagli Stati Uniti, crisi ben più grave di quella del ‟29, e diffusasi in tutto il globo in pochissimo tempo. Sembra quasi che per “esistere” sia necessario acquistare, e così hanno fatto molti americani, pur non potendosi permettere certi lussi, a partire dalla casa. Il cittadino però non restituisce il denaro prestato, e le banche iniziano a trovarsi scoperte. Le imprese americane, per prime, acquistano molte materie prime all‟estero, e molte di queste materie non vengono vendute o utilizzate, portando quindi a delle perdite. Aumenta la sfiducia tra le banche, fattore che porterà ad un aumento dei tassi interbancari e quindi a rendere più costoso il debito per i consumatori. La crisi però non legata solo ad un fattore puramente economico. Si tratta anche di una crisi di fiducia, legalità, valori, etica degli affari, responsabilità, mancanze rese ancora più evidenti dal fatto che ormai, il mondo finanziario assomiglia sempre di più a una giungla dove tutto è permesso. Ciò che colpisce, e che fa riflettere, non è tanto la quantità di denaro andata in fumo nell‟ultimo anno, ma il motivo. Cittadini che non pagano il loro debito con le 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi