Skip to content

I compagni di classe: una risorsa per l'integrazione

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Caboni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Marisa Pavone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 349

Il coinvolgimento del gruppo classe durante il processo di accoglienza dell'alunno certificato, seppure vi è l'eventualità che gli insegnanti possano sottovalutarne l'importanza, è, in realtà, una risorsa a "basso costo" e di inestimabile valore sia sul piano relazionale e umano, sia per favorire l'autorealizzazione nel campo dell'apprendimento. I compagni di classe, grazie alla loro simpatia e alla loro vivacità, possono essere considerati, in un’ipotetica bussola con la quale orientarsi nel mondo della diversità, il punto cardinale in grado di soffiare con massima forza possibile il vento del poter assicurare una vita “normale” al bambino certificato. Infatti, “hanno numerose frecce nel loro arco”, che possono utilizzare per aiutare quest’ultimo a sviluppare la sua personalità e, in particolare, per costruire il puzzle della sfera affettiva e cognitiva.
Più precisamente, nel momento in cui i bambini accolgono, nel loro cuore, il compagno certificato e si rendono consapevoli dell’infondatezza di eventuali loro timori e pregiudizi nei riguardi della disabilità, pongono questi nella condizione favorevole di soddisfare il suo bisogno di sentirsi parte del gruppo classe e, quindi, di non percepire interiormente uno stato emotivo di solitudine e di emarginazione nell’aula.Inoltre, nel frangente in cui i bambini normodotati imparano ad esibire interventi di sostegno nei riguardi del compagno diversamente abile, ad aiutarlo a colmare le sue lacune conoscitive e ad inviargli feedback di valorizzazione nei confronti delle sue potenzialità, lo pongono nella situazione ottimale per sviluppare le competenze nella misura massima possibile, per soddisfare il suo bisogno di autorealizzazione e, quindi, per innalzare la percezione della sua immagine reale come studente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. FATTORE DI SVILUPPO PER L’ALUNNO IN SITUAZIONE DI HANDICAP Prima di prendere in considerazione i diversi vantaggi correlati al processo di integrazione, chiarendo la motivazione per la quale l‟integrazione è definibile “un fattore di sviluppo”, è opportuno distinguere quest‟ultimo termine dall‟inserimento del disabile nella scuola normale. Per inserimento si fa riferimento al processo, iniziato a partire dagli anni ‟70, consistente nel trasferimento degli alunni certificati dalle scuole e classi speciali alla scuola dei bambini normodotati. In altri termini, esso è un adempimento legislativo avvenuto a seguito sia della circolare redatta dalla senatrice Franca Falcucci, la quale riteneva che la scuola fosse il luogo educativo più idoneo per far superare “le condizioni di emarginazione in cui sarebbero condannati gli alunni handicappati”1, sia della Legge 517 del 1977 che ha previsto «l‟abolizione delle classi differenziali per alunni disadattati.»2 Ad ogni modo, la semplice ottica dell‟inserimento è riduttiva, poiché non tiene in considerazione la creazione di un progetto educativo comune con i compagni di classe, realizzabile nel momento in cui l‟insegnante di sostegno, in collaborazione con le colleghe curricolari, fissa obiettivi di sviluppo significativi per il progetto di vita dell‟alunno certificato, da conseguire parallelamente alla classe all‟interno di un percorso formativo inclusivo. Per integrazione si intende, invece, un processo di accoglienza che richiede l‟attenzione e l‟intervento contemporaneo di ogni membro del contesto scolastico. In altri termini, l‟insegnante di sostegno non può e non deve essere l‟unica figura ad interessarsi dell‟attività educativa e didattica dell‟alunno certificato, determinando autonomamente “quella serie di cambiamenti qualitativi necessari per favorire un‟esperienza realmente attiva all‟handicappato”3. Infatti, è necessario che anche le colleghe curricolari ed i compagni di classe intervengano all’eliminazione di 1. Interventi a favore degli alunni handicappati (Circolare Ministeriale 8 Agosto 1975, n. 227) 2. Norme sulla valutazione degli alunni e sull‟abolizione degli esami di riparazione nonché altre forme di modifica dell‟ordinamento scolastico (Art. 10 Legge 4 Agosto 1977, n. 517) 3. L. COTTINI, Ritardo mentale, apprendimento e integrazione scolastica, in F. NANETTI - L. COTTINI - M. BUSACCHI (1983), Psicopedagogia del movimento umano. Teoria e pratica dell‟educazione motoria per soggetti normodotati e portatori di handicap, Armando, Roma p. 118 15

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accoglienza
autismo e cooperative learning
clima inclusivo
comunity of learners
cooperative learning
discussione in classe
eliminazione pregiudizi
eliminazione stereotipi
indicatori di integrazione
integrazione
intelligenza del cuore
interdipendenza positiva
leadership democratica
prosocialità
sviluppo affettivo
sviluppo cognitivo
sviluppo sociale
tutoring

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi