Skip to content

Assistenza infermieristica nel paziente affetto da cancro in fase terminale: il modello italiano e quello finlandese a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Rizza Nerillo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Fabrizio Moggia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

L'Unione europea prevede fondamentalmente due carte che parlano dei diritti del paziente:
• La Convenzione di Oviedo del 1997, elaborata dal Comitato Direttivo per la Bioetica (CDBI) in collaborazione con l'Assemblea parlamentare.
• La Carta Europea dei diritti del malato del 2002 elaborata dopo un lavoro congiunto tra il Tribunale per i Diritti del Malato e 15 organizzazioni civiche, essa sintetizza in 14 articoli i diritti del malato.
Sia la Convenzione che la Carta non sono però vincolanti per le legislazioni dei vari stati. Infatti tra gli stati membri dell'Unione europea troviamo differenti interpretazioni riguardo all'Etica e ai diritti dell'uomo, a causa di diversità socio-culturali. Sono essenzialmente tre le posizioni di pensiero in Europa:
• Paesi dell'Europa del Nord-Ovest ( Belgio, Olanda, Lussemburgo), più l' Inghilterra, più liberali ( si pensi soltanto che in Olanda è legale l'Eutanasia)Paesi Nordici che si basano sul modello del “Social Welfare”o tutela del cittadino
• Paesi mediterranei ( Italia, Spagna, Grecia) più l' Irlanda, ancora radicati nella cultura della visione paternalistica del medico, che vivono la salute come un “dovere positivo ” Naturalmente nella realtà le posizioni non sono così nette, bensì si possono trovare più sfumate, anche all'interno di un determinato stato. Come in Italia troviamo differenze culturali tra il Nord e il Sud, anche in Finlandia ci sono differenze tra le zone della Carelia e della Lapponia, più rurali, e la zona di Helsinki e Turku nel sud del paese, più avanzata. La Convenzione di Oviedo rappresenta la vera e propria Carta della bioetica europea. Tutti gli stati europei hanno di seguito ratificato la Convenzione e introdotto leggi nel loro ordinamento. In Italia invece nonostante il Parlamento abbia ratificato nel 2001 la Convenzione di Oviedo, ad oggi non sono stati ancora emanati i decreti legislativi che permetterebbero la messa in pratica nel nostro paese della Convenzione e dei diritti contenuti. La Finlandia per contro può vantare il suo primato come 1° paese in Europa, prima con la Dichiarazione di Helsinki del 1964, poi con l' Act on Status and right of patients” , Legge 785 del 1992, a difendere diritti dei pazienti. Questo rileva quanto la Finlandia abbia a cuore i diritti dell'uomo e dei pazienti. Ma dopotutto non c'è da stupirsi per un paese che più di tutti si basa sul “Welfare State” o “tutela del cittadino”, e dove il paziente viene preso in carico dallo Stato, come si suol dire: “dalla culla alla tomba”.
Ecco che allora, mentre in Finlandia la Legge 785 elenca uno per uno i diritti del malato in cura presso qualsiasi struttura, in Italia mancando unalegislazione a riguardo, i cittadini/pazienti vengono tutelati da iniziative extra-giuridiche come i documenti del CNB (Comitato Nazionale di Bioetica) ed i vari Codici deontologici delle professioni sanitarie, da quello medico a quello infermieristico, eccetera.
Prendendo ad esempio i diritti fondamentali dei pazienti, in Finlandia, Informazione, Consenso e Diritto di rifiuto delle cure, sono tutelati dalla L. 785/1992. In Italia invece li ritroviamo solo nel Codice deontologico medico del 1998 e 2006.
Nella nostra cultura è difficile sradicare la convinzione che in caso di una diagnosi positiva di Cancro e soprattutto di prognosi infausta, è meglio che il paziente stesso ne rimanga all'oscuro. In Finlandia, tanto attenti ai diritti dei pazienti, questo non può avvenire per nessuna ragione. In caso di diagnosi di Tumore, il primo colloquio avviene con il paziente stesso, il medico oncologo, un infermiere e i famigliari, ma questi ultimi solo se lo desidera il paziente. Viene comunicata la diagnosi , la prognosi, i protocolli da seguire. A questo punto il paziente decide in comune accordo con il medico la strada terapeutica da intraprendere. In caso di dissenso il medico cerca una alternativa terapeutica, può insistere in un'opera di convincimento, ma se il paziente rifiuta un trattamento, viene rispettato il suo diritto. Oltre ai diritti fondamentali, in Finlandia troviamo aperture sia nel Memorandum di ETENE, sia nella legge 785, sulle Direttive Anticipate o Living wills. In Italia invece le Direttive anticipate non sono previste legalmente, e il paziente che vuole testamentare in qualche modo un suo desiderio, potrebbe non essere tenuto in considerazione. Infatti solo nel Codice di Deontologia medica del 2006 troviamo che : "il medico nelle proprie scelte deve tenere conto di quanto precedentemente manifestato dal paziente in modo certo e documentato". Questa situazione tutta italiana rende le questioni piuttosto ambigue. Nella realtà allora può accadere che il Medico agisce secondo i suoi valori e la sua coscienza, ma la legge italiana lo lascia solo nelle proprie scelte, chepotrebbero anche ritorcerglisi contro dal punto di vista giuridico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Quando mi sono interessata per fare l'esperienza dell' Erasmus mi sono state date tre scelte: il Portogallo, la Spagna e appunto la Finlandia. A parte la motivazione linguistica ( ero interessata esclusivamente all' Inglese), la mia scelta è ricaduta in questo paese, proprio perchè così lontano da noi e così diverso nell'immaginario comune. E infatti la Finlandia è diversa dall' Italia, anzi si dispone completamente agli antipodi per tantissimi motivi. Innanzitutto è una nazione relativamente grande, che occupa una superficie territoriale tre volte più dell'Italia, ma con una popolazione di poco superiore ai cinque milioni, quanto ne conta ad esempio la Regione Campania da sola. La densità è di 17,1 abitanti/KM quadrato, quasi niente confronto ai nostri 198Ab/Km2. Eppure la Finlandia si è collocata negli ultimi anni ai primissimi posti tra le più ricche economie del pianeta. Al secondo posto lo scorso anno, davanti agli Stati Uniti sesti e all'Italia quarantaseiesima. Nel paese c’è un alto tasso di uguaglianza sociale, ovvero una distanza ridotta tra i redditi dei più ricchi e quelli dei più poveri: se negli Stati Uniti il rapporto sperequativo è di 1 a 10, cioè che il reddito più basso deve essere moltiplicato per dieci per raggiungere quello del più ricco, in Finlandia è di 1 a 3. Nel Paese baltico tuttora sanità e istruzione sono garantiti a tutti i residenti in maniera gratuita. Dagli asili nido, sino alle ben organizzate università (20 istituti), lo stato non solo offre gratuitamente l'accesso e la frequenza scolastica, ma interviene anche con sovvenzioni e case in affitto agli studenti che peraltro percepiscono un'indennità economica (un assegno) di studio. Questo fa della Finlandia il paese con il più alto tasso di scolarizzazione. Il sistema del Welfare State (cioè degli aiuti alla popolazione più debole) è estremamente avanzato. La Finlandia ha informatizzato quasi tutto il 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assistenza infermieristica
bioetica
cancro
codice deontologico
confronto
convenzione di oviedo
cure palliative
direttive anticipate
diritti dei morenti
diritti del paziente
dolore
etica
finlandia
hospice
italia
paziente terminale
profilo professionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi