Skip to content

Democrazia e politica d'emancipazione

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Campailla
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Stefano Petrucciani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Ha senso oggi dirsi “democratici”? Cosa significa questo termine? Attualmente molti filosofi contemporanei tentano di rispondere a tali quesiti. Alcuni di loro concordano nel sostenere che il vocabolo in questione è malleabile e, dunque, può essere oggetto di spostamenti semantici.
La parola “democrazia”, infatti, nella nostra epoca è, come dice Alain Badiou, l'«emblema» con cui le potenze occidentali definiscono i propri Stati per differenziarsi da quei popoli che esse stesse considerano incivili. È in nome della “democrazia” che si fanno guerre, che si afferma l'ineluttabilità della globalizzazione, che il dominio oligarchico cerca di legittimarsi. Tuttavia per “democrazia” possiamo intendere tutt'altro. Essa è il potere del demos. Ma il demos non s'identifica con una parte determinata della società, è chiunque. In questa prospettiva la democrazia è un principio politico che sta alla base di ogni governo. Quindi il suddetto uso che se ne fa indica, in realtà, un processo di «de-democratizzazione». Tale è il paradosso della presente congiuntura storica: dietro lo sbandieramento del termine “democrazia” da parte delle classi dominanti, si assiste ad una “élitizzazione” delle dinamiche politiche.
Allora, se questo nome è un significante vuoto adatto a diversi usi, cosa ne dobbiamo fare? La risposta che gli autori presi in considerazione nella tesi, Jacques Rancière e Miguel Abensour, danno a tale domanda è che dobbiamo riprenderci e riattivare la democrazia per scoprirne la sua figura politica. O in altre parole, per ripensare, in un periodo ostile ad ogni pensiero rivoluzionario come il nostro, la politica d'emancipazione. Ma perché possiamo ripensare quest'ultima proprio attraverso la “democrazia”? Perché ad esempio non recuperare un vocabolo come “egualitarismo” che ha contraddistinto il pensiero rivoluzionario di tutti i tempi?
Come uscire da questo “pensiero unico”? Come ripensare la politica come politica d'emancipazione, e non come governance? Come mostrare la divisione, celata dalla “totalità” della globalizzazione capitalistica?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Ha senso oggi dirsi “democratici”? Cosa significa questo termine? Attualmente molti filosofi contemporanei tentano di rispondere a tali quesiti. Alcuni di loro, in particolare Daniel Bensa ï d, Wendy Brown, Jean-Luc Nancy, Kristin Ross, concordano nel sostenere che il vocabolo in questione è malleabile e, dunque, può essere oggetto di spostamenti semantici. La parola “democrazia”, infatti, nella nostra epoca è l'emblema con cui le potenze occidentali definiscono i propri Stati per differenziarsi da quei popoli che esse stesse considerano incivili. È in nome della “democrazia” che si fanno guerre, che si afferma l'ineluttabilità della globalizzazione, che il dominio oligarchico cerca di legittimarsi. Tuttavia per “democrazia” possiamo intendere tutt'altro. La democrazia è il potere del demos . Ma chi è il demos ? Esso non s'identifica con una parte determinata della società, è chiunque. In questa prospettiva la democrazia è un principio politico che sta alla base di ogni governo. Quindi il suddetto uso che si fa della democrazia indica un processo di « de-democratizzazione » 1 . Tale è il paradosso della presente congiuntura storica. Dietro lo sbandieramento del termine “democrazia” da parte delle classi dominanti, si assiste ad una “élitizzazione” delle dinamiche politiche, per cui una buona fetta della comunità viene scacciata fuori dalla sfera pubblico-politica attraverso la presunta “competenza” dei tecnocrati e il crescente bisogno di denaro che è necessario possedere per accedere alle competizioni elettorali. Allora, se questo nome è un significante vuoto adatto a diversi usi, cosa ne dobbiamo fare? La risposta che danno Jacques Rancière e Miguel Abensour a tale domanda è che dobbiamo riprenderci e riattivare la democrazia per scoprirne la sua figura politica. O in altre parole, per ripensare, in un periodo ostile ad ogni pensiero rivoluzionario come il nostro, la politica d'emancipazione. Per Rancière, infatti, ogni nozione politica può voler dire tante cose – diverse e persino opposte – perché è sempre l' « oggetto di una lotta » 2 . “Democrazia” è, pertanto, anch'essa una parola contesa. Per questo motivo, rileva l'autore del primo capitolo della nostra trattazione, il termine su cui stiamo ragionando è ambivalente. Ma perché proprio con “democrazia” possiamo ripensare la politica d'emancipazione? Perché ad esempio non riprendere un nome come “egualitarismo” che ha contraddistinto il pensiero 1 W. Brown, Oggi siamo tutti democratici... , in AA.VV., In che stato è la democrazia? (2009), trad. it. Nottetempo, Roma 2010, pp. 71-92; la cit. è a p. 74. 2 J. Rancière, I democratici contro la democrazia , in AA.VV., In che stato è la democrazia? (2009), trad. it. Nottetempo, Roma 2010, pp. 119-126; la cit. è a p. 121. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

democrazia
marx
governance
comune di parigi
politica d'emancipazione
rancière
badiou
abensour

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi