Skip to content

Il mobbing nella Pubblica Amministrazione: un'indagine esplorativa all'interno di un Ente Locale

Informazioni tesi

  Autore: David Governatori
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia del lavoro e delle organizzazioni
  Relatore: Vincenzo Majer
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

Nel presente lavoro si cercherà di fornire una panoramica il più esaustiva possibile sul fenomeno del mobbing, inquadrando il problema specialmente dal lato della Pubblica Amministrazione. Gli studi sulla cultura aziendale e i rapporti interpersonali che si vengono a creare al suo interno, evidenziano come il clima dentro un’organizzazione abbia una chiara connessione con la presenza di azioni mobbizzanti (Depolo, Mobbing: quando la prevenzione è intervento, 2003). Appunto nella Pubblica Amministrazione, si registrano molte peculiarità riguardanti l’organizzazione del lavoro che debbono essere individuate e analizzate, in quanto potenziali sorgenti di forme di mobbing. Ege (I numeri del Mobbing. La prima ricerca italiana, 1998), ad esempio, ha identificato un numero elevato di vittime di mobbing nella PA dovuto alla presenza di favoritismi (politici e non) e quindi alla conseguente tendenza a voler danneggiare chi fa parte di una minoranza. Anche gli aspetti monotoni, ripetitivi, noiosi (e che quindi richiedono poca attenzione/attivazione psicosociale) del lavoro, uniti alla bassa tensione per il risultato, sembrano essere una caratteristica facilitante l’emergere di comportamenti mobbizzanti (Agervold, Bullying at work: A discussion of definitions and prevalence, based on an empirical study. Scandinavian Journal of Psychology, 48:161–172, 2007). Agervold sostiene inoltre che anche la staticità nell’organizzazione del lavoro e la paura di una ristrutturazione profonda siano altri due fattori facilitanti fondamentali. Proprio queste a ben vedere rispecchiano spesso le caratteristiche distintive di molti impieghi all’interno delle istituzioni pubbliche: il lavoro è quotidianamente sempre lo stesso per anni, non difficile da portare a termine e con ritmi mentali sempre uguali; il seme del mobbing germoglia quindi qui con più semplicità e con forme che molto spesso si differenziano assumendo connotati specifici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Il lavoro è sicuramente uno degli ambiti piø importanti dell’esistenza, non soltanto per la quantità di tempo che gli viene dedicato, ma anche perchØ, spesso, quello che succede durante l’orario lavorativo condiziona anche il resto della nostra vita psico-sociale. Negli ultimi tempi si è assistito a un aumento di interesse nei confronti del benessere organizzativo, e di conseguenza dunque, anche dei comportamenti negativi messi in atto sul luogo di lavoro, proprio per questo motivo: ci si è, infatti, resi conto di quanto la qualità del tempo vissuto negli ambienti lavorativi, e quindi le gratificazioni oppure le insoddisfazioni che vi si sperimentano, possano influenzare le nostre gioie, così come, al contrario, incrementare la frustrazione (Favretto, Lo stress nelle organizzazioni, 1994). Le conseguenze per il lavoratore vanno, infatti, dal danno biologico a quello morale (Mikkelsen e Einarsen, Relationship between exposure to bullying at work and psychological and psychosomatic health complaints: The role of state negative affectivity and generalized self-efficacy. Scandinavian Journal of Psychology, 43 (5), 397- 405, 2002), fino ai problemi nella vita familiare. Anche l’azienda e la collettività non sono immuni da danni sia a livello economico che sull’ambiente lavorativo/sociale (Vartia, The sources of Bullying: psychological work environment and organizational climate. European Journal of Work and Organizational Psychology, 5 (2), 203-214, 1996; Leymann, 1996). Si inseriscono in questo discorso tutti i recenti studi psicologici che, anche a seguito di un crescente focus su determinati episodi da parte dei media, hanno cercato di indagare le motivazioni, la tipologia, le

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mobbing
coping
bossing
straining
side mobber
harassment
bystander
stalking occupazionale
sexual harassment
whistleblower

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi