Influenza del lessico inglese nella lingua parlata dagli abitanti dell'alto piacentino

La scelta di trattare l'influenza del lessico inglese nella lingua parlata nell'area geografica in cui risiedo, l'alto piacentino, è legata a diverse considerazioni.
Uno dei motivi principali, risiede nel tradurre le conoscenze acquisite a livello pratico, indagando un ambito ancora in gran parte inesplorato per portare alla luce una serie di aspetti che possono costituire uno spunto per ulteriori ricerche.
Accanto alla volontà di mettere in pratica quanto acquisito ed approfondito in questi tre anni di studio, vi è inoltre l'interesse profondo nei confronti del luogo in cui sono nata ed in cui risiedo: l'area dell'alto piacentino, una zona ricca dal punto di vista sia linguistico sia storico sia culturale, una zona a me molto familiare ed in cui è ancora possibile riscontare la presenza di diverse varietà linguistiche: le forme dialettali e l'italiano standard.
Questa è l'area in cui ho scelto di orientare la mia indagine, con l'aiuto e la disponibilità prestata da diversi riferimenti istituzionali ed associazioni, nonché da scuole e singoli cittadini che si sono prestati ad un'intervista.
L'indagine si focalizza sull'influenza esercitata dal lessico inglese all'interno di questa comunità linguistica data l'importanza e l'ascendente esercitato da questa lingua sia nella varietà linguistica che gode di maggior prestigio, l'italiano, sia nelle sue varietà diatopiche e diastratiche: il dialetto.
Nella vita quotidiana di tutti noi, dal bambino che frequenta le scuole elementari al ragazzo liceale, alla segretaria impiegata in ufficio, al pensionato o all'agricoltore, qualunque sia la professione svolta o il background culturale del soggetto, (ecco qui già un primo esempio di interferenza del lessico inglese) , la lingua inglese fa sentire la sua presenza a tal punto da diventare parte integrante dei nostri discorsi quotidiani, sostituendo talvolta termini italiani ormai desueti e perché no, ponendosi come tratto peculiare di un parlato volutamente distinto o "alla moda".

Mostra/Nascondi contenuto.
3 ABSTRACT La scelta di trattare l’influenza del lessico inglese nel territorio alto piacentino, è legata a diverse considerazioni. Uno dei motivi principali è l’applicazione a livello pratico delle conoscenze acquisite, indagando un ambito ancora in gran parte inesplorato per portare alla luce una serie di aspetti che possono costituire uno spunto per ulteriori ricerche. Accanto alla volontà di mettere in pratica quanto acquisito ed approfondito in questi tre anni di studio, vi è inoltre un interesse particolare nei confronti del luogo in cui sono nata e risiedo: l’area dell’alto piacentino, una zona ricca dal punto di vista sia linguistico, sia storico, sia culturale, una zona a me molto familiare ed in cui è ancora possibile riscontrare la presenza di diverse varietà linguistiche: le forme dialettali e la lingua standard. Questa è l’area in cui ho scelto di orientare la mia ind agine, con l’aiuto e la disponibilità prestata da diversi riferimenti istituzionali ed associazioni, nonché da scuole e singoli cittadini che si sono prestati ad un’intervista. L’indagine si focal izza sull’ influenza del lessico inglese all’interno di que sta comunità linguistica, data l’importanza e l’ascendente esercitato da questa lingua sia nella varietà linguistica che gode di maggior prestigio, l’italiano, sia nelle sue varietà diatopiche e diastratiche: il dialetto. Nella vita quotidiana di tutti noi, dal bambino che frequenta le scuole elementari al ragazzo liceale, alla segretaria impiegata in ufficio, al pensionato o all’agricoltore, qualunque sia la professione svolta o il bagaglio culturale del soggetto, la lingua inglese è parte integrante dei discorsi quotidiani, sostituendo talvolta termini italiani ormai desueti e perché no, ponendosi come tratto peculiare di un parlato volutamente distinto o “alla moda”.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Luana Sbalbi Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2059 click dal 16/01/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.