Skip to content

Il welfare state e il welfare aziendale in Italia: criticità e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Nociforo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Carmelo Bruni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Nonostante le espresse criticità, il welfare aziendale risulta essere sicuramente uno strumento molto utile che apporta molti benefici interni ed esterni alle imprese a patto, però, che non sostituisca né prescinda dalle politiche sociali. Il rischio è che il potenziamento del welfare integrativo, dettato dalla debolezza dello stato sociale e dagli sgravi fiscali concessi dallo Stato in suo favore, porti ad un ritorno al modello assicurativo bismarckiano e all'affermazione della categoria degli iper-garantiti. Gli effetti collaterali di un tale cambiamento, tuttavia, farebbero rimpiangere l'attuale modello universalistico senza il quale la società sarebbe permeata da forti differenze socio-economiche in cui solamente i cittadini lavoratori avrebbero un tenore tendenzialmente alto di vita, contrariamente al resto della popolazione che non usufruirebbe né dei servizi sociali
precedentemente garantiti dallo Stato, né delle prestazioni erogate dal welfare aziendale. È necessario, dunque, che lo stato sociale recuperi credibilità garantendo una protezione ai bisogni reali di tutti i cittadini e che favorisca le dinamiche di costruzione del welfare community.
Ciò si sostanzia, anzitutto, in un'azione statale volta all'eliminazione delle cinque caratteristiche ascoliane. A tal scopo l'Italia potrebbe adottare, su ispirazione della best practice del CESU francese, un sistema di voucher universale.
Questo garantisce la tutela ai lavoratori che erogano i suddetti servizi e alle famiglie che beneficiano delle prestazioni e permette allo Stato di aumentare l'occupazione e regolarizzare il lavoro informale, incrementando le entrate grazie alle imposte che ne derivano. Grazie ai molteplici servizi svolti a domicilio, il voucher universale permette anche di sollevare le famiglie dal ruolo di ammortizzatore sociale, favorendo una migliore conciliazione vita-lavoro soprattutto per le donne e costituendo un forte impulso allo smantellamento del familismo. Inoltre il suo sistema basato sull'erogazione di servizi e non di trasferimento monetario indebolisce il clientelismo e conseguentemente anche il particolarismo. Infine, solo creando un welfare community strutturato lo Stato può valorizzare gli attori e le risorse a disposizione evitandone sprechi. È necessario, quindi, ridisegnare nuovi modelli di governance che permettano alla molteplicità degli attori privati e pubblici coinvolti di implementare i processi di policymaking collaborando e condividendo risorse tra di loro. In un tale contesto di decentramento lo Stato, in qualità di garante del principio di sussidiarietà verticale, si configura come il legittimo regolatore e “supervisore” dei meccanismi relazionali dei vari attori del welfare community. Al decentramento si deve, però, accompagnare una federalizzazione fiscale, senza la quale, lo Stato risulta il “pagatore di ultima istanza” di una spesa che in gran parte regionale e locale favorisce l'esplosione di costi.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Nociforo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Carmelo Bruni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Le politiche sociali costituiscono il cuore pulsante del welfare state giacchè promuovono la cittadinanza sociale garantendo la protezione dei cittadini. Il welfare state, infatti, in quanto tale si pone l’obiettivo di diffondere il “benessere” come condizione di cui i singoli individui tutti possono beneficiare. La Repubblica Italiana si pone come garante dei «[…] diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità […]» (art. 2, Costituzione). Il welfare state, in osservanza ai principi costituzionali, tutela la dignità sociale. Per raggiungere i suddetti obiettivi lo Stato interagisce con altri attori quali il mercato, il terzo settore e la famiglia e opera tramite l’erogazione di molteplici politiche inerenti ad ambiti differenti della vita dei cittadini. Come si vedrà meglio nel testo, lo stato sociale è frutto di un’evoluzione durata diverse centinaia di anni e che ha preso forma in modo differente a seconda del contesto geografico di riferimento, ma che conosce il suo assetto “definitivo” intorno agli anni ’70 del secolo scorso, quando la crisi economica infligge duri colpi allo Stato che, in un clima di austerità, dà inizio ad una lunga ondata di riforme in senso restrittivo. Si ha, dunque, una situazione di stallo: lo Stato assistenziale non dispone di risorse da fornire alla cittadinanza, i mutamenti sociali imperversano modificando di fatto i bisogni ed i rischi della popolazione, la disoccupazione aumenta, la popolazione invecchia, le nascite diminuiscono, la globalizzazione rende vulnerabili i confini nazionali alle crisi economiche apportando cambiamenti strutturali agli Stati Nazione. Lo Stato sociale collassa. È, dunque, in questo contesto che nasce l’esigenza di un welfare rinnovato, che sappia rispondere ai bisogni reali dei cittadini. Si fa avanti il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi