Skip to content

La Baraonda di Gerolamo Rovetta: contesto storico-politico ed analisi delle strutture narrative

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Marino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Martino Marazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

La Baraonda di Gerolamo Rovetta rappresenta un affresco della società postunitaria meneghina che l’autore dipinge attraverso l’utilizzo di strumenti quali l’ironia e il linguaggio comune, mettendo a nudo le speculazioni affaristiche, il decadimento morale e l’opportunismo della rampante classe borghese cittadina. Il presente studio si è posto l’obiettivo di osservare ed approfondire da un punto di vista storico-politico e narrativo quella che da buona parte della critica è considerata tra le opere migliori dell’autore, il quale fu egregio interprete dell’arte romanzesca e teatrale della Milano di fine XIX secolo. Tenendo presente il bagaglio culturale pregresso e le vicissitudini politiche che Italia dovette fronteggiare, si è preso, innanzitutto, in esame il contesto postunitario italiano e ambrosiano sia per quel che concerne lo sviluppo socio-economico ed urbanistico di fine secolo, sia per quel che concerne la produzione narrativa, delineata considerandone i suoi principali mutamenti, le rinnovate circostanze e i più diffusi influssi nazionali ed europei che gli scrittori di romanzi dovettero considerare. La ricerca è stata condotta sulla base di testi storici, saggi critici e di altri lavori di autori moderni e contemporanei che hanno scrupolosamente approfondito la storia e le strutture del romanzo prodotto sul finire dell’Ottocento nella «città più città d’Italia» (Verga), permettendo di comprendere e giudicare al meglio la cornice politico-culturale nazionale e cittadina in cui Rovetta si trovò ad operare. Dell’eclettico Rovetta, scrittore di origini bresciane naturalizzato milanese, si è cercato di fornire un quadro esaustivo che prende avvio da una dettagliata biografia del personaggio, arricchita con alcuni singolari aneddoti estratti dagli studi di Enrico Bevilacqua e affiancata ad una panoramica generale sulla produzione romanzesca e teatrale. Si è poi scavato nella mente critica dell’autore attraverso l’analisi di alcuni dei suoi numerosi articoli sapientemente riuniti nel 1912 da Paolo Arcari. Si è ritenuto, infine, di effettuare una disamina dei motivi che posero l’autore della Baraonda al centro di quella cerchia di artisti e personaggi di spicco che solevano radunarsi al caffè Cova o alla trattoria Canetta e che contribuirono a rendere Milano fulcro centrale del nord Italia, intorno al quale ruotava tutto ciò che riguardasse la cultura ed il pensiero intellettualedell’epoca. Le opere di Gerolamo Rovetta, così come gli altri suoi scritti, circolarono e vennero apprezzate e discusse soprattutto in ambito borghese a cavallo tra i due secoli,e non solo a Milano. La pressoché totale assenza del nome di Rovetta nella storiografia letteraria italiana stona alquanto, infatti, con la vastità e la diversità della produzionedell’autore, capace di mettere in atto una impressionante attività critica che lo rese personaggio stimato e controverso nel panorama artistico milanese. Perché proprio La Baraonda? Per quanto sia generalmente riconosciuto che Romanticismo (1901) rappresenti il manifesto dell’arte scrittoria rovettiana a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, e senza nulla voler togliere ad altri apprezzatissimi componimenti, probabilmente in nessuno di essi si riscontrano l’originalità di ispirazione, la varietà di situazioni create e lo svolgimento imprevedibile di alcuni caratteri che è possibile apprezzare, invece, nella Baraonda. L’escalation affaristica del cavalier Cantasirena consente al lettore di penetrare nel profondo della realtà alto borghese della Milano di fine Ottocento, collusa con la politica, condizionata dal malaffare e dagli intrighi di palazzo, che l’autore riesce a raccontare meticolosamente attraverso l’utilizzodi un linguaggio semplice, scorrevole, capace di arrivare agevolmente ai più. Ad una ampia introduzione all’opera è seguito un approfondimento narratologico che ha preso in esame tutti i principali aspetti inerenti le caratteristiche strutturali e le scelte compositive volute dall’autore. Un attento focus è stato riservato ai personaggi, concepiti da Rovetta come delle vere e proprie macchiette dipinte con arguzia ed ironia, le cui vicende si svolgono su uno sfondo cupo, corrotto come la realtà che li circonda, in cui predominanti sono i temi del falso amor patrio e dell’avidità di denaro. La penuria produttiva intorno all’opera di Rovetta è stata colta come spunto significativo per realizzare il presente lavoro, che vuole fungere non come punto d’approdo, ma di partenza per la riscoperta di un autore ingiustamente accantonato dal canone letterario moderno e contemporaneo, ma che in verità molto ha avuto da dire riguardo alla Milano che fu e a chi la viveva, nell’epoca in cui la città conobbe uno dei suoi periodi di maggiore sviluppo.

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Marino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Martino Marazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
33 II Gerolamo Rovetta «E’ destino comune agli uomini di genio, Aristide, l’Alighieri, Camoens, Fulton, Fara-Bon, che le loro grandi idealità, le loro grandi scoperte, le loro grandi invenzioni, debbano imporsi e trionfare soltanto dopo la loro morte». (G. Rovetta, La Baraonda, Treves, Milano, 1894, p. 38) 2.1 Cenni biografici e panoramica sulle opere Gerolamo Rovetta (Brescia, 30 Novembre 1851 – Milano, 8 Maggio 1910) 17 fu scrittore, commediografo e romanziere della belle èpoque milanese. Apparteneva ad una famiglia di commercianti e patrioti dell’alta borghesia lombarda. Edmondo De Amicis racconta 18 come, ai tempi della Repubblica Cisalpina, che tra il 1797 ed il 1802 17 Il luogo di nascita è stato spesso oggetto di controversie e di congetture nel corso della storia. In realtà lo stesso autore, per quel che riguarda le sue origini, dichiarava in un’intervista: «Mi si crede veronese, ma io sono nato a Brescia e ci tengo al mio bel Duomo vecchio, alla mia torre del Pegol, al mio bel castello». Cfr. Sacchetti, Gerolamo Rovetta. Le idee, le azioni e gli scritti di uno scapolo illustre, in «Varietas», Milano, vol. III, 1906, n. 22, p. 138. Le medesime controversie sono state aperte riguardo alla data, che però fu sicuramente il 3 Marzo 1851, come conferma il registro battesimale di Sant’Agata in Brescia, che reca la seguente attestazione: “natus die tertia huius mensis”. Ma tale indicazione cronologica fu erroneamente posticipata da diversi critici, studiosi ed amici che con l’autore ebbero a che fare o che studiarono le sue carte. Cfr. Francesco Pagliccia, Ritratto d’autore: Gerolamo Rovetta, 1954, In «Studi Medievali e moderni», anno 2003, n.1. pag. 307. 18 Cfr. Edmondo De Amicis, Lettera ad un Americano, in «Natura ed Arte», Milano, 15 Aprile 1902, p. 651 ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

romanzo
milano
de amicis
strutture narrative
la baraonda
rovetta
gerolamo rovetta
baraonda
contesto storico-politico
arcari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi