Skip to content

Tutela dell’ambiente e strumenti tributari per la gestione ottimale di rifiuti e imballaggi

Informazioni tesi

  Autore: Erica D' Ambrosio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Francesco Crovato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

Questo elaborato ha l’obiettivo di presentare il percorso evolutivo negli ultimi cinquant’anni della politica ambientale interna e comunitaria, il quale ha permesso l’implementazione dei principi fondamentali per la tutela dell’ambiente. Tali principi sono indispensabili per l’attuazione di specifici strumenti di intervento ambientale, che si configurano in strumenti di tipo autoritativo e strumenti di mercato. All’interno di questi ultimi emergono gli strumenti tributari, i quali si ritengono essere i più efficaci al fine di “orientare il mercato verso nuovi, più efficienti e concorrenziali, modelli di produzione”. L’analisi dei vari strumenti a disposizione delle istituzioni e dei principi su cui si fonda la tutela ambientale risulta indispensabile al fine di affrontare la questione della gestione dei rifiuti e degli imballaggi. In particolar modo l’elaborato mette in evidenza il passaggio da una gestione dei rifiuti non sostenibile, le cui principali soluzioni d’intervento sono lo smaltimento in discarica e l’incenerimento, verso una gestione capace di promuovere la prevenzione e il recupero dei rifiuti mediante riciclo, reimpiego, riutilizzo o ogni altra azione intesa a ottenere materie prime secondarie, al fine di ridurre al minimo l’esistenza dei rifiuti nell’ambiente.
Tutto ciò risulta essere realizzabile attraverso una gestione integrata che controlla l’intera filiera dei rifiuti e attraverso l’imputazione dei costi secondo il principio “chi inquina paga” e il principio della “responsabilità estesa del produttore”.
Verrà analizzata pertanto la TARI che, sulla base del principio “chi inquina paga”, è lo strumento tributario nazionale che pone in capo al consumatore la responsabilità per i rifiuti urbani da lui prodotti, dei quali è chiamato a sostenere gli oneri di gestione del servizio erogato dalla Pubblica Amministrazione.
Diversamente, nel caso degli imballaggi, la responsabilità retrocede in capo ai loro produttori ed utilizzatori, responsabili di aver immesso sul mercato beni destinati a trasformarsi in rifiuti in tempi brevi. La gestione dei rifiuti da imballaggio è pertanto
realizzata dai soggetti coinvolti nel settore attraverso un sistema a base consortile, il Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI). Il CONAI, al fine di ripartire il costo per i maggiori oneri della raccolta differenziata, per il riciclaggio e per il recupero dei rifiuti di imballaggio, applica in capo ai consorziati il contributo CONAI, che viene commisurato in base alla quantità e alla tipologia dell’imballaggio. In particolare, verrà approfondita la gestione degli imballaggi in plastica, che negli anni ha destato preoccupazioni allarmanti riguardo le conseguenze dello smaltimento incontrollato di questo materiale nell’ambiente e per la salute umana, e di come il CONAI ha scelto di utilizzare la leva contributiva al fine di incentivare la riduzione della produzione dei rifiuti di imballaggi in plastica e il loro impatto ambientale attraverso la diversificazione contributiva.
Per concludere verrà analizzato il processo di transizione dell’Unione Europea e dell’Italia verso l'economia circolare, ossia un’economia capace di rigenerarsi in maniera autonoma, nel quale “il valore dei prodotti e dei materiali si mantiene il più a lungo possibile; i rifiuti e l'uso delle risorse sono minimizzati e le risorse mantenute nell'economia quando un prodotto ha raggiunto la fine del suo ciclo vitale, al fine di riutilizzarlo più volte e creare ulteriore valore”
Verranno descritte le principali misure di natura fiscale a sostegno della transizione verso l’economia circolare, in particolare le agevolazioni fiscali volte a promuovere l’acquisto di imballaggi prodotti con materiali biodegradabili e compostabili e di beni composti prevalentemente da materiali riciclati.
Infine, saranno analizzate le politiche di contrasto per l’inquinamento, in particolare quello generato dai prodotti in plastica, attraverso restrizioni e divieti di distribuzione di particolari prodotti monouso e della recente introduzione dell’imposta MACSI (imposta sul consumo dei manufatti in plastica con singolo impiego) all’interno dell’ordinamento italiano, come misura volta a disincentivare l’impiego degli imballaggi monouso in plastica e promuovere l’uso di imballaggi ecocompatibili.

Informazioni tesi

  Autore: Erica D' Ambrosio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Francesco Crovato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La tutela dell’ambiente e della salute hanno assunto un’importanza crescente nelle agende politiche internazionali e comunitarie, sempre più orientate a promuovere l’educazione ad uno sviluppo sostenibile, “che soddisfi i bisogni presenti senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri” 1 . I modelli economici tradizionali, basati sul processo «estrarre, produrre, possedere, gettare» hanno permesso sì una rapida crescita dell’economia e della ricchezza ma, al contempo, lo sfruttamento intensivo delle risorse naturali e l’inquinamento generato da questi processi hanno prodotto enormi danni ambientali all’intero ecosistema con rilevanti ripercussioni sulla salute dell’uomo. I rifiuti, che nell’ultimo secolo sono cresciuti in maniera esponenziale, sono stati finora trattati come un “problema” da gestire al minor costo possibile. Tale considerazione ha condotto ad uno smaltimento incontrollato degli stessi nel suolo e nei mari, con conseguenze catastrofiche per l’ambiente e per la società. Il degrado ambientale, il cambiamento climatico, il sovraconsumo, la crescita economica illimitata hanno condotto le istituzioni a ritenere indispensabile un cambiamento strutturale del sistema economico e sociale, il quale deve condurre verso un nuovo modello di economia che rispetti l'ambiente, che non produca rifiuti ma sappia creare ricchezza e benessere con il riutilizzo e la rigenerazione delle risorse. In questa ottica i rifiuti non sono più considerati un problema, ma un’opportunità economica e sociale per i cittadini e per lo sviluppo del Paese. Per realizzare ciò è indispensabile che le istituzioni implementino significative modifiche legislative, volte ad incentivare tutti gli attori economici ad adottare comportamenti virtuosi in merito all’ambiente e alla sua tutela attraverso l’introduzione di strumenti di intervento. Questo elaborato ha l’obiettivo di presentare il percorso evolutivo negli ultimi cinquant’anni della politica ambientale interna e comunitaria, il quale ha permesso l’implementazione dei principi fondamentali per la tutela dell’ambiente. 1 Rapporto Brundtland, Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo (WCED), 1987

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
imballaggi
plastica
tutela
tarì
tributi
conai
strumenti tributari
macsi
plastic tax

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi