Skip to content

IA. Una critica fenomenologica al concetto di intelligenza artificiale

Informazioni tesi

  Autore: Valfredo De Matteis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Davide Poggi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

Il dibattito a proposito della questione dell'intelligenza artificiale è tanto più infuocato, quanto meno appaiono limpidi i concetti utilizzati in questo scontro da entrambe le fazioni. L'intelligenza artificiale esiste, è una possibilità reale? Le macchine svilupperanno mai una coscienza? Più che negare la fattibilità di questo progetto, occorre chiedersi su quali presupposti questo tentativo si fondi, e che cosa si intenda veramente quando si utilizza il termine: "intelligenza artificiale". Prima di tentare di sviluppare qualcosa del genere, bisognerebbe domandarsi se il concetto, di per sé, abbia senso, che cosa sia l'intelligenza e in che senso questa possa essere considera artificiale. La fenomenologia, col suo desiderio di tralasciare le incrostazioni superficiali per dirigersi direttamente al cuore delle cose, può aiutarci a fare chiarezza in una questione che giorno dopo giorno diventa sempre più problematica e scottante.

Informazioni tesi

  Autore: Valfredo De Matteis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Davide Poggi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Breve storia dell’intelligenza artificiale Si è scelto di dare inizio a questa tesi con un capitolo di taglio storiografico, vòlto a fornire delle coordinate temporali generiche, ma chiare, su cosa si intenda per “intelligenza artificiale”, “sistemi intelligenti” e “sviluppo della robotica”. Tutti questi termini, ora come ora, sono stati dati per sinonimi e utilizzati come se non presentassero né caratterizzazioni né differenze al loro interno: si vedrà presto che non è così, che essi si sono sviluppati e hanno assunto un significato ben preciso solo con il passare dei decenni – particolarmente nel secolo scorso – ed è proprio in relazione alle variazioni di significato di queste parole fondamenti che è possibile sviluppare una storia della robotica, per quanto breve, che vada dall’ormai “preistorico” flautista viennese, in grado di incantare gli aristocratici alla corte di Vienna, alle più recenti scoperte e invenzioni dell’intelligenza artificiale. Questo capitolo ha due obiettivi: il primo, come già detto, è quello di delineare un contesto, affinché le riflessioni dei prossimi capitoli possano ancorarsi su qualcosa di solido. Ci si addentrerà nei dettagli tecnici, che spesso sono irrilevanti ai fini di una trattazione filosofica, nella misura in cui ciò sia utile a una migliore definizione dei concetti posti in gioco. Il secondo obiettivo, forse più importante del primo poiché più direttamente implicato nella questione, è quello di preparare il lettore al “salto” di cui abbiamo detto nell’introduzione, ovvero dare quel contesto che dovrà poi essere rimosso dalla messa tra parentesi eidetica richiesta dal metodo fenomenologico. Lo sviluppo della robotica e dell’intelligenza artificiale non è assolutamente qualcosa che si sia evoluto unicamente sul piano dell’ingegneria, a livello di un semplice sviluppo tecnico; al contrario, ogni singolo passo in avanti sul piano della realizzazione pratica è stato anticipato da uno sviluppo fondamentale a livello teorico, e prima ancora filosofico, dove la concezione fondamentale dell’àutoma – il vero termine fondamentale, che soggiace all’intera storia della robotica – è mutata attraverso vari livelli, fino ad arrivare alla concezione attuale, quella dell’automa inteso come androide, iniziata da Alan Turing negli anni ’50 del secolo scorso e confermata in tanti e tanti film di fantascienza che noi tutti conosciamo e abbiamo imparato ad amare. 18

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi