Skip to content

Il minimo margine di solvibilità: un procedimento di valutazione mediante le reti neurali

Informazioni tesi

  Autore: Amedeo Poli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Ermanno Pitacco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

In una logica di allocazione efficiente del capitale, è indispensabile per ogni impresa, assicuratrice e non, richiedere ai propri azionisti un capitale di rischio adeguato all’esercizio della propria attività, ma non arbitrariamente superiore a quello necessario, pena la scarsa redditività del relativo investimento degli azionisti e di conseguenza la scarsa fiducia da parte del mercato.
L’obiettivo della mia tesi è proporre una una metodologia di valutazione del minimo margine di solvibilità, di un impresa assicuratrice del ramo vita, attraverso le reti neurali. Il lavoro è suddiviso in quattro capitoli. Nel primo spiego cosa sia il minimo margine di solvibilità e quali siano le tecniche utilizzate per la sua valutazione. In sostanza il minimo margine di solvibilità consiste nel capitale minimo necessario per far fronte, con una probabilità assegnata (sufficientemente elevata), agli impegni presenti e futuri di un’impresa assicuratrice. Dopo aver elencato i fattori di rischio di cui si deve tenere conto nell’analisi di gestione di un’impresa vita (mortalità, redditività e valore degli investimenti, inflazione e spese per abbandoni e valori di riscatto, distribuzione dei capitali assicurati….) e delle relazioni esistenti tra questi, illustro brevemente quali siano le due metodologie (analitica e simulativa) principalmente utilizzate al fine della suddetta valutazione. Mi soffermo principalmente sulla simulativa essendo, questa, la procedura normalmente utilizzata ed essendo inoltre il punto di partenza dal quale sviluppo il mio metodo.
Nel capitolo secondo spiego in cosa consistano le reti neurali; la loro struttura e le modalità di utilizzo. Le reti neurali sono una tecnica mediante la quale si possono raggiungere principalmente due tipi di risultati:
a) riconoscimento di forme in base a determinate caratteristiche (pattern recognition)
b) approssimazione di forme funzionali qualsiasi (che è il fine per il quale utilizzo questa tecnica).
La modalità di utilizzo di tale strumento è molto empirica. Si divide il set dei dati disponibili in due: un training set (molto più ampio) ed un validation set. Sul primo viene effettuato il cosiddetto addestramento: presentando alla rete in sequenza gli input e il/i relativo/i output, tale struttura “impara” la relazione esistente tra le variabili. Sul validation set viene valutata invece l’attendibilità della relazione individuata. In un libro di H.White(1992) (Artificial Neural Networks: approximation & learning Theory, Blackwell) si dimostra come le reti possano approssimare con la precisione desiderata l’insieme delle funzioni continue. Un altro punto fondamentale che evidenzio in questo capitolo è che le reti neurali sono uno strumento facilmente utilizzabile e per il cui utilizzo non è necessario fare alcuna ipotesi particolare sulle caratteristiche o sulla distribuzione delle variabili coinvolte.
Nel terzo capitolo propongo la mia metodologia di valutazione. Nelle simulazioni normalmente si simula un certo numero di fattori di rischio e da questi si calcolano successivamente i risultati. Il problema è che questi fattori di rischio sono normalmente collegati tra di loro anche se in maniera difficilmente esplicitabile e individuabile. Quello che propongo è di suddividere questi fattori di rischio in due categorie: fattori di rischio primari e secondari. I secondari sono in qualche maniera causati (anche se non interamente) dai primi. Attraverso le reti neurali intendo individuare le relazioni esistenti tra fattori di rischio primari e secondari; in questo modo, simulando solamente i primi e prevedendo attraverso la rete i secondi, mi propongo di ottenere una stima più precisa del margine di solvibilità. La verifica di tale procedimento è fatta attraverso una simulazione al computer. Nel capitolo successivo effettuo una applicazione a dati reali.
In quest’ultimo capitolo voglio valutare la capacità di previsione delle reti neurali quando applicate a dati reali. La variabile sulla quale mi soffermo (che ho utilizzato anche nella simulazione in “laboratorio”) è il rendimento dei titoli di stato americano e delle relative relazioni con l’inflazione. Inoltre effettuo anche un confronto con uno dei metodi statistici già collaudati per questo tipo di studi ossia la transfer function analysis sulla quale mi soffermo brevemente nella prima parte del capitolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università Commerciale Luigi Bocconi IL MINIMO MARGINE DI SOLVIBILITA’: UN PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE MEDIANTE LE RETI NEURALI Riassunto Relatore: Prof. Ermanno Pitacco Correlatore: Prof. Lorenzo Peccati Tesi di laurea: Amedeo Poli 703967

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assicurazioni vita
reti neurali
valore atteso
matematica finanziaria
margine di solvibilità
imprese di assicurazione
valutazione del rischio
economia delle assicurazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi